Panbrioche

image 671x1024 Panbrioche
Ho approfittato di queste giornate estive di pioggia e fresco per accendere il forno e dedicarmi ai lievitati che tanto amo,ho fatto il pane e anche al panbrioche per le nostre colazioni.La mattina è bello far colazione senza fretta con le mie figlie libere dagli impegni scolastici quindi una vera e sana colazione con un semplice panbrioche questo che vi propongo una ricetta base che potete arricchire a piacere inserendo gocce di cioccolato,frutta,aromi,io ho preferito questa ricetta base del panbrioche delicato e soffice da poter accompagnare alla frutta fresca di stagione,yogurt e succhi.Se fate come me impastate la sera,la mattina finite e infornate ed é una meraviglia sentirne il profumo della cottura in forno e poi svegliare il resto della famiglia facendogli trovare la tavola apparecchiata per la colazione, anche questi sono gesti d’amore,ci vuole poco per iniziare bene la giornata,eccovi la ricetta un pò modificata rispetto a quelle lette sui libri e viste in rete.

Ingredienti
400 gr di farina 00
10 gr di lievito di birra
120 gr di acqua
1 uovo
40 gr di zucchero
5 gr di sale
30 gr di latte
80 gr di burro
1/2 fialetta di aroma vaniglia oppure i semi di una stecca di vaniglia

Per la superfice
1 tuorlo
20 gr di latte

Procedimento
Preparare un lievitino facendo sciogliere in una ciotola il lievito di birra in 50 gr di acqua e 50 gr di farina.

Coprire e far lievitare.

Dopo circa 30′ minuti quando sarà raddoppiato di volume mettetelo nella planetaria aggiungendo qualche cucchiaio di farina iniziando e a impastare lentamente.

Aggiungere l’uovo far amalgamare bene,unire adesso lo zucchero,il resto della farina poco alla volta,il latte,il sale aumentare la velocitá e far incordare bene l’impasto.

Unire la vaniglia e il burro ammorbidito a piccoli pezzi alla volta

Impastare aumentando la velocità fino ad ottenere un’impasto liscio e lucido

Mettere l’impasto in una ciotola ben coperta e lasciare lievitare.
image1 225x300 Panbrioche

Riprendere l’impasto del pan brioche dopo che ha raddoppiato di volume quindi circa dopo 2/3 ore,stenderlo sulla spianatoia precedentemente infarinata e schiacchiare allargandolo con il palmo delle mani formando un rettangolo lungo quanto lo stampo che utilizzerete per la cottura.
image2 264x300 Panbrioche
Formare un rotolo con l’impasto e tagliare in pezzi uguali,metterli a zig zag nello stampo imburrato e infarinato.
image9 258x300 Panbrioche
image3 233x300 Panbrioche
Far lievitare ( in forno spento)fino al bordo dello stampo,spennellare con il tuorlo e il latte sbattuti.
image4 225x300 Panbrioche

image5 225x300 Panbrioche

Far cuocere in forno giá caldo 20′ minuti a 180′ gradi e 20′ minuti a 170′ gradi,controllare l’interno del panbrioche con uno stecchino di legno che deve risultare asciutto.

Sfornare e far raffreddare il panbrioche e poi servire al naturale o spalmato con creme a piacere,yogurt e frutta o marmellata.
image7 224x300 Panbrioche

Se conservato in un sacchetto per alimenti e ben chiuso si conserva morbido per 3 giorni.

CONSIGLIO

Se impastate la sera(Io lo faccio anche per la pizza,il pane,i croissant,la maggior parte dei lievitati) dopo circa mezz’ora a temperatura ambiente mettete l’impasto a riposare in frigo per avere una lievitazione più lenta,circa 10/12 ore quindi la mattina dopo
togliete dal frigo, lasciate 30′ minuti a temperatura ambiente e poi continuare con il procedimento come descritto sopra.

image8 224x300 Panbrioche

Pubblicato da Elisabetta La Cerra

Mi presento,ciao a tutti mi chiamo Elisabetta ho 50 anni,vivo in provincia di Bergamo con mio marito e due figlie,da sempre la mia grande passione é la “CUCINA” che ho sempre condiviso con amici e parenti,vi dò il benvenuto nel mio blog In cucina con le mie amiche per condividere ricette e consigli con chi come me ama spentolare dalla mattina alla sera di tutto e di più,vi aspetto.Non sono una chef,non ho fatto scuola,non ho tecnica,ma tanto amore che metto in ogni piatto pensando al piacere di chi lo gusterá.Mi trovate ogni mese in edicola anche sul mensile “Tutto cucina” con la rubrica “Stagioni e Tradizioni” e uno “Speciale” tutto mio e sulla mia pagina facebook che ha lo stesso nome del blog.