Penne integrali con pesto di fave e surimi

Il pesto di fave è stata una scoperta recente, non avevo mai provato a farlo, ma appena assaggiato me ne sono innamorata. Lo trovo delicato, ma gustoso e ideale per condire la pasta

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per il pesto di fave

  • Fave surgelate 400 g
  • Castagne 5
  • Aglio 1/2 spicchio
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 30 g
  • Caciotta 15 g
  • Olio di oliva 4 cucchiai

Per la preparazione della pasta

  • Penne Rigate (integrali) 350 g
  • Sale grosso 2 cucchiaini
  • Surimi 200 g
  • Pepe nero (macinato) q.b.

Preparazione

Per il pesto di fave

  1. Pulire le fave togliendo la pellicola esterna, metterle a cuocere in un pentolino con acqua bollente con due cucchiaini di sale grosso per circa 10 minuti.

    Nello stesso pentolino mettete anche le castagne, che dovranno però bollire per almeno mezz’ora.

    Togliere le fave dal fuoco e metterle in una ciotola con acqua molto fredda per tenere il colore verde brillante.

    Scolare le fave, metterle in un frullatore con l’aglio, il parmigiano, il cacio ricotta, l’olio, 7 cucchiai di acqua di cottura delle fave, le castagne.

    Frullare fino a che la crema non risulti morbida e ben amalgamata.

Per la preparazione della pasta

  1. Mettere in una pentola abbondante acqua, aggiungere due cucchiaini di sale, appena bolle buttare la pasta e lasciarla cuocere per il tempo di cottura indicato sulla confezione.

    A parte tagliare il surimi a dadini e metterlo in una ciotola.

    Scolare la pasta, tenendo da parte un bicchiere di acqua di cottura nel caso risultasse asciutta.

    Mettere  la pasta scolata nella pentola di cottura, aggiungere il pesto di fave (io non l’ho messo tutto, quello avanzato l’ho congelato per la prossima volta), il surimi, un po’ di acqua di cottura e mescolare bene.

    A piacimento aggiungere del pepe e servire calda.

Note

Il surimi è un preparato alimentare composto principalmente da polpa di merluzzo cotto, confezionato a forma di piccoli cilindri colorati arancioni esternamente e bianchi internamente che vogliono imitare la polpa di granchio.

Nel caso la pasta risultasse troppo asciutta, aggiungete un pò di acqua di cottura.

Volendo potete usare anche la pasta non integrale, ma ne perderà un pò il gusto

Per altre ricette col pesto :

Spaghetti con pesto di fave, vongole e bacon

Trofie con pesto alla genovese, pomodoro e prosciutto cotto

Per altre ricette con il surimi :

Pasta con verdesca e surimi 

Penne integrali con sughetto di surimi

Precedente Tortino di crepes con patate e speck Successivo Gelato di fragole e sciroppo alla menta

Lascia un commento