Bocconcini di maiale in umido

I bocconcini di maiale in umido con questo freddo ci stanno proprio bene. Avevo un filetto di maiale, mai provato a fare i bocconcini di maiale in umido e, non sapendo come utilizzarlo al di là della solita fettina o arrosto, ho voluto farne un piccolo spezzatino, giusto per provare. I bocconcini di maiale in umido hanno un gusto e profumo particolari, la carne è molto magra ed un consiglio curatene la cottura, se cuociono troppo si corre il rischio che si induriscano un po’. Spezzatino di pollo, spezzatino di manzo, spezzatino di agnello…be oggi, bocconcini di maiale in umido. E’un piatto comunque per ogni stagione per noi amanti della cucina e che non ci facciamo impressionare dal cado! Per le dosi regolatevi a seconda del numero di persone, con quello che avevo io a disposizione mi è giusto servito per il piattino in foto. Io l’ho fatto semplice semplice, con olive nere, può accompagnare anche un bel piatto di polenta.

 

Bocconcini di maiale in umido

 

Bocconcini di maiale in umido
Bocconcini di maiale in umido

 

INGREDIENTI

 

1 filetto di maiale

( lavato asciugato e tagliato a piccoli pezzi )

olio extra vergine d’oliva

misto verdure surgelate

( o carota sedano cipolla, lavate pulite, tagliate a piccoli pezzi )

qualche pomodoro maturo o passato di pomodoro

mezzo bicchiere di vino bianco secco o rosso a piacere

brodo vegetale q.b

un pugnetto di olive nere

 

PROCEDIMENTO

 

In un paio di cucchiai d’olio, fare rosolare la cipolla la carota il sedano

aggiungere la carne, mescolare, sfumare col vino bianco, farlo evaporare

aggiungere il brodo se asciugasse troppo,

quasi a fine cottura, circa un’oretta ( Cuocere coperto) unire il passato di pomodoro, o un paio di pomodori maturi lavati e pelati a piccoli pezzi, da ultimo le olivette.

Servire caldo, anche con polenta

 

 

 

Precedente Torta con crema fichi e noci Successivo Crema con fegatini di pollo, antipasto

2 commenti su “Bocconcini di maiale in umido

    • Grazie tonii per avermelo fatto notare, forse l’ho inconsciamente dimenticato, ma soprattutto mi regolo curando ad occhio la cottura della carne, a volte non si è troppo fortunati con il taglio e può richiedere più o meno tempo. Per il forno ad esempio è sempre valida la prova “stecchino”, e per sicurezza la prova “forchetta” per la carne, quando entra nella carne facilmente è pronta, in questo caso circa un’oretta! Accontentato? Ciao!

Lascia un commento