Cucina povera calabrese Spezzatino piccante di frattaglie di vitello

Cucina povera calabrese Spezzatino piccante di frattaglie di vitello

Cucina povera calabrese Spezzatino piccante di frattaglie di vitello

Cucina povera calabrese Spezzatino piccante di frattaglie di vitello,
Cucina povera calabrese Spezzatino piccante di frattaglie di vitello

Buon sabato amici di Cucinacononnariella,  scannucciando nel web alla ricerca di ricette antiche da riportare nei tempi moderni con ingredienti poco costosi, essendo della cucina povera, ci siamo imbattuti in un piatto di origini catanzeresi, divenuta poi una specialità calabrese: spezzatino piccante di frattaglie di vitello.

Lo spezzatino piccante di frattaglie di vitello è chiamato in dialetto ‘morzeddu o morzedduh’, e viene tramandato da madre in figlia tanto che questo piatto è considerato simbolo della città di Catanzaro, tutelato dal marchio De.C.O. accompagnato rigorosamente dalla pitta, tipica pagnotta circolare casereccia.

Ovviamente lo stesso titolo della ricetta lo dice, è un piatto per gusti decisi e forti.

Illustriamo ingredienti e preparazione.

Ingredienti:

  • 1 chilogrammo di trippe miste (omaso e centopelli)
  • 1 chilogrammo di frattaglie di vitello tra cuore, reni, fegato e milza
  • salsa di peperone piccante
  • peperoncino piccante
  • 3 foglie di alloro
  • 1 chilogrammo di pomodoro passato
  • 50 grammi di triplo concentrato di pomodoro
  • origano secco
  • olio di oliva
  • sale fino.

Preparazione:

Sciacquare abbondantemente sotto l’acqua corrente le carni e mettere a bollire una pentola d’acqua.

Appena bolle immergere le frattaglie partendo dal cuore, polmone e reni, dopo 20 minuti le trippe (centopelli) e il fegato.

Scremare con un mestolo il grasso che affiora, scolare le carni, raffreddarle sotto un getto di acqua fredda e tagliarle in piccoli pezzi.

Scaldare in un tegame un filo d’olio extravergine, aggiungere lo spezzatino di carne, il peperoncino, la salsa dei peperoncini piccanti, le foglie di alloro e un pizzico di origano secco.

Salare e soffriggere tutti gli ingredienti per qualche minuto.

Unire la conserva di pomodoro, amalgamare e lasciare cuocere a fuoco lento con pentola semicoperta rimestando di tanto in tanto.

Verso fine cottura aggiungere a piacere un pizzico di altro origano.

Dopo un oretta, quando l’acqua sarà evaporata, il morzello dovrebbe essere pronto e se la cottura della carne non è al punto giusto, versare qualche cucchiaio di acqua calda e continuare la cottura ancora qualche minuto.

Servire lo spezzatino caldo con la pitta, la classica ciambella di pane calabrese.

E per gli amanti del buon vino, un bicchiere di vino rosso vivace.

Speriamo che questo spezzatino piccante di frattaglie di vitella possa piacervi, cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti.

Nonna Ariella