Crea sito

Ravioli di ricotta vaccina ricetta siciliana

ravioli di ricotta vaccina ricetta siciliana

Ravioli di ricotta vaccina ricetta siciliana, il classico primo piatto della domenica. I ravioli, sono dei fagottini di pasta ripieni di ricotta vaccina, rotondi o a forma di mezzaluna.

Da Noi, nel Ragusano è tradizione mangiare questo primo piatto, rigorosamente confezionato a mano quasi tutto l’anno e in particolar modo a Carnevale. E’ il nostro piatto domenicale. Nella ricetta classica, i ravioli vengono conditi con il sugo ottenuto con la carne di maiale. Il sugo generalmente si prepara  con la carne mista ( carne di maiale e carne bovina ) e si preparano, indifferentemente sia in d’inverno che in estate.

Per il ripieno dei ravioli, ho utilizzato della ricotta vaccina, del giorno precedente, insaporita con del formaggio grattugiato Ragusano stagionato, che ha dato vita ad un ripieno cremoso e profumato. Il procedimento dei ravioli di ricotta vaccina è lo stesso di quello dei ravioli  dolci.

Vedi anche ravioli di ricotta dolci ricetta siciliana.

  • Preparazione: 60 Minuti
  • Cottura: 5 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Farina di grano duro 200 g
  • Uova (intere) 2
  • Sale q.b.
  • Acqua q.b.

Per il ripieno dei ravioli

  • Ricotta vaccina 300 g
  • Formaggio ragusano stagionato (grattugiato) 50 g
  • Pepe nero q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Per preparare i ravioli di ricotta, dobbiamo partire dalla realizzazione della pasta all’uovo.

    La spianatoia sarà il nostro banco di lavoro.

    Fate la classica fontanella con la farina e disponete al centro di essa, le due uova sbattute.

    Badate bene di lasciare 50 grammi di farina da parte che vi serviranno successivamente.

    Iniziate ad impastare, con le mani, energicamente gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.

    A me piace farlo a mano perchè mi rilassa..

  2. A questo punto, unite la farina tenuta da parte, in modo da dare la giusta consistenza all’impasto: che dovrà risultare liscio ed elastico.

  3. Se vedete che l’impasto risultasse troppo duro, potete aggiungere poca acqua a temperatura ambiente. Servirà a renderà la pasta più morbida per poter essere stesa con la macchina o a mano.

  4. Quando l’impasto sarà liscio ed elastico, dategli una forma sferica e avvolgetelo con un canovaccio. Se necessario, lasciatelo riposare qualche minuto. Fate attenzione a non farlo seccare troppo.

    In estate, o in presenza di un clima molto secco, avvolgete la pasta in una pellicola trasparente o copritela con un canovaccio di lino per evitare che la pasta si asciughi troppo.

  5. Mentre l’impasto riposa dedicatevi al ripieno dei vostri ravioli d ricotta vaccina. Prendete una ciotola e versate la ricotta, unite il formaggio grattugiato, regolando di sale e pepe e lavoratela con una forchetta, fino a renderla cremosa.

    Se vi piace, unite un pizzico di noce moscata. Dipende dal condimento che volete utilizzare per i vostri ravioli.

  6. Prendete la vostra pasta e dividetela in due panetti uguali. Infarinate leggermente il primo panetto con pochissima farina di semola rimacinata, mentre lasciate riposare il secondo; passate il panetto tra i rulli della macchina per tirare la sfoglia:

    Per la prima volta, fatelo passare nei rulli dalla misura più larga. Alla penultima fino ad ottenere una sfoglia di circa 2-3 mm di spessore  che disporrete su un piano leggermente infarinato .

  7. Riprendete il panetto che avete messo da parte e ripetete la stessa operazione con la macchina per la pasta.

    Fate con la sfoglia ben tirata, dei lunghi rettangoli, dovrete richiuderli a libro 🙁 larghezza almeno 10 cm )

    Prendete la ricotta, e aiutandovi con un cucchiaino da caffè, come mi ha insegnato la mia nonna, o aiutandovi con una sasac-à-poche e create dei piccoli mucchietti di ricotta sulla sfoglia ben distesa.

  8. Bagnate con dell’acqua i bordi della sfoglia o, se preferite, spennellate i bordi della sfoglia con un pennello da cucina. Questo servirà a fare in modo che le due sfoglie rimangano attaccate andando ad aderire bene l’una con l’altra sfoglia di pasta. Messo il ripieno, ripiegate la sfoglia a mò di libro e fate combaciare i bordi. State attenti a posizionare il ripieno al centro. Esercitate una leggera pressione, con i polpastrelli, tra i mucchietti di ripieno per eliminare l’aria ed evitare che in cottura si aprano ed il ripieno fuoriesca. Ora ritagliate con la classica forma di raviolo o con il taglia pasta.

  9. Ottenuti i vostri ravioli, disponeteli su un vassoio leggermente infarinato con farina di semola rimacinata. I vostri ravioli di ricotta vaccina ricetta siciliana sono  pronti per essere cotti e conditi a vostro gusto.

  10. Ricordatevi che i ravioli, hanno bisogno di pochissima cottura. Ora non vi resta che condire i vostri Ravioli di ricotta vaccina ricetta siciliana, come meglio gradite. Io vi consiglio di condirli con il sugo di maiale. Buon appetito.

Consigli

  • Oggi vi ripropongo la ricetta dei ravioli di ricotta vaccina ricetta siciliana , secondo la tradizione di famiglia, cosi anche voi a casa potrete riproporre il piatto scelto e stupire i vostri amici, ricordatevi che potete prepararli anche prima, si conservano fino ad un giorno i n frigo, o se volete potete anche congelarli.
  • Vi consiglio di utilizzare della ricotta del giorno precedente, perchè è più asciutta e renderà il vostro impasto meno acquoso e molliccio.
  • Mettete la ricotta a gocciolare la ricotta in uno scolapasta affinchè perda il siero.

 

Pubblicato da fantasiaincucina

La mia passione per la cucina e il buon cibo è nata grazie al mio lavoro e ai miei viaggi. Ho iniziato sin da piccola a raccogliere le ricette di tutto ciò che mi piaceva mangiare e poi ho iniziato anche a fotografare i piatti più riusciti. Quindi, cucino, fotografo mangio e do' sempre volentieri consigli ai miei amici per ricette sfiziose e sui posti dove andare a mangiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.