Crea sito

Pizzelle fritte

Se ti è mai capitato di visitare Napoli, di certo non puoi avere ignorato il profumo delle pizzelle fritte che inonda i vicoli . Si tratta di dischetti di pasta per pizza che vengono fritti e poi conditi con pomodoro, basilico e formaggio grattugiato: sono una vera prelibatezza e, soprattutto, un intramontabile classico della tradizione culinaria partenopea.
Oggi vengono ampiamente consumate come street food mentre si passeggia per le vie della città, ma la loro tradizione è molto antica, infatti venivano preparate e poi vendute dalle famiglie più numerose che abitavano nei bassi napoletani, ossia le piccole abitazioni al pianterreno.
Ottime da mangiare calde (…ma anche tiepide!) si prestano molto bene ad aperitivi ed antipasti: preparale per i tuoi ospiti e farai un figurone!
Vediamo insieme la mia ricetta 🙂

Pizzelle fritte
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni15
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Dosi per circa 15-16 pizzelle

Per l’ impasto

  • 250 gfarina 00
  • 300 gfarina tipo 1
  • 250 gacqua (tiepida)
  • 15 golio extravergine d’oliva
  • 5 glievito di birra fresco
  • 1 cucchiaiosale fino
  • 1 cucchiainozucchero
  • 1 lolio di semi di arachide (per friggere)

Per il condimento

  • 250 mlpassata di pomodoro
  • 1/2cipolla dorata
  • 40 gparmigiano Reggiano DOP
  • 20 fogliebasilico
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Preparazione delle pizzelle fritte

L’ impasto

  1. 1. Inizia attivando il lievito di birra fresco sciogliendolo in poca acqua (presa dal totale) con un cucchiaino di zucchero. Attendi 10 minuti e, nel frattempo, disponi la farina a fontana in una ciotola ampia.

  2. 2. Poi, versa il lievito all’ interno della fontana.

  3. 3. E anche l’ olio extravergine di oliva.

  4. 4. Poi, aggiungi l’ acqua tiepida a filo mescolando con la mano libera in maniera circolare prendendo poca farina alla volta a mano a mano.

  5. Pizzelle fritte

    5. Quando tutti gli ingredienti si saranno ben amalgamati, aggiungi il sale e fallo assorbire bene dall’ impasto.

    In seguito, trasferisci il composto su una spianatoia di legno infarinata e impasta energicamente per 10 minuti.

  6. 6. Trascorso questo tempo, otterrai un panetto liscio ed elastico che farai lievitare per 3 ore in forno spento con luce accesa, coperto con un canovaccio.

Il condimento

  1. Mentre l’ impasto delle tue pizzelle lievita, occupati del condimento . Quindi, fai soffriggere la cipolla tritata con un filo di olio e, quando sarà appassita, aggiungi la passata di pomodoro. Fai cuocere per 30 minuti e, alla fine, aggiungi qualche fogliolina di basilico e aggiusta di sale e pepe. Fai raffreddare la salsa.

Le pizzelle fritte

  1. 7. Una volta che il panetto avrà raddoppiato il suo volume, stendilo con le mani formando una sorta di rettangolo sulla spianatoia infarinata e inizia a fare le pieghe. Porta i due lembi più lunghi di destra e di sinistra verso il contro, facendoli sovrapporre di qualche centimetro e, successivamente, pratica un’ ultima piega, dal basso verso l’ alto, poi pirla l’ impasto finché non sarà ben tondo. Fai riposare coperto da un canovaccio in ambiente asciutto per 15 minuti. Ripeti questo passaggio per tre volte.

  2. 8. A questo punto, stendi l’ impasto con le mani sulla spianatoia infarinata ottenendo una “sfoglia” spessa circa 5 mm.

  3. Pizzelle fritte

    9. Ora, con uno stampino tondo o con un bicchiere, ricava dei dischetti e disponili su una leccarda foderata con carta forno infarinata. Falli riposare un’ ora circa.

  4. Pizzelle fritte

    10. Nel frattempo, fai scaldare l’ olio di semi di arachide molto bene e, quando sarà pronto, immergi uno, massimo due, dischetti alla volta dopo averli appiattiti leggermente al centro. Quindi, friggili fino a che non saranno ben dorati.

  5. Pizzelle fritte

    11. Infine, scolale dall’ olio con una schiumarola sulla carta assorbente e condiscile con mezzo cucchiaio di salsa al pomodoro, un pizzico di parmigiano e una fogliolina di basilico. Servi le pizzelle fritte ben calde ( anche tiepide sono ottime! ) e . . .

    Buon appetito!

Conservazione delle pizzelle fritte

Ti consiglio di consumare al momento le pizzelle fritte.

Guarda questo e altri piatti anche qui https://www.instagram.com/ame_mipiace/

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da amemipiace95

Mi chiamo Camilla Milone e ho 25 anni. Ho sempre lavorato nel mondo della ristorazione come addetta alle vendite e barista. Grazie a questo e alla genetica, sto coltivando la mia passione per la cucina giorno dopo giorno. Mi piace sperimentare piatti e ricette nuovi e scrivere di essi. La scrittura, infatti, è la mia seconda grande passione e, con il blog, posso finalmente esprimere entrambe!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.