Taralli bolliti e glassati tipici pasquali

Oggi voglio mostrarvi come realizzare i taralli bolliti e glassati.
Questi buonissimi taralli vengono preparati nel periodo di Pasqua e sono dei dolci tipici pugliesi.
A Pasqua non può mancare anche la mitica pastiera Napoletana e qui trovate la ricetta

taralli bolliti e glassati
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo5 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 6Uova
  • 100 mlOlio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicoSale (per ogni uova)
  • 1 pizzicoBicarbonato
  • 1 bicchierinoGrappa (o anice)
  • 1 cucchiaioZucchero
  • 500 gFarina 00

Per la glassa

  • 150 mlAcqua
  • 700 gzucchero semolato
  • q.b.diavolilli colorati (per decorare)
  • gocceLimoni

Strumenti

  • Pentola
  • Forno

Preparazione dei taralli bolliti e glassati

  1. taralli bolliti e glassati

    In una ciotola versate le uova e montate leggermente, aggiungere il sale, il bicarbonato, la grappa, l’olio e la farina setacciata.

  2. L’impasto risulterà molto morbido.

  3. Versate l’impasto sulla spianatoia e aggiungete con le mani, unte di olio, circa 100 grammi di farina, lavorare a lungo, circa 15 minuti finché l’impasto si gonfia.

  4. Formate un panetto e lasciate riposare per circa 30 minuti

  5. Mentre l’impasto riposa prendete una pentola, riempirla di acqua e metterla sul fuoco

  6. Riprendere l’impasto, adagiarlo su una spianatoia unta con poco olio, quindi formate tanti cilindri di 15 cm.

    Appena l’acqua sfiora il bollore calate i taralli poco alla volta, appena vengono a galla prelevarli con una schiumarola e adagiarli su di un canovaccio, coprirli con un panno e una coperta e farli riposare e raffreddare per 4- 5 ore.

  7. Dopo che si sono asciugati per bene con un coltello tagliate il tarallo in modo profondo e con attenzione tutt’intorno.

  8. Dopo aver praticato il taglio per tutta la circonferenza dei taralli adagiarli su una teglia, foderata da carta forno.

  9. Cuocete in forno caldo a 180 gradi per 20 minuti fino a farli diventare dorati.

    Ben distanziati tra loro perché si gonfieranno.

  10. Prendete una pentola, versare acqua e zucchero e dolcemente far sciogliere sul fuoco e mescolando.

    Quando bolle fate la prova del filo: mettendo un po’ di glassa fra pollice e indice – senza bruciarsi! – essa formerà un filo. 

  11. Lasciate raffreddare, aggiungere qualche goccia di limone e montate con le fruste finché la glassa diventa bianca. Glassate le ciambelle, decorate con i diavolilli e fate asciugare.

Consiglio di Adriana

Conservate in luogo fresco e asciutto.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Pesto di carciofi cremoso semplice e delicato Successivo Morselletti cilentani friabili e croccanti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.