Crea sito

Insalata di gallina con puntarelle e cachi

Insalata di gallina con puntarelle e cachi, un’antipasto leggero, semplice ma gustoso. Un piatto diverso, per aprire un pranzo impegnativo come sono quelli delle feste più attese dell’anno. Preparata con ingredienti facili da reperire e alla portata di tutti questa insalata. Sopratutto un piatto davvero economico e di questi tempi stare attenti alle spese non é banale. Anche a tavola si può e si deve spendere con oculatezza, il gusto e il piacere di mangiare non cambia. Con fantasia, creatività si riesce a preparare un pranzo, natalizio in questo caso senza esagerare nel comprare ingredienti ricercati. Tante volte la semplicità vince su tutto. Di sicuro, nella vostra lista dei piatti da preparare per queste feste ci sarà la gallina in brodo. É un classico della cucina italiana apprezzata sopratutto durante le feste natalizie. Ebbene, con il brodo preparerete ne sono certa tortellini, cappelletti, tagliolini, cosa che farò anch’io. Anzi vi svelo che la gallina in brodo, con tortellini, stracciatella o polpettone di pane, é uno dei miei piatti preferiti. Si, é al primo posto. Così, ho pensato di preparare un’antipasto forse insolito come questa insalata con una parte della gallina in brodo che servirò a Santo Stefano. Con l’aggiunta di caco mela grigliata, il provolone piccante, le puntarelle l’insalata di gallina non é per niente banale. Semplicemente condita con un’emulsione di olio, sale e aceto finita con un tarallo napoletano sbriciolato delizierà il vostro palato. Delicata, ma dal gusto intraprendente. Questa Insalata di gallina con puntarelle e cachi si presta ad essere servita come antipasto semplice e garbato senza nulla togliere al gusto. Seguitemi nella mia cucina, vediamo cosa ci occorre e come si prepara l’Insalata di gallina con puntarelle e cachi.

%name Insalata di gallina con puntarelle e cachi
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per l’ Insalata di gallina con puntarelle e cachi

  • 300 ggallina bollita
  • 250 gpuntarelle
  • 350 ginsalata mista
  • 2caco mela
  • 100 gprovolone piccante
  • 100 gnocciole tostate
  • 3taralli napoletani
  • 3 cucchiaiolio di oliva
  • 1 cucchiaioaceto di mele
  • sale fino

Preparazione dell’ Insalata di gallina con puntarelle e cachi

  1. %name Insalata di gallina con puntarelle e cachi

    Mettete le cimette delle puntarelle in acqua e ghiaccio per 20 minuti cosi da eliminare un po l’amaro. Nel frattempo, sbucciate i caco mela. Tagliateli a spicchi. Quindi grigliateli leggermente in una padella già rovente.Tenete da parte. Sfilacciate la carne di gallina. Lavate e asciugate l’insalata, trasferitela in una ciotola capiente. Dividete in 4 le puntarelle dalla parte lunga. Unitele ben asciutte all’insalata con la gallina sfilacciata, il provolone piccante fatto a dadini, le nocciole e gli spicchi di caco mela . Condite il tutto con un’emulsione di olio, aceto, e sale. Mescolate bene. Portate in tavola l’insalata di gallina con puntarelle e cachi. Servite l’insalata di gallina con puntarelle e cachi con i taralli napoletani sbriciolati.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Elisabetta La Cerra

Mi presento,ciao a tutti mi chiamo Elisabetta ho 50 anni,vivo in provincia di Bergamo con mio marito e due figlie,da sempre la mia grande passione é la “CUCINA” che ho sempre condiviso con amici e parenti,vi dò il benvenuto nel mio blog In cucina con le mie amiche per condividere ricette e consigli con chi come me ama spentolare dalla mattina alla sera di tutto e di più,vi aspetto.Non sono una chef,non ho fatto scuola,non ho tecnica,ma tanto amore che metto in ogni piatto pensando al piacere di chi lo gusterá.Mi trovate ogni mese in edicola anche sul mensile “Tutto cucina” con la rubrica “Stagioni e Tradizioni” e uno “Speciale” tutto mio e sulla mia pagina facebook che ha lo stesso nome del blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.