Crea sito

Pizza a sette sfoglie

La pizza a sette sfoglie è una torta antica, conosciuta probabilmente fin dal XVII secolo, di origine pugliese (se ne contendono la paternità Cerignola e Orta Nova), che deve il suo nome al fatto che è costituita da sette strati di pasta abbondantemente farciti con frutta secca, canditi e cioccolato. Viene chiamata anche “Pizza di tutti i Santi” e “Pizza a Sette Panni”. Come tutte le ricette tradizionali, ha molte varianti familiari: c’è, infatti, chi aggiunge della confettura, del liquore e altri tipi di frutta secca oltre alle mandorle. Nel 2014 questa torta è stata inserita nell’elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali.
La pizza a sette sfoglie ha una conservazione così lunga che a volte viene preparata ad Ognissanti per essere consumata un po’ alla volta fino a Natale. Alcuni, infatti, dicono che migliori con un lungo periodo di riposo ma se io l’avessi fatta con così tanto anticipo, sicuramente a Natale non ci sarebbe arrivata…
La ricetta della pizza a sette sfoglie è tratta dal libro “Santa pietanza” di Lydia Capasso e Giovanna Esposito. Rispetto alla ricetta originale, che utilizza una tortiera da 28 cm di diametro, io ho dimezzato le dosi e ho usato uno stampo da 21 cm.

Ti piacciono le mie ricette? Seguimi anche sulla mia pagina facebook https://www.facebook.com/michelavitantoniomanidipastafrolla/ o su Instagram https://www.instagram.com/mani_di_pasta_frolla/?hl=it

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Per l’impasto

  • 250 gfarina 00
  • 25 gzucchero
  • 25 golio extravergine d’oliva
  • 25 gvino bianco (tiepido)
  • 25 gcirca di acqua tiepida

Per il ripieno

  • 300 gmandorle tostate e tritate grossolanamente
  • 200 gzucchero
  • 175 gcioccolato fondente (tritato)
  • 125 gcedro candito (a cubetti)
  • 1/2 cucchiaiocannella in polvere
  • scorza grattugiata di 1 limone

Per la copertura

  • q.b.olio extravergine d’oliva (per spennellare)
  • q.b.zucchero a velo

Strumenti

  • 2 Ciotole
  • 1 Cucchiaio
  • 1 Piatto
  • 1 Mattarello o 1 sfogliatrice
  • 1 Pennello
  • 1 Tortiera da 21 cm di diametro

Preparazione

  1. Per preparare la pizza a sette sfoglie, per prima cosa impastate gli ingredienti per la sfoglia aggiungendo l’acqua un po’ alla volta; dovrete ottenere un impasto abbastanza sostenuto.

    Poi dividetelo in 7 panetti, 2 dei quali un po’ più grandi degli altri, poneteli in una ciotola coperta da un piatto e fate riposare per mezz’ora.

    Nel frattempo, mettete in una ciotola le mandorle, il cedro, lo zucchero, la scorza di limone, la cannella ed il cioccolato e mescolate.

    Passato il tempo di riposo dell’impasto, stendete uno dei due panetti più grossi tirandolo bene con un mattarello (in alternativa, potete usare una sfogliatrice regolata alla penultima tacca).

    Quindi, ungete il fondo della tortiera con un po’ d’olio, adagiate la prima sfoglia, facendo fuoriuscire i bordi, e spennellatela con un po’ d’olio.

    A questo punto, ricoprite abbondantemente con il ripieno.

    Poi prendete un altro pezzo di sfoglia e tiratelo a velo (se usate la sfogliatrice, regolatela all’ultima tacca) in modo che ricopra solo il fondo della tortiera e non le pareti, ungete e procedete come sopra, per cinque volte.

    Terminate con l’ultima sfoglia, che dovrà essere delle stesse dimensioni della prima, e ripiegate i bordi verso l’interno. Quindi, spennellate con l’olio ed infornate in forno preriscaldato (io ho usato la funzione statica) a 160° per circa 50 minuti, o comunque fino a quando la pizza diventerà dorata e si staccherà dalle pareti.

    Prima di sformarla, fatela raffreddare molto bene e servitela dopo almeno due giorni (vi confesso che il marito l’ha assaggiata il giorno stesso ed io il giorno dopo) spolverizzata di zucchero a velo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.