Fagiolini e patate

La ricetta dei fagiolini e patate lesse l’ho pubblicata per la prima volta nel blog nel 2015 e da allora l’ho preparata spesso. Sono uno dei miei contorni preferiti. Per me i fagiolini migliori sono quelli da giugno a fine ottobre, più corposi e maturi rispetto a quelli di maggio. Perfetti quindi per i secondi che si preparano da maggio fin tutto ottobre, al massimo la metà di novembre se non è ancora arrivato il freddo invernale.

I fagiolini sono dei legumi ed il loro periodo di stagione va da maggio ad ottobre, perciò dall’estate all’autunno. Da molti potrebbero essere considerati degli ortaggi, perchè a differenza di fave, piselli, ceci e fagioli dei quali si mangiano solo i semi, dei fagiolini si mangia tutto il baccello.

Avendo rimesso mano alla foto di questa ricetta stamattina, ne ho approfittato per variare anche il formato da articolo a ricetta così da rendere questa ricetta della nonna ancor più completa di dettagli ed informazioni. Una cosa però volevo lasciarla, la prefazione del 2015. Spesso nella fan page di Facebook (se non siete follower potete iscrivervi cliccando qui) parlo di ingredienti che non mangiavo da piccola. I fagiolini erano una di quelle cose che davvero non volevo mangiare. Pensate che ora li preparo una volta a settimana nei periodi in cui son di stagione. Voglio poi lasciare questo pezzo di passato per ricordare una delle figure più importanti della mia vita, Chiesa Felice, il Direttore del Villaggio Turistico dove lavoravo nel 2015. Un uomo immenso che ho avuto la fortuna di conoscere. Di seguito, virgolettato, trovate la vecchia introduzione. Se non volete leggerla proseguite dopo le virgolette.

“Ieri pomeriggio il Direttore del Villaggio Turistico dove lavoro mi regala un bel sacchetto di fagiolini del suo orto e così ho deciso di prepararli come contorno per la cena. C’è una premessa da fare, io non mangio i fagiolini bolliti neanche se mi pregano in tutte le lingue del mondo. Come ho scritto delle volte nel blog, se una cosa non la mangio non la cucino. Per il mio ragazzo però, ogni tanto bisogna adattarsi ed accontentarlo. Così ho chiamato mia nonna Sandra, gli ho chiesto “come si preparano i fagiolini con le patate?” Lei mi risponde, in dialetto marchigiano: “oh figlia mia adè facile, bolli l’acqua, butti nell’acqua, butti giù e po tiri sù!” Ecco questa per mia nonna sarebbe la sua ricetta dei fagiolini lessi con le patate. Fortunatamente poi si spiega meglio, molla il suo dialetto e mi svela la sua ricetta per preparare questo contorno.”

Vi ricordo che potete diventare follower del profilo Instagram cliccando qui oppure della bacheca di Pinterest cliccando qui. Non perderete così nessun contenuto o ricetta!

Nel blog trovate tante ricette con le patate, vi lascio qui di seguito qualche altra idea:

fagiolini e patate lesse
Ricetta Contorno Fagiolini e Patate lesse
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera, Estate e Autunno

Ingredienti

per due porzioni di fagiolini e patate:

400 g fagiolini
100 g patate
1 pizzico sale
q.b. olio extravergine d’oliva
1 pizzico pepe
181,76 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 181,76 (Kcal)
  • Carboidrati 23,00 (g) di cui Zuccheri 6,93 (g)
  • Proteine 4,74 (g)
  • Grassi 9,83 (g) di cui saturi 1,45 (g)di cui insaturi 0,28 (g)
  • Fibre 6,58 (g)
  • Sodio 402,68 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 250 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Passaggi

prepariamo i fagiolini bolliti con le patate:

Iniziamo la preparazione dei fagiolini lessi con patate dal pulire e tagliare questo ultimo ingrediente. Con l’aiuto di un pelapatate andiamo a togliere la buccia alle due patate medio piccole che abbiamo scelto. Prendiamo poi un tagliere di legno ed un coltello. Ricaviamo tanti tocchetti della stessa grandezza così da facilitarci nella cottura delle patate.

Ora puliamo i fagiolini, togliamo le estremità con le mani o con un coltello. Quanti fagiolini ho pulito da piccolina con Nonna Licia, mi metteva seduta al tavolo della cucina con due ciotole, in una andavano i fagiolini e nell’altra la testa con la coda, come diceva lei. “Così aiuti la nonna!”.

Ora che abbiamo entrambi gli ingredienti pronti possiamo procedere per la cottura.

Versiamo in una pentola abbondante acqua, poniamola sul fornello e portiamola a bollore. Prima di aggiungere le patate saliamo l’acqua. Il tempo di cottura indicativamente è di 25 minuti, fate sempre la prova con la forchetta, se si infilzano facilmente son pronte. Perciò versiamo le patate e lasciamole cuocere da sole per circa 10 minuti. Passato questo tempo aggiungiamo i fagiolini e proseguiamo la cottura per altri 15 minuti.

fagiolini e patate lesse
fagiolini bolliti e patate

Scoliamo poi dell’acqua di cottura aiutandoci con uno scolapasta. Prendiamo ora una padella antiaderente, versiamo al suo interno due cucchiai di olio extra vergine d’oliva ed aggiungiamo le patate lesse con i fagiolini. Spolveriamo con del sale solo se necessario, quindi assaggiate il tutto prima, e spolveriamo con del pepe. Amalgamiamo per qualche minuti nella padella.

Servire poi i fagiolini con le patate ben caldi. Come sempre vi auguro buon appetito!!!

Nota: Nonna Licia aggiungeva una piccola spruzzata di limone quando saltava i fagiolini in padella. Io non lo amo molto, preferisco un filo in più di olio extra vergine d’oliva. Ma se siete curiosi o vi piace il mix potete provare. Ormai ci sono in vendita anche degli oli aromatizzati al limone.

Consigli:

La Nonna Sandra raccomanda di tagliare le patate a cubetti della stessa grandezza, così da non trovarvi con delle patate più cotte e che si sfaldano ed altre che invece son troppo dure e crude.

Consiglia inoltre di lessare i fagiolini fin quando il loro colore verde intenso resti vivido, perciò appena si infilzeranno con la forchetta senza sforzo saranno pronti da scolare dall’acqua di cottura.

“In questo contenuto ci sono uno o più link di affiliazione”

Seguite Le Ricette di Bea con i seguenti canali social:

Canale Telegram

Instagram

Facebook

Youtube

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *