Sarchiapone (per Santa Maria Maddalena)

Il Sarchiapone è una ricetta tipica di Atrani (SA) dedicata a Santa Maria Maddalena, che si festeggia il 22 luglio. Questa per me sarà una settimana impegnativa, perché domani è il mio compleanno, con festeggiamenti annessi, e mercoledì comincerà la mia nuova collaborazione su Instagram (devo ancora finire di scrivere la ricetta in programma). Quindi, l’ideale sarebbe stato non complicarmi ulteriormente la vita con altri piatti impegnativi ma non potevo non fare il Sarchiapone. Al di là del valore religioso della ricetta, ci tenevo a fare questo piatto anche perché, alcuni anni fa, con la compagnia teatrale di cui facevo parte, recitai nell’omonimo sketch comico che fu reso famoso negli anni ’50 da Walter Chiari. Io interpretavo la parte che fu di Carlo Campanini, il proprietario dell’animale immaginario. Se non l’avete mai visto, lo trovate su youtube: è davvero divertente!
Oltre allo sketch, il termine “sarchiapone” nel dialetto napoletano assume diversi significati, sempre negativi (sciocco, ignavo, pigro, goffo, credulone). Nel caso della pietanza in questione, è difficile capire a cosa debba il suo nome, anche se, da una breve ricerca, ho letto che il termine “sarchiapone” deriverebbe da una parola greca che significa “fatto di carne”: il ripieno di questo piatto è proprio a base di carne e infatti a Napoli indica una persona solo carne e niente cervello.
La preparazione di questo piatto non è proprio veloce ma nemmeno particolarmente difficile, anche se richiede una doppia cottura delle zucchine, prima fritte e poi passate in forno. Secondo la tradizione, si prepara con la zucca lunga verde ed è così che la presenta il libro “Santa Pietanza” di Lydia Capasso e Giovanna Esposito ma, per comodità, ho seguito la ricetta di Miria di www.dueamicheincucina.it, che usa le zucchine.
A differenza di altre ricette legate al culto dei santi, quella del sarchiapone è recente, dato che risale agli anni ’60 e probabilmente è ispirata a dei piatti simili calabresi.
Per quanto riguarda Santa Maria Maddalena, ovvero Maria di Magdala, la peccatrice della quale San Luca narra che fu liberata da sette demoni, è considerata dalla Chiesa la penitente trasformata dal pentimento e dall’amore di Cristo. Sappiamo che ella si unì al gruppo delle pie donne che seguirono Gesù fino alla fine della sua vita e che fu la prima persona alla quale Egli si mostrò dopo la resurrezione. La liturgia identifica Maria Maddalena con Maria sorella di Marta e di Lazzaro, che ottenne da Gesù la resurrezione del fratello, ormai sepolto da quattro giorni.
E’ la patrona di prostitute pentite, penitenti, cartai, giardinieri, profumieri e parrucchieri.

Provate anche le zucchine con ripieno di ricotta e parmigiano.

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 3zucchine (grandi)
  • 120 gcarne macinata mista (maiale e vitello)
  • 30 gpane raffermo
  • 20 gparmigiano Reggiano DOP (grattugiato)
  • 20 gpecorino (grattugiato)
  • 40 gmozzarella
  • q.b.salame napoletano (a cubetti (facoltativo))
  • 1uovo (piccolo)
  • q.b.sale
  • q.b.pepe nero
  • q.b.prezzemolo

Per friggere

  • q.b.farina (io ho usato la 00)
  • q.b.olio (io ho usato l’EVO)

Per la salsa

  • 400 gpassata di pomodoro
  • 1 spicchioaglio (io l’ho omesso)
  • 1 cucchiaioolio extravergine d’oliva
  • 2 fogliebasilico

Strumenti

  • 2 Ciotole
  • 1 svuotazucchine
  • 1 Padella
  • 1 Schiumarola
  • 1 Tegame
  • 1 Cucchiaino
  • 1 Pirofila

Preparazione

  1. Per preparare il Sarchiapone, per prima cosa fate ammollare il pane in una ciotola con acqua fredda.

    Nel frattempo, lavate le zucchine, asciugatele ed eliminate le estremità. Poi tagliatele a metà e svuotatele con l’attrezzo apposito.

    A questo punto, passatele nella farina e friggetele in una padella con abbondante olio bollente, fino a quando saranno dorate. Poi scolatele con la schiumarola e fatele sgocciolare su della carta assorbente.

    Intanto, preparate la salsa. In un tegame versate l’olio, unite l’aglio (che io, come sempre, ho omesso) e fatelo soffriggere per un paio di minuti. Poi aggiungete la passata di pomodoro ed il sale e lasciate cuocere a fuoco basso, finché la salsa non si sarà addensata, dopodiché eliminate l’aglio ed unite il basilico spezzettato. Tenete da parte.

    Ora preparate il ripieno. In una ciotola mettete la carne, il pane ben strizzato, la mozzarella tagliata a pezzettini, il parmigiano, il pecorino, l’uovo, il sale, il pepe, il prezzemolo tritato e l’eventuale salame e mescolate bene (potete usare anche le mani per far amalgamare bene gli ingredienti).

    A questo punto, con l’aiuto di un cucchiaino, riempite le zucchine ormai fredde con il ripieno di carne. Poi sistematele in una pirofila, copritele con la salsa ed infornate per circa 30 minuti a 180° (io ho usato la funzione ventilata).

    Infine, sfornatele, lasciatele intiepidire e servitele.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.