Crea sito

Risotto di farro con vescie – farrotto ai funghi

Risotto di farro con vesce ORTAGGI che passione by Sara Grissino Farrotto

Il risotto di farro con vescie (o farro risottato o farrotto) è una ricetta per un ottimo primo piatto con i funghi del sottobosco.

Le sloffe sono funghi bianchi a palla con corpo tondeggiante e ricoperti da una membrana più dura che si toglie facilmente (coperta di numerose granulosità – spore facilmente staccabili). Crescono spesso in gruppo. La carne (gleba) da giovane è candida e bianca per poi diventare col passare del tempo: biancastra, giallastra, ocra, bruna e poi nera. Quando la polpa interna diventa molle e scura oppure pulverulenta non sono più commestibili. Quando invecchiano diventano flosce e se schiacciate si sgonfiano rilasciando una specie di gas polveroso, scuro e dall’odore sgradevole (la polvere è la massa di spore che sta per diventare matura e quindi viene rilasciata all’esterno dall’apertura nella loro parte superiore del fungo).

Raccogliere e toccare la carne di una loffa matura significa respirarne la polvere e le spore, che sono irritanti o possono causare allergie.

ATTENZIONE:

utilizzare in cucina solo le vesce bianchissime, compatte e sode, senza alcuna sfumatura colorata.

Gli esemplari più grandi si possono sbucciare (per renderli più digeribili).

CONSUMARE dopo breve tempo dalla raccolta, in quanto deperisce rapidamente.


Altri nomi comuni e dialettali del fungo Lycoperdon perlatum (o Lycoperdon pyriforme)

bessa lupèa, besse, bovist, cocche, funghi palline, lofa, loffa di lupo, loffe, lupu, pet ad’ luu, pete dal loup, peton del lof, peto di lupo, petto di lupo, pettu de luvu, pirita, piritu i lupu, puzze di volpe, puzzole, scorese del diavolo, sloffa, tabbaccu ‘e mrexiani, vecce, veccie, vessa, vesce, vescia, visciole


STAGIONALITA’ del fungo Vescia: dall’estate fino a tutto l’autunno

Risotto di farro con vescie ORTAGGI che passione by Sara Grissino
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 25 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 persone

Ingredienti

  • mezzo litro Brodo vegetale
  • mezza Cipolla bianca (o dorata)
  • 80 g vesce pulite (o altri funghi misti)
  • 140 g Farro perlato (o orzo)
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale
  • 2 cucchiai Vino bianco (facoltativo)
  • q.b. prezzemolo fresco (facoltativo)

per una versione vegetariana

  • una noce Burro
  • due cucchiai formaggio grattugiato (facoltativo)

Preparazione

  1. Risotto di farro con vescie

    Prima di tutto, preparare il brodo vegetale.

    Sbucciare, lavare e tagliare a fette sottili la cipolla. In una padella bassa e larga farla appassire, per circa 5 minuti, con metà olio e metà acqua.

    Nel frattempo pulire i funghi e tagliarli a pezzi regolari. Aggiungerli alla cipolla e farli insaporire qualche minuto. Salare.

    Lavare il farro e versarlo nella casseruola, mescolare e sfumare con del vino bianco (facoltativo).

    Versare gran parte del brodo caldo e lasciare cuocere a fuoco medio – basso il farrotto fino a cottura. All’occorrenza aggiungere altro brodo.

    Una volta pronto il farro risottato spegnere il fuoco e mantecarlo con una noce di burro (per i vegani: margarina o panna vegetale).

    Spolverare il risotto di farro con vescie con del prezzemolo tritato e servire caldo accompagnato, a scelta, con del formaggio grattugiato.

I CONSIGLI di SARA

altre IDEE per cucinare le sloffe:

  • ♠ nella frittata o nelle uova strapazzate
  • ♣ con le patate (da aggiungere 10 minuti prima della fine cottura)
  • ♥ impanate, fritte o grigliate alla piastra
  • Vesce al pomodoro
  • ♠ nel misto funghi
  • ♣ come sugo della pastasciutta
  • ♥ come ripieno di pasta fresca

Prova a usare l’orzo per fare il risotto d’orzo di zucca (o orzo risottato o orzotto)

Prova la PASTA con FUNGHI PORCINI


Per restare informato sulle ultime ricette di ORTAGGI che PASSIONE seguimi su FACEBOOK o su INSTAGRAM o su TWITTER.

Copyright © Ortaggi che passione by Sara

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Sara Grissino

Cuoca green, seguo la stagionalità degli alimenti nella preparazione dei miei piatti. Amo conoscere, sperimentare in cucina i prodotti della campagna e non solo. Solare, mi piace stare in mezzo alla gente, condividere emozioni ed imparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.