Crea sito

Cosa cucinare con la Crock Pot Slow Cooker

Cosa cucinare con la Crock Pot Slow Cooker

SI PUO’ CUCINARE QUALSIASI COSA?

Abbiamo già visto negli articoli precedenti che la Slow Cooker in sostanza non è altro che una pentola elettrica con la quale puoi cuocere gli alimenti a bassa temperatura per lunghi periodi di tempo, normalmente tra i 70 e gli 80 gradi massimo per tempi che vanno dalle 4 alle 12 ore.

Paradossalmente nonostante le lunghe tempistiche è un elettrodomestico molto utile proprio per chi di tempo ne ha poco tempo a disposizione perché la sua principale caratteristica è quella di cuocere in modo automatico senza bisogno di essere controllato così da ridurre al minimo gli sforzi.

Ma a questo punto la domanda sorge spontanea: si può cucinare qualsiasi cosa con la Slow Cooker?

In questo articolo più che darvi ricette specifiche cercherò di darvi qualche semplice accorgimento da tenere sempre presente quando si cucina con la Slow cooker oltre che alcuni suggerimenti su come utilizzarla a seconda della tipo di portata che volete cucinare (primi, arrosti, verdure, etc…).

LE REGOLE DA RICORDARE SEMPRE:

  1. Non aprite MAI il coperchio mentre è in funzione altrimenti disperdereste il vapore, facendo scendere drasticamente la temperatura ed allungando di conseguenza i tempi di cottura.
  2. Riempite sempre la pentola per i 2/3 della sua capacità perché è così che da il meglio dei suoi risultati.
  3. Se decidi di utilizzare ingredienti surgelati ricordati di scongelarli completamente prima di metterli nella pentola della Slow Cooker, altrimenti si formerebbe un eccesso di liquidi che non evaporerebbe essendo sempre chiuso il coperchio.
  4. Per lo stesso motivo non aggiungere acqua o altri liquidi, salvo casi particolari e comunque in piccole quantità perché la slow Cooker già da sola tira fuori i succhi dagli ingredienti crudi.
  5. Non è necessario aggiungere olio o burro e potete limitare il quantitativo di sale se volete una cucina più leggera e sana perché questo tipo di cottura esalta al massimo il gusto degli ingredienti. E’ evidente che se li utilizzate i piatti risulteranno più buoni ma a volte si è costretti a dover ridurre l’uso di condimenti.
  6. Se cucinate la carne non è necessario scegliere i tagli più pregiati. Con questa cottura lunga e lenta la carne diventa morbida e gustosa. Sarà sicuramente un bel risparmio!
  7. Nel caso in cui prepariate piatti di carne con le verdure considerate che gli ortaggi a radice come le carote e le patate hanno tempi di cottura più lunghi rispetto alla carne. Vi consiglio quindi di tagliarli a dadini o a fettine non troppo grandi e possibilmente della stessa dimensione.
  8. Quando utilizzate verdure od ortaggi freschi potete metterli immediatamente nella pentola ad inizio cottura, diversamente se decidete di utilizzare verdura surgelata, dovete prima completamente scongelarla, ed aggiungerla alla preparazione mezzora prima della fine della cottura.
  9. La cottura nella Slow Cooker purtroppo non evita, se utilizzate fagioli o legumi secchi, di doverli comunque lasciare in ammollo prima di cuocerli, in modo da ammorbidirli.
  10. E’ evidente che la pasta tende a scuocere nelle cotture lente, quindi se la vostra ricetta prevede l’utilizzo della pasta, aggiungetela negli ultimi 30-40 minuti di cottura.
  11. Sebbene il calore della pentola a cottura lenta si distribuisca abbastanza uniformemente la  zona più calda è nella parte inferiore o attorno ai lati. Per proteggere la carne o il pollo da quei punti usa le verdure. Crea un letto di verdure sul fondo per isolare la carne che poggerai proprio al centro.

Infine ho notato che per una riuscita migliore delle ricette è meglio non partire “a freddo”, nel senso a pentola fredda. Quindi se avete tempo vi suggerisco di riscaldare il contenitore di ceramica vuoto prima di cominciare. Dovrebbero bastare circa 15 minuti sulla posizione High. Occhio poi a non bruciarvi quando inserirete gli ingredienti!

