Waffles

Waffles

Waffles, waffle, gaufre, waffel (o per noi abruzzesi ferratelle QUI trovate la ricetta e la storia) sono morbide cialde che vengono cotte su un apposita doppia piastra ben calda che gli regala il caratteristico aspetto a grata. Io la piastra non ce l’ho e non avevo voglia di comprare un altro elettrodomestico per fare i waffles ma ero così curiosa di provarli… finché ho trovato uno stampo in silicone per waffles: economico, non occupa tanto spazio e sforna waffles perfetti! Unico difetto dello stampo in silicone la grata viene solo da una parte contrariamente alla piastra che la disegna da ambo i lati. Ma il risultato è ugualmente ottimo! E i waffles sono buoni a colazione, a merenda o come dessert con frutti di bosco, panna montata, gelato o crema di nocciola. Fonte della ricetta QUI.

Waffles Cucina vista mare

Ingredienti

2 uova

100 gr di zucchero

250 gr di farina

100 gr di burro

125 ml di latte

1 bustina di vanillina

buccia grattugiata di ½ arancia

½ bustina di lievito per dolci

Lavorare il burro lasciato ammorbidire a temperatura ambiente con lo zucchero, aggiungere la vanillina e la buccia d’arancia poi unire l’uovo dopo averlo leggermente sbattuto. Aggiungere anche la farina e il lievito e infine poco alla volta il latte. Trasferite l’impasto all’interno dello stampo in silicone e cuocere in forno caldo a 180° per venti minuti o fino a che non saranno dorati. Una volta freddi sformarli dallo stampo, spolverizzarli con lo zucchero a velo e servire.

Waffles Cucina vista mare

Se la ricetta vi è piaciuta seguitemi sulla pagina FACEBOOK lasciando il vostro “mi piace” e per non perdere i miei post attivate le notifiche! Se preferite Cucina vista mare ha la sua pagina anche su GOOGLE+ e trovate su INSTAGRAM la galleria con le mie foto! Vi ricordo inoltre la possibilità di iscrivervi gratuitamente alla newsletter per restare aggiornati con la pubblicazione delle nuove ricette! Vi aspetto con tante idee per la vostra cucina!

Curiosità

La ricetta originale dei waffles quale sarà? Tutti ne hanno una e tutte sono quella originale! Districare la matassa è impossibile… La storia è lunga e parte da lontano: chi dice che vengano dalla Grecia, si preparavano a Malta e Gozo, si diffusero in Francia, in Germania, nei Paesi Bassi, giunsero persino in America. In Belgio ce ne sono di due tipi, quelli di Bruxelles perfettamente rettangolari e quelli di Liegi dal contorno a nido d’ape… io parteggio per l’ipotesi che li abbiano copiati dalle mie amate ferratelle!

Precedente Cigni di pasta sfoglia Successivo Zuppa di cereali con crema di piselli e verdure

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.