Trofie al salmone affumicato – Gilda C.

Le trofie al salmone affumicato della nostra amica Gilda C., è primo piatto ultra veloce e gustosissimo da preparare in pochi  minuti. Adatto anche ai meno abili in cucina!

Trofie al salmone affumicato

Vediamo, passo passo, come si preparano

Ingredienti :

Preparazione:

Rosolare lo scalogno e il peperoncino , aggiungere i pomodorini salare e aggiungere il salmone,a termine cottura aggiungere la panna.

Scolare la pasta e saltare in padella per un paio di minuti.

Impiattare e servire

Buon Appetito!

Informazioni:

  • Tempo di preparazione: 10 minuti
  • Tempo di cottura: 15 minuti
  • Tempo totale:  25 minuti

Tutte le ricette dei membri di Amici in cucina catalogate per tipologia li trovate nel blog:

https://blog.giallozafferano.it/amicincucina/

Se la ricetta è stata di tuo gradimento metti mi piace sulla Pagina Facebook del Blog

Torna alla HOME PAGE

Vedi anche

Lasagne bianche ai frutti di mare

Spaghetti con astice

Spaghetti e vongole

Spaghetti cozze, vongole e tonno

Approfondimenti

Salmone e salmone affumicato

Il salmone è senz’altro uno dei pesci più prelibati tra quelli che si possono facilmente trovare in commercio, dotato di ottime caratteristiche nutrizionali che lo rendono estremamente consigliabile dalla dieta italiana.

Dal contenuto proteico elevato (solo le carni bovine apportano quantità simili di proteine), il salmone risulta essere anche molto energetico perché contiene gli omega 3, acidi grassi essenziali che, tra l’altro, favoriscono la formazione del colesterolo “buono” (HDL).

La versione più proteica è quella affumicata (circa 22-23%), mentre il pesce giovane (16-17%) e quello adulto (19-20%) presentano valori lievemente inferiori.

Per quel che riguarda i grassi, invece, il pesce adulto può arrivare al 13% del totale.

Purtroppo occorre considerare che il salmone affumicato perde gran parte del contenuto di omega 3 e quindi deve ritenersi un prodotto salutisticamente meno interessante del salmone al naturale.

Dal punto di vista dell’origine del salmone, occorre precisare che è sempre più difficile riuscire a reperire sul mercato la qualità migliore, cioè quella relativa ai salmoni chiamati selvaggi che crescono liberi lungo i corsi d’acqua e che, grazie al movimento continuo facilitato dagli ambienti naturali, sviluppano una carne decisamente compatta. In commercio si possono comunque trovare salmoni di buona qualità, la cui freschezza deriva però dall’allevamento in vasche.

Tratto da: http://www.albanesi.it/dietaitaliana/blu/articoli/116salmaffum.htm

Precedente Sfogliatelle ricce campane – Rita D. Successivo Bounty cioccolato fondente – Elisa T.