Turdilli alla calabrese, ricetta tipica natalizia

turdilli alla calabrese
 

I turdilli alla calabrese sono un dolce povero tradizionale, appunto, della Calabria, una sorta di gnocco fritto dolce cosparso di miele e decorato con zuccherini colorati. Come per ogni ricetta antica regionale italiana, ogni famiglia ha la sua versione che può differire sull’uso o meno delle uova o sulla tipologia di vino e miele utilizzati (la ricetta tipica vorrebbe il miele di fichi molto diffuso in Calabria, io non lo amo e ho quindi virato su quello di agrumi).
A seconda della zona della Calabria in cui vengono preparati vengono chiamati anche crustuli o cannaricoli
Ma vediamo nel dettaglio ingredienti, dosi e passaggi della ricetta!

turdilli alla calabrese
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni6-8 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti dei turdilli

  • 500 gFarina 00
  • 1Uovo (taglia M)
  • 50 gZucchero
  • 2 cucchiainiCannella in polvere
  • 40 gOlio extravergine d’oliva delicato (o olio di semi di girasole)
  • 250 gVino dolce (o Vermouth)
  • 400 gMiele
  • Olio di semi (per la frittura)
  • Zuccherini colorati (o altre decorazioni a scelta)

Preparazione

Disclaimer: all’interno della ricetta sono presenti link in affiliazione
  1. Inizia la preparazione dei turdilli alla calabrese setacciando la farina 00 e la cannella.

  2. Aggiungi lo zucchero e amalgama bene tutte le polveri.

  3. Continua la preparazione aggiungendo l’uovo, il vino e l’olio e comincia ad impastare prima con un cucchiaio di legno o una spatola e poi con le mani (in alternativa puoi usare una planetaria munita di gancio a spirale).

  4. Lavora l’impasto fino ad ottenere un panetto morbido e non appiccicoso (se necessario aggiusta con acqua o farina).

  5. A questo punto la preparazione è simile a quella degli gnocchi: taglia l’impasto in 8 parti e ricava da ognuna altrettanti filoncini larghi all’incirca 2cm.

  6. Taglia ogni filoncino a pezzetti della grandezza di uno gnocco: riga ogni turdillo sull’apposita tavoletta di legno (questa) o sui rebbi di una forchetta.

  7. Friggi i turdilli alla calabrese in olio profondo finchè non saranno dorati e falli scolare su carta paglia o carta assorbente.

    Se preferisci puoi utilizzare la friggitrice, impostala a 170°C e cuoci fino a che non saranno ben dorati.

    Ti consiglio la mia che ho da anni e con cui mi trovo benissimo –> Aigostar Agni 30HEY – Friggitrice 2200Watts, Capacità 3Litri, Controllo di temperatura, Ciotola d’olio removibile.

  8. Riscalda il miele a fuoco bassissimo finché non diventa abbastanza fluido, aggiungi i turdilli e amalgama bene il tutto.

  9. Traferisci i turdilli alla calabrese su un piatto da portata e decora con zuccherini colorati.

Turdilli alla calabrese – Per concludere

Tips: altre decorazioni molto utilizzate sono i canditi (soprattutto di cedro nell’alto Tirreno cosentino), confetti di anice e perline argentate.

Ti interessano altre ricette? Prova questa –> CRISPELLE ALLA CALABRESE

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.