Sarde a Beccafico

Sarde a Beccafico una ricetta di pesce tipica siciliana croccante fuori e soffice dentro! Ideale per aperitivi ed antipasti sfiziosi. Miei buongustai bentornati o bentrovati nella mia cucina, oggi per voi una ricetta pubblicata per la prima volta nel mio blog nel 2012 ma che -per esigenze di cambio foto che si adegui al mio stile attuale- ho deciso di ripubblicare. Del resto quel ricetta merita davvero in quanto è proprio buona, questa poi è la versione Catanese della ricetta cioè quella più croccante e per me buona. Non perdetevi anche:

sarde a beccafico
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo15 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

500 g sarde (fresche)
200 g pangrattato (+ quello per panatura)
50 g pecorino siciliano (grattugiato)
2 uova
q.b. prezzemolo tritato
q.b. pepe nero
q.b. sale
1 spicchio aglio
q.b. olio di semi di arachide
2 cucchiai olio extravergine d’oliva
3 cucchiai vino bianco
q.b. farina

Strumenti

Preparazione:

Per preparare le nostre Sarde a Beccafico per prima cosa prendiamo le sarde fresche ed eliminiamo le teste. Apriamo a libro ogni sarda ed eliminiamo le interiora e la spina centrare, lasciando però intatto il pesce senza dividerlo ulteriormente.

In una padella versiamo 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva ed uniamo l’aglio tritato molto finemente. Lasciamo dorare l’aglio ed uniamo il pangrattato facendolo in saporire leggermente, trasferiamo il tutto in una ciotola e facciamo freddare quindi uniamo il vino bianco con il formaggio e mescoliamo.

Regoliamo di sale e di pepe ed uniamo infine il prezzemolo tritato, mescoliamo per bene e distribuiamo il composto al centro di metà delle sarde che abbiamo preparato prima e richiudiamoli con le altre sarde preparate.

sarde a beccafico tutorial

Passiamo le nostre Sarde a Beccafico prima nella farina, poi sbattiamo le uova e passiamoci le sarde in infine impaniamo nel pangrattato e compattiamole per bene, conserviamo in frigorifero per 15 minuti. Scaldiamo abbondante olio per friggere e friggiamo le nostre Sarde a Beccafico poche per volta, finchè non saranno ben dorate da tutti i lati.

sarde a beccafico tutorial facile

Scoliamole su carta assorbente da cucina e saliamole leggermente, volendo possiamo spremere anche il succo di un limone, e serviamole in tavola ancora calde e croccanti.

sarde a beccafico ricetta siciliana

Consigli e conservazione

Si consiglia di consumarle ancora calde, per un tocco filante in più potete unire anche del caciocavallo grattugiato al pangrattato per il ripieno. Conservare in frigorifero per massimo 1 giorno una volta fritte, si possono anche preparare il giorno prima e friggere al momento del pasto.

Non dimenticate di venirmi a trovare anche su FACEBOOK nella fan page ufficiale del blog, cercate CUCINA CHE TI PASSA (oppure cliccate QUI) per non perdere nessuna ricetta e link divertente! Se cliccate sui tasti social in alto a destra vedrete anche i miei canali InstagramYoutubeTwitter e Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

39 Risposte a “Sarde a Beccafico”

  1. Oh Rumi…avevo una collega Siciliana…e quando le cucinava suonavano le campane!!!UN PIATTO STREPITOSO!!!! Quando ho letto la tua ricetta volevo correre da te…..GRAZIE MILLE per la condivisione (a me molto utile le rifarò subito!!!!!!) e della tua partecipazione…è un vero piacere averti con noi!!!!!Ti abbraccio forte e ancora GRAZIE!!!!!

  2. Ottima ricetta, post divertente e utilissimo. Anche il video, sei troppo avanti! Grazie cara un prezioso contributo. A presto, Babi

  3. Che bella ricetta! Queste sarde sono davvero golose!
    E che dire della tua spiegazione? Perfetta!
    Grazie, a presto
    Elisa e Laura

  4. Che divertente il tuo racconto… viva il patriottismo di paese allora!!! Ma anch'io ti avrei suggerito la stessa cosa della tua pescivendola… 🙂
    Davvero un ottimo piatto. Bravissima!!!

  5. Ahah grazie Renata!! ma nemmeno la tua ricetta scherza! Ci credi che io invece non le avevo mai mangiate? La prima volta che le ho fatte e la prima volta che le ho mangiate (di sicuro non l'ultima però). Grazie di cuore a voi invece!! bacioni e buon week end!!

  6. Ahahah, si tro troppo avanti (ahahah). Grazie a te babi non solo per i complimenti ma anche per avermi reso partecipe di questa bellissima avventura culinaria!

  7. Grazie Stefania!! si grazie lei per la ricetta di questo piatto! Mi sa che domani la vado a ringraziare comprando dell'altro pesce! ahah un bacione!

  8. Eh si divertente, dovevi vedere a me in mezzo al bancone del pesce a prendere appunti mentre la negoziante spiegava, là si che ridevi! Per certe ricette si, viva il patriottismo! Grazie mille Ilaria!! Bacionii

  9. Uno dei piatti più rappresentativi dell'Italia, a mio parere anche uno dei più buoni, sono felice che ti sia unita all'iniziativa di Babi e Renata, così ci gusteremo le meravigliose ricette siciliane!!!
    Ciao, Sara

  10. da buona siciliana io adoro le sarde al beccaficu…un po' camurusse da pulire ma il risultato merita lo sforzo…una ricetta da leccarsi i baffi!

  11. quindi sei siciliana!!ma lo sai che, non so perchè, ma ero convinta che fossi emiliana? eheheh…io non amo molto i fritti, nonostante ciò riconosco che è un buon piatto e…fritto benissimo!!! bravissima mia cara amica sicula

  12. Ma grazie mille Sara! Sei davevro gentilissima, anche noi siamo super felici di far parte di questa iniziativa, speriamo di poter offrire sempre ricette gustose! Un bacio ed ancora grazie!

  13. Eh cara Tina hai ragione, sono davvero camuruse da pulire (fortuna che io avevo mia zia che ha fatto il lavoro sporco per me) però sono buonissime! alla fine ne vale davvero la pena. Grazie per essere passata!

  14. Bè Erika per metà ci hai preso, ho vissuto in emilia per un pò! Il fritto solitamente cerco anche io di evitarlo ma qando ci vuole ci vuole! Davvero grazie mille! un bacione!!

  15. Io per questo piatto potrei uccidere la mia amica siciliana lo prepara apposta per me ed è da svenimento! Favolose le tue mi sa che provo a prepararmele! Baci

  16. Ahahahah mi fai morire! Si sono buonissime ci credo che uccideresti per mangiarle! Davvero gentilissima Ely! prova a farle e fammi sapere che ne pensi! bacioni!

  17. Ma grazie mille Maria!! Si per fortuna stiamo crescendo sempre di più, speriamo di arrivare ad avere tutte le Regioni d'Italia con noi! Grazie infinite!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *