Lenticchie in umido
E’ inutile che io lo nasconda: non vado proprio matta per i legumi e la situazione è rimasta inalterata per molti anni, visto che coltivo questo odio fin dall’infanzia. Poi, guidata dallo stesso spirito di sfida che mi ha portata a farmi piacere la zucca, mi sono avvicinata prima ai fagioli, e infine ho voluto dare una chance anche alle lenticchie.

Le lenticchie fanno bene: contengono pochi grassi, sono senza glutine e sono consigliate nei piani alimentari di chi combatte il colesterolo alto; ricche di antiossidanti e di fibre, di proteine e di altri nutrienti indispensabili, è proprio un peccato lasciarsele sfuggire.

Ho riassaggiato le lenticchie dopo tanto tempo a casa di amici diversi mesi fa (dall’infanzia non le toccavo più) e, cucinate in quel modo, mi sono piaciute. Così le ho replicate nella mia cucina, seguendo una ricetta trovata in un mio ricettario: il risultato è stato ottimo e di queste lenticchie in umido non ne è rimasta una!

Sarà il contributo degli altri ingredienti della preparazione, che portano una sferzata di sapore al piatto, ma le lenticchie in umido, in questo modo, sono piaciute a tutti e sono entrate di diritto tra i must della mia cucina. E nella vostra entreranno?

Lenticchie in umido

•••••

lenticchie in umido

scarica la ricetta stampabile

ingredienti | 4 persone

200 g di lenticchie secche
200 ml di passata di pomodoro
200 g di pancetta a cubetti*
una cipolla
una carota
una costa di sedano
uno spicchio d’aglio
una foglia di alloro
un rametto di timo
qualche mestolo di brodo
sale, pepe

* Potete usare anche un’unica fetta di pancetta, oppure, se avete l’abitudine di tenere in casa dei salumi, il fondo di pancetta che non riuscite più a gestire con l’affettatrice. Tagliate una fetta un po’ spessa e fatela a cubetti con un coltello ben affilato.

procedimento

Mettere le lenticchie in una ciotola e coprire con acqua fredda; lasciarle rinvenire per 3 ore.

Mondare il sedano, la carota e la cipolla, e preparare un trito grossolano. In una padella, soffriggere la pancetta a cubetti, senza aggiungere altro condimento, quindi unire il trito di verdure, l’aglio e bagnare con un mestolo di brodo; lasciare stufare qualche minuto, mescolando di tanto in tanto.

In una pentola, trasferire le lenticchie, il soffritto, la passata di pomodoro, l’alloro e il timo, quindi portare ad ebollizione. Lasciare cuocere coperto per 45 minuti circa** (o comunque fino a quando le lenticchie saranno tenere), aggiungendo altro brodo qualora il fondo di cottura si asciugasse troppo.

A cottura ultimata, rimuovere l’aglio e la foglia di alloro, regolare di sale e pepe e lasciare riposare 15 minuti. Servire calde, accompagnando con qualche bruschetta condita con un filo di olio.

un consiglio in più

** Il tempo di cottura delle lenticchie varia a seconda del tipo e delle loro dimensioni, pertanto, se non siete sicuri del tempo necessario alla cottura delle vostre lenticchie, verificate, di tanto in tanto, il grado di cottura.

una curiosità in più

Una credenza popolare accosta le lenticchie alla prosperità e alla fortuna: ciò è dovuto dalla loro caratteristica forma che ricorda le monete. Per questo motivo è diffusa l’usanza di mangiarle nel cenone di San Silvestro, come buon auspicio per il nuovo anno. Sono così piacevoli, però, da meritare di essere gustate anche in molte altre occasioni!

•••••

Lenticchie in umido

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)

2 Commenti su Lenticchie in umido al pomodoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.