COME UTILIZZARE AL MEGLIO LA SLOW COOKER A SECONDA DELLA PORTATA E DEGLI INGREDIENTI

In generale avrete capito che la slow cooker da “il meglio di sé” nelle cotture in umido. Soprattutto per cucinare quei tagli di carne ricchi di venature di grasso e connettivo che con una cottura tradizionale risulterebbero immangiabili duri e gommosi e che invece la cottura lenta ed a bassa temperatura rende con una polpa morbidissima e succulenta. Detto ciò si possono comunque cucinare tantissimi altri piatti che vedremo qui di seguito.

Primi piatti

Solo l’idea di mangiare un piatto di pasta scotta per noi italiani è impensabile, per questo spaventa un pochino l’idea di cuocere per ore un primo piatto.

In realtà con la slow cooker, a parte ovviamente realizzare i condimenti (ad esempio il ragù viene meravigliosamente) con la crock pot si possono realizzare anche veri e propri primi piatti.

Sicuramente questa è la portata che è un po’ più difficile da gestire perché è fondamentale calcolare bene la quantità di liquidi necessaria alla cottura di pasta, riso o polenta.
Vi consiglio quindi di inserire il riso o la pasta secca all’interno della pentola della slow cooker dove nel frattempo state cuocendo la salsa non prima di 20 minuti dalla fine dei tempi di cottura e di servirla immediatamente.

Se invece proprio l’idea non vi convince potete preparare la pasta separatamente e mescolarla nella pentola della slow cooker con il condimento appena prima di servirla.

Ovvio che in questo modo dovrete utilizzare una pentola extra eliminando uno dei vantaggi di cucinare con la Slow Cooker.

Qualche esempio di piatti? Pasta e patate, pasta e fagioli, risotto con funghi, polenta ai formaggi, e tanto altro. Come sempre date sfogo alla vostra fantasia e sperimentate!

Sughi di carne o verdure

Realizzare salse e sughi con la crock pot è davvero semplice. Potrete scegliere se preparare il soffritto in padella a parte ed aggiungerlo dopo oppure cuocerlo direttamente nella slow cooker.

In questo caso sarà necessario impostare inizialmente una temperatura alta (HIGH).
Poi proseguirete a seconda del tipo di sugo: per i sughi di carne sarà necessario aggiungere la carne al soffritto e lasciarla cuocere ancora qualche minuto a temperatura elevata, aggiungendo eventualmente poco vino o brodo; per i sughi di verdure, invece, una volta tagliati in pezzi piccoli e possibilmente delle stesse dimensioni bisognerà aggiungerli al soffritto ed abbassare la temperatura su LOW.
I tempi di cottura varieranno in base al condimento che state preparando. Per dare qualche indicazione di massima tenete conto che i sughi di carne come il ragù alla bolognese o il ragù napoletano hanno bisogno di cotture molto lunghe a basse temperature, mentre i sughi di verdure dovranno cuocere poco tempo a temperature basse.



Minestre e Zuppe

Preparare zuppe di verdure e minestre con la crock pot è davvero semplice.

Basterò tagliare le verdure in pezzi non troppo grandi e della stessa dimensione, poi andrà regolata la quantità di liquidi necessaria alla cottura.

Per preparare minestroni, minestre o zuppe è necessario utilizzare abbondante brodo o acqua bollente. Anche in questo caso i tempi di cottura variano a seconda degli ingredienti. Normalmente per il classico minestrone di verdure i tempi sono abbastanza ridotti (4 ore massimo) a bassa temperatura (LOW).

Secondi di carne

Anche se uno dei vantaggi della slow cooker è quello di poter preparare la cena in una sola padella, quando utilizzi la carne ti consiglio di prevedere una padella in più e procedere con la cottura mista (fornelli + slow cooker).

Questo perché sicuramente il calore umido della crock pot donerà un grande sapore alla nostra carne ma sarà difficile ricreare le ricche note di caramello che si ottengono quando si fa rosolare la carne. Quindi per prima cosa fai dorare per pochi minuti la tua carne in padella (che sia carne, anatra, pollo, salsiccia, non importa) e non appena sarà dorata trasferiscila nella slow cooker con tutto il fondo di cottura.

