Crea sito

CAPONATA DI MELANZANE, ricetta originale della nonna!

La caponata di melanzane siciliana, ricetta originale della nonna, è un antipasto o contorno in padella facile della cucina siciliana tradizionale tipica di Palermo!
Pranzi movimentati, allegria, odore di fritto, odore d’aceto, profumo d’estate…. La caponata di melanzane riesce a far affiorare alla mente miriadi di sensazioni, odori, sapori, davvero  inscindibili da questo piatto vanto della cucina siciliana.
Perchè la caponata si chiama così?
Sia che derivi dalla salsetta utilizzata per conservare per poco tempo la cacciagione, fra cui il cappone, ingrediente che definiva tutte quelle preparazioni capponate, sia che si riferisca all’agro-dolce che condiva la lampuga tagliata a pezzi, pesce che in dialetto chiamiamo capone, da qui si spiegherebbe il nesso capone-caponata, la caponata rappresenta uno dei principali capolavori culinari della cucina siciliana.
Trovarsi davanti a questo piatto dagli svariati odori e sapori caratteristici della nostra cucina, è come rivivere in un attimo i millenni di storia che ci hanno accompagnato fino ai nostri giorni.
La ricetta di oggi fa parte di quella miriade di pagine, foglietti e “pizzini” volanti sui quali tutti, prima o poi, abbiamo trascritto ingredienti, procedimenti, tempi di cottura delle ricette prese al volo da parenti, amici o conoscenti e che si trovano ancora tra le pagine di un’agenda, dove “un giorno” potrebbero essere trascritte, ma che puntualmente si ritrovano accanto a ciotole, pentole, farina, olio e quant’altro, impregnandosi di volta in volta di odori, sensazioni e profumi appunto, oltre ai vari ingredienti che vuoi o non vuoi ti ritrovi tra le mani e di conseguenza sul foglietto del momento!
P.S. La caponatina è tra i piatti preferiti del mitico commissario Montalbano. Se, come me, siete suoi fan, date un’occhiata alle  ALTRE RICETTE DI MONTALBANO!

caponata di melanzane
  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni8 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 10melanzane ovali nere
  • 1grossa cipolla bianca (o 2 di medie dimensioni)
  • sedano (un mazzo)
  • 1 kgpomodori pelati
  • 2 cucchiaicapperi sotto sale (dissalati)
  • 300 golive verdi in salamoia (denocciolate)
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.olio di arachide (per friggere)
  • q.b.sale
  • Mezzo bicchiereaceto “buono” (preferibilmente bianco)
  • 3 cucchiaizucchero

Come si fa la caponata di melanzane

  1. Taglia le melanzane a cubetti (4 cm circa) e mettili sotto sale per almeno un’ora in uno scolapasta (considera che rilasceranno il liquido amarognolo, quindi metti un piatto o un recipiente sotto!)

    Nel frattempo prepara il sugo della caponata siciliana.

    Lava bene il sedano, taglialo a tocchetti (anche le foglie) e mettilo in un tegame. Ricopri il sedano a filo con acqua.

    Fai cuocere fino a quando l’acqua sarà prosciugata.

    A questo punto togli dal fuoco, quindi aggiungi la cipolla tritata grossolanamente e soffriggi il tutto con abbondante olio extravergine d’oliva.

  2. Aggiungi quindi i capperi ben risciacquati dal sale, le olive tagliate a metà o a rondelle e infine i pomodori pelati passati al mixer o passaverdure (in mancanza di pelati utilizza la conserva di pomodoro). Aggiusta di sale e fai cuocere a fuoco dolce, fino ad ottenere una salsa densa e saporita.

    Prima di togliere dal fuoco aggiungi lo zucchero e l’aceto per fare l’agrodolce, aggiustando eventualmente il dolce e l’agro secondo il tuo gusto.

  3. Friggi le melanzane per la caponata. Tampona bene le melanzane con dello scottex o uno strofinaccio pulito e friggile in olio caldo e abbondante, in questo modo le melanzane assorbiranno pochissimo olio!

    Scola le melanzane leggermente dorate passandole da uno scolapasta per eliminare eventuale eccesso d’unto oppure mettile su un vassoio con della carta assorbente da cucina.

  4. Unisci infine le melanzane al sugo della caponata preparato in precedenza (a fuoco spento!), mescola e fai raffreddare completamente prima di servire.

    Ti consiglio di preparare taaanto pane per accompagnare la caponata, non se ne potrà fare a meno con tutto quel “sughetto” sfiziosissimo!!!

Come conservare la caponata di melanzane

  1. Puoi fare la classica conserva di caponata mettendola ancora bollente nei vasetti sterilizzati e asciutti. Fai raffreddare lentamente al riparo dalla corrente coprendoli con delle pezze o copertine di lana.

    Personalmente trovo che sia più pratico conservare nei vasetti solo il sugo della caponata e surgelare le melanzane fritte (e raffreddate). Unire le due preparazioni sarà un gioco da ragazzi e le melanzane sembreranno come appena fritte.

    E il sugo potrai utilizzarlo per insaporire altre preparazioni (zucchine, carciofi, pollo, coniglio, pesce….)

Ho ricopio la ricetta come da “pizzino”, anche se io ne ho fatto una dose ridotta a misura di famiglia!

Come avrete capito al caponata è uno di quei piatti che si preparano nei pranzi “affollati” più o meno informali, ma se avanzasse, sappiate che diventa sempre più buona. Conservatela in frigo in un contenitore per alimenti in vetro, si mantiene bene anche una settimana!

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.