Sapori antichi milanesi Chiscioel delle valli alpine valtellinesi

quiche delle valli valtellinesi

Sapori antichi milanesi Chiscioel delle valli alpine valtellinesi

 

 

Buongiorno amici lettori di Cucinacononnariella, oggi vi presentiamo la ricetta del chiscioel, delle valli alpine valtellinesi, un piatto della cucina povera milanese, sapori antichi che si tramandano ancora oggi.

Sapori antichi milanesi Chiscioel delle valli alpine valtellinesi, da Wikipedia abbiamo stralciato alcune notizie interessanti riguardanti questa ricetta:

I chisciöi sono delle frittelle di grano saraceno con cuore di formaggio Valtellina Casera fuso, solitamente servite con verdura o salumi.

A Tirano (provincia di Sondrio) e Sernio ogni anno si tiene la Sagra dei chisciöil.

Un tempo piatto povero, ora grazie allo zelante impegno della Confraternita del Chisciöl e dei vini del tiranese, sta tornando come piatto importante nella ristorazione della media Valtellina.’

E’ bello sapere che ancora oggi si festeggiano gli antichi sapori della cucina tradizionale italiana, è come riagganciarsi al nostro passato, non dimenticando le nostre origini, è una cultura che ci perviene per farci sapere da dove veniamo e chi siamo.

Ed ora passiamo ad illustrarvi la ricetta con ingredienti e procedimento.

Ingredienti (per 4 persone)

  • 3 parti di farina di grano saraceno
  • 2 parti di farina bianca
  • formaggio di “casera” semigrasso saporito
  • un po’ di grappa
  • un cucchiaio di strutto di maiale
  • acqua e sale quanto basta



Procedimento:

Il chisciöl deve essere cucinato in una padella rigorosamente di ferro.

Preparare la pastella, mescolando 3 parti di farina di grano saraceno e 2 parti di farina bianca con un po’ di grappa, acqua e sale q.b. fino ad ottenere un impasto sufficientemente amalgamato e liquido ma non troppo.

Sciogliere nella padella un cucchiaio di strutto di maiale, quindi versare uno strato di pastella di mezzo centimetro circa in altezza. Ricoprire con formaggio di casera semigrasso saporito tagliato a fettine piccole.

Affondare lievemente il formaggio nella pastella, coprirlo con altra pastella e cuocere a fuoco lento per circa 10 minuti avendo cura di far rapprendere la pastella senza fuoruscita di formaggio.

Quando la parte a contatto con il fondo della padella è ben cotta ( imbrunisce) capovolgere e lasciar cuocere bene altri 8-10 minuti.

A presto risentirci, alla prossima ricetta della tradizione italiana.

Nonna Ariella