Per una cottura lenta ottimale, scegli un pezzo di carne che richiede un lungo tempo di cottura: paradossalmente i tagli duri sono sempre i migliori, dato che un lungo periodo trascorso a fuoco basso ammorbidisce i tessuti connettivi e li rende succosi e ​​deliziosi.

La cottura lenta, inoltre, esalta i tagli di manzo più economici come la punta di petto, il biancostato, il reale. Neanche a dirlo stinco, costine e cosciotto di maiale sono ottimi.

Esempi di come cucinare la carne? Stracotti, brasati, stufati, coniglio alle olive, agnello alle albicocche secche, stracotto al Barolo, stinco di maiale alla birra e tanto altro.

Per gli arrosti non mi ha convinto completamente, anche se si fa rosolare la carne a parte mi sembravano un po’ “strani”, però si può sempre fare un tentativo.

Secondi di pollo o tacchino

Il pollo, soprattutto le parti che tendono ad asciugarsi di più (come il petto), vengono molto bene nella slow cooker perché mantengono una certa umidità.

Se utilizzi cosce e sovra cosce e le vuoi mettere direttamente nella slow cooker o togli la pelle perché il grasso in cottura si liquefà e ristagnando non è un granchè oppure le scotti prima un pochino in padella per avere la crosticina.

Fantastica è la gallina se decidi di farla in brodo, diventa morbidissima e delicata.

Anche Oca e anatra danno ottimi risultati a patto che le trattiate come le cosce di pollo quindi o togliete la pelle o le abrustolite prima in padella dal lato della pelle.

Ottimi i volatili magri, come la faraona, le quaglie e i piccioni. La selvaggina invece e la cacciagione in genere per il forte odore della carne che, nella pentola chiusa e per la cottura lenta, tendono a ristagnare a mio parere non sono indicate.

Secondi di pesce

Sicuramente le ricette che vengono meglio sono quelle a base di molluschi che richiedono cotture lunghe nelle ricette tradizionali come i polpi e le grosse seppie in umido.

Benissimo anche pesci come baccalà e stoccafisso ammollati in quanto la cottura lenta ne ammorbidisce le carni e ne esalta il sapore.

Per quanto riguarda invece i pesci interi (tipo orata, branzino, etc..) non li trovo particolarmente indicati per questo tipo di cottura perché hanno carni troppo delicate che si sfalderebbero diventando una poltiglia.

Faccio eccezione per pesci di grosse dimensioni e tranci considerevoli, come quelli di cernia, meglio però non superare le due ore di cottura in posizione LOW.

Eviterei i molluschi che notoriamente vanno cotti pochissimo.

Verdure

Per istinto, uno potrebbe pensare che le verdure si spappolino, con una cottura così lenta e prolungata. In realtà, è vero il contrario. Le verdure a radice, a bulbo e a tubero, come le carote, le patate e le cipolle, sono molto più coriacee della carne.

Infatti ad esempio se fai lo spezzatino con le patate e metti nella slow cooker tutto assieme, mangerai carne stracotta e patate crude. Quindi se le cuoci da sole non ci sono problemi se invece vuoi aggiungerle a carne o pesce il modo migliore è pretrattarle.

Quindi dopo averle tagliate in piccoli pezzi bollile per 5 minuti oppure saltale in padella prima di aggiungerle al resto.

Piselli e mais, invece, essendo più delicati tendono a sfaldarsi quindi aggiungili circa mezz’ora prima del termine della cottura della ricetta.

Legumi e cereali

Come abbiamo già detto i legumi secchi hanno comunque bisogno della fase di ammollo (di solito una notte nell’acqua fredda) prima di essere messi nella slow cooker.

Richiedono parecchia cottura, solitamente intorno alle 8 ore in modalità LOW.

Ottima la cottura dei cereali integrali.

Attenzione al riso perché la slow cooker tende a scuocerlo, ad eccezion fatta per il riso parboiled. Se quindi si prepara un minestrone o una zuppa al quale vogliamo aggiungerlo, cuocetelo a parte sui fornelli ed mettetelo nella pentola della slow cooker gli ultimi 10 minuti.

