Crea sito

Pandoro al cioccolato

Cari amici quest’anno ho voluto provare il Pandoro al cioccolato con sfogliatura. L’anno scorso ho preparato il pandoro classico, questa volta con un po’ di lavoro in più ho realizzato quello con gocce di cioccolato, decorato con fondente e granella di nocciole. Devo dire che è stato un successone, infatti è stato spazzolato via in poco tempo. Le mie figlie golose come sono, hanno aspettato con gioia il momento di gustarlo. Vi consiglio di provare questo golosissimo Pandoro al cioccolato, io ne ho preparato altri due di impasti, i quali ho congelato per averli pronti sotto le feste. Ma non fate come me, che al primo pandoro mi sono dimenticata di aggiungere all’impasto le gocce di cioccolato. 😉

Ora vediamo insieme cosa comprare  per realizzare il Pandoro al cioccolato 🙂

Pandoro al cioccolato

     RICETTA DIFFICILE

        INGREDIENTI PER IMPASTO DI 1 kg

  • 450 g di farina manitoba
  • 3 uova + 1 tuorlo
  • 160 g di zucchero + 2 cucchiaini
  • lievito di birra fresco 18 g ( secco 6 g.)
  • estratto di vaniglia 1 cucchiaino
  • latte tiepido 70 ml + 3 cucchiai (il latte si può sostituire con acqua)
  • 180 g di burro temperatura ambiente
  •  Un pizzico di sale fino
  • 80 / 90 g di gocce di cioccolato ( Fredde da frigo)

          INGREDIENTI PER LA GLASSA :

  • 150 g di cioccolato fondente
  • 80 g di granella di nocciole tostate

           UTENSILI :   

  •  Planetaria (frusta a gancio)
  • stampo per pandoro

          PROCEDIMENTO : ( Porre in frigo le gocce di cioccolato anche mezza giornata.)

         Pandoro fatto in casa al cioccolato

  1. Si inizia con la prima fase: la preparazione del lievitino, che sarà la base per gli impasti successivi. Ho lavorato gli impasti senza planetaria, ma chi desidera può utilizzarla
  2. Ponete dentro una terrina di vetro 15 g di lievito di birra e scioglietelo con 70 ml di latte (in alternativa acqua) tiepido, il tuorlo e 2 cucchiaini di zucchero aggiungete 50 g di farina manitoba.
  3. Impastate tutti gli ingredienti e fateli amalgamare per bene, coprite con la carta pellicola e sopra un panno, lasciatelo lievitare in un luogo tiepido, va bene nel forno spento con la luce accesa. Fino al su raddoppio, ci vorrà circa un’ora.
  4. Quando l’impasto avrà raddoppiato, fate sciogliere 3 g di lievito in 3 cucchiai di latte tiepido e unitelo al composto precedente assieme a 1 uovo, 100 g di zucchero e 200 g di farina, impastate il tutto.
  5. Unite 40 g di burro a temperatura ambiente, lavorate l’impasto fino a che gli ingredienti non si amalgamano per bene. alla fine dovete ottenere un panetto morbido e liscio. Coprite con la pellicola e il panno, ponete la ciotola sempre nel forno spento con la luce accesa e fatelo lievitare fino a raddoppiare, ci vorrà un’altra oretta.
  6. Trascorso il tempo, aggiungete nell’impasto le 2 uova, i restanti 60 g di zucchero, la vaniglia, la farina rimasta e il sale. Lavorate per circa 10 /15 minuti e ricordate che l’impasto per essere ben lavorato dovrà risultare elastico, sia che lo impastate a mano o con la planetaria. Verificate sempre l’elasticità, toccando e tirando la pasta.
  7. Copritelo e fatelo lievitare dentro una terrina che avrete in precedenza unto con il burro,  fate come descritto sopra. Lasciatelo all’incirca 1 ora, fino al suo raddoppio. Una volta lievitato, ponetelo in frigo per circa 3/4 ore,trascorso il tempo lavorate per un po’ l’impasto con le mani, prima di passare alla sfogliatura.

           FASE DELLA SFOGLIATURA :          

  1. A questo punto stendete la pasta con il mattarello formate un quadrato, al centro stendete 140 g di burro in pezzi a temperatura ambiente. Chiudete la pasta sfoglia ripiegando i 4 lembi di pasta.
  2. Sigillate bene i bordi per far si che non fuoriesca il burro, passate sopra delicatamente il mattarello fino ad ottenere una striscia lunga e ripiegate in tre. Ponete l’impasto dentro un sacchetto di plastica per alimenti, fate riposare in frigo per circa 20 minuti.
  3. Ripetere questa operazione per circa tre volte, ogni 20 minuti. Una volta terminata l’ultima sfogliatura, unite le gocce di cioccolato fredde da frigo. Questa fase andrà fatto dopo che il burro sarà completamente sciolto. Infatti non dovrete più lavorare troppo l’impasto per non far sciogliere le gocce. Ora ungetevi le mani con il burro e pirlate l’impasto. Cercate di arrotondarlo con le mani sul piano da lavoro, create una sfera compatta e liscia per far lievitare il pandoro in modo regolare.
    Impasto con gocce di cioccolato
  4. Imburrate lo stampo da pandoro e adagiate all’interno l’impasto, coprite prima con la pellicola e poi il panno. Lasciate lievitare, finché l’impasto non sarà arrivato al bordo, pronto per uscire.
  5. Per quanto riguarda la lievitazione, io non indico un tempo specifico, poiché dipende da molti fattori. Quando sarà arrivato fino al bordo è pronto.                                   

FASE DELLA COTTURA :

  1. Infornate il pandoro, ma prima ponete nel forno una ciotola con dell’acqua, nella parte inferiore. Farà in modo di creare la giusta umidità in cottura. Cuocete in forno preriscaldato a 160°C per circa 10 minuti, poi abbassare il forno a 150°C e cuocere per  altri 40/45 minuti.
  2. Fate molta attenzione alla fase della cottura, ogni forno è diverso. Non fatelo troppo scurire sopra e fate sempre la prova stecchino prima di sfornare.
  3. Sfornatelo e lasciatelo nello stampo a raffreddare per almeno un’ora, dopo di che sarà possibile girarlo. Fatelo raffreddare completamente prima di liberarlo dallo stampo.

     FASE DELLA DECORAZIONE :

  1.  Ponete dentro una terrina il cioccolato spezzettato, fatelo sciogliere nel microonde, ma in alternativa a bagnomaria. Mettete il pandoro sopra una griglia e versate sopra il cioccolato molto lentamente.
  2. Finite con la granella di nocciole, ora lasciate asciugare,unite delle decorazioni natalizie o anche delle stelline di zucchero, buon Pandoro al cioccolato. 😉

Pandoro fatto in casa decorato

            CONSIGLIO :

  •  Potrebbe interessarti Biscotti di Natale
  • potrebbe interessarti  Palline di cioccolato Natale
  • Se notate che a metà cottura il pandoro diventa troppo colorato, copritelo con carta di alluminio e finite la cottura.
  • Volendo dopo la sfogliatura se desiderate congelare l’impasto potete farlo e utilizzarlo un secondo tempo.

Se ti è piaciuto cucinare insieme a me, ti aspetto alla prossima 🙂 Non mancare!

Seguimi sul tuo social preferito  facebook  twitter  instagram  pinterest

Sarai sempre aggiornato sulle mie ricette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.