Crea sito

Ragu’ di coniglio vecchia ricetta della tradizione

Ricetta rubata ad una amica tanti, tanti anni fa e chissà da dove arrivava…certo allora la carne di coniglio si usava molto più di adesso poi ce ne siamo dimenticati. Il Ministero delle politiche agricole alimentari ci tira le orecchie e oggi ce lo ricorda. Mi viene in mente che secoli fa preparavo un ragù di coniglio, vecchia ricetta della tradizione e quindi mi tuffo nel mio archivio segreto di ricette, di quelle che stanno li, dimenticate da anni e ci vuole la maschera antigas per non essere intossicati dalla polvere smossa, ma guai ad eliminarle. Prima o poi vengono buone ed infatti ecco arrivato il poi, quindi  mi metto subito all’opera. Questo ragù è molto delicato, molto adatto a condire della pasta fresca, tagliatelle o pappardelle, che si arricchirà in questo sugo profumato. Lo apprezzeranno tutti, anche i bambini a cui le carni bianche dal sapore delicato piacciono molto.

Ragu' di coniglio vecchia ricetta della tradizione
  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 1 e 30 Ora
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni:
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Carne di coniglio (già pulito, senza le ossa) 250 g
  • Polpa di pomodoro Qualche cucchiai
  • Carota 1
  • Gambo di sedano 1
  • Scalogno 1
  • Aglio 1 spicchio
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Basilico Qualche foglie
  • Vino bianco secco Mezzo bicchieri
  • Olio extravergine d'oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. La vecchia ricetta originale prevedeva la rosolatura del coniglio a pezzi e la cottura della carne nell’intingolo. Con il sugo si condivano le tagliatelle e il coniglio si serviva come secondo. Io ho modificato la ricetta e ho messo la carne nel ragù.

  2. Tagliate a fettine e poi a pezzetti il coniglio in modo da ottenere dei cubettini di carne adatti al ragù. Vi sconsiglio di tritare la carne in un mixer.

  3. Pulite e lavate tutte le verdure. Tritatele, compresi il basilico e il prezzemolo, non troppo finemente

  4. Rosolate la carne in olio evo abbondante e quando è ben dorata toglietela dalla pentola e conservatela a parte. Nel sughetto ottenuto fate appassire tutte le verdure per qualche minuto poi aggiungete il vino bianco, fate evaporare e unite poca salsa di pomodoro.

  5. Rimettete la carne nel sugo, salate e terminate la cottura del ragù di coniglio coperto e a fuoco lento.

  6. Quando condite la pasta aggiungete una generosa grattata di pepe e un filo di olio evo.

Note

Grazie per aver letto la mia ricetta, se vi è piaciuta e non volete perdervi le prossime cliccate qui, mettete mi piace e seguite la pagina Facebook di quasicotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.