Latticini

I prodotti lattiero-caseari non amano molto il caldo e la pentola a cottura lenta non fa eccezione.

Quindi se decidi di aggiungere ingredienti come latte, formaggio, panna, panna acida o crema di formaggio troppo presto nel processo di cottura, si caglieranno ed otterrai un pasticcio.

Per ottenere un buon risultato senza rovinare la tua ricetta e creando il sapore cremoso tipico di questi ingredienti, aggiungi i latticini ma non prima degli ultimi 20 minuti di cottura.

Vino

Previsto in numerose preparazioni della cucina tradizionale normalmente non è un problema anche se si dovesse eccedere nei quantitativi.

Diverso è il discorso per una pentola a cottura lenta perché il coperchio rimanendo ben chiuso e nulla evaporando il gusto di alcolico sarebbe troppo forte. Per questo motivo solitamente è meglio evitarlo o aggiungerlo con parsimonia a meno che tu non stia davvero cercando un sapore particolarmente alcolico.

Dolci: difficoltà medio-alta

Sono forse i piatti più problematici da realizzare ma non per questo non si possono fare a patto di scegliere quelli giusti ed avere qualche accorgimento.

I dessert più difficili da realizzare sono sicuramente le torte perché è necessario fare molta attenzione ai tempi ed alle temperature di cottura.

Per esperienza personale vi consiglio di mettere sempre sul fondo della pentola della carta da forno leggermente inumidita cercando di adattarne la forma. Questo vi faciliterà a sfornare il dolce una volta preparato ed eviterà che si attacchi sul fondo. Per i tempi di cottura non supererei le due ore in modalità LOW

Con la crock pot si possono infine realizzare creme, pudding, marmellate, budini che vengono molto bene. Le modalità di preparazione sono molto diverse tra loro e non è quindi possibile parlare di passaggi standardizzati, andranno visti ricetta per ricette e proveremo insieme.

Pane e Focaccia

Non tutti sanno che con la slow cooker è possibile cucinare anche il pane e la focaccia.

Praticamente qualsiasi ricetta di pane cotto al forno può essere convertita in una ricetta per la Crock Pot a patto di seguire poche e semplici regole.

  • La tua slow cooker è “unica” – Così come tutti i forni tradizionali che a parità di marca e modello ognuno conosce il suo, lo stesso si può dire per la Crock Pot. Quindi premesso che il tempo medio di cottura di un pane in una slow cooker si aggira intorno alle 2 ore in modalità HIGH ti consiglio comunque le prime volte di controllare la tua pagnotta dopo la prima ora. Una volta che avrai imparato a capire quanto velocemente la tua alow cooker cuoce il pane, potrai impostarlo e dimenticartelo fino a fine cottura!
  • Rivesti sempre la pentola della slow cooker con carta da forno – Visto che è non è proprio facile trovare una teglia che si adatti alla pentola della slow cooker, ricoprila con della carta da forno leggermente inumidita. Poi modella l’impasto in una pagnotta rotonda (oppure ovale se hai la slow cooker da 5,7 l.) e posizionala sopra la carta forno.

Facendo così eviterai che il pane si attacchi al fondo e sarà molto più facile sollevarlo quando avrà finito di cuocere.

  • Crosticina finale – L’unico inconveniente del pane cotto nella slow cooker è che non si raggiungono mai temperature tali per cui si crei la classica crosticina croccante. Per ottenere lo stesso risultato la soluzione è facile: basta accendere la griglia del forno e metterci il pane, precedentemente spennellato con un pochino di olio o di burro per 5 minuti. Otterrete così un bellissimo colore dorato.

Spero di esserti stata utile con i miei consigli.

Per vedere come realizzare i vari piatti seguimi sul blog nella sezione dedicata https://blog.giallozafferano.it/atavolacontea/torta-di-mele-della-nonna-crock-pot-slow-cooker/

A TAVOLA CON TEA SU INSTAGRAM seguimi al seguente link https://www.instagram.com/atavolacontea_/?hl=it