Pane e panelle (con videoricetta)

Share:
Condividi

GUARDA IL VIDEO

E vabbè, qui da noi a Palermo il pane con le panelle si dice così: pane e panelle, e si dice anche che “pane e panelle fanno i figli belli”, dove panelle sta per schiaffoni!!! ^^ Io però  sono cresciuta a pane e panelle quelle buone, fritte, comprate dal panellaro con l’ape verde, fermo in piazza a friggere sin dalle prime ore del mattino, per consentire a noi bimbi delle elementari di portare “la merendina” a scuola….. ahahahahahahahahaha…… se penso alle merendine di oggi… ahahahahahah :D Immaginatevi una bimbetta con le trecce che esce dalla cartella (niente zaini griffati ai tempi) un PANINO… CON… LE… PANELLE!!!!… e qui chiamerei in aiuto Fiorello per renderne bene il tono! :D

Spesso insieme alle panelle ci sono anche le cazzille, le crocchè di patate, ma quelle saranno oggetto di un altro post…

500 g di farina di ceci

un litro e mezzo di acqua

sale e pepe

prezzemolo tritato

semi di finocchio (facoltativo)

In una pentola capiente versate la farina di ceci. Fate la fontana e aggiungete poca acqua alla volta, cercando di amalgamare aiutandovi con una palettina di legno. In questo si evita di formare i grumi (nel caso si formino, basterà un “colpo” di frullatore a immersione).

Salate, pepate e mettete sul fuoco. Mescolate in continuazione, perchè tende a solidificare sul fondo e si rischia di far rapprendere tutto. Continuate a mescolare anche quando avrete l’impressione che sia tutto grumi, pian pianino si amalgamerà tutto alla perfezione, vi verrà un bicipite così, ma si amalgamerà! Dopo circa 25 minuti, quando comincerete a sentire  “PLOFF” (dovrà fare proprio ploff), sarete già a buon punto e potete fare la prova piattino, spalmatene un po’ sul piatto, fate raffreddare qualche secondo e se si stacca facilmente, spegnete il fuoco (durante questa operazione naturalmente togliete la pentola dal fuoco).

Aggiungete il prezzemolo tritato, o i semi di finocchio, mescolate vigorosamente, e fate le panelle. Come? C’è la versione tradizionale, che vuole che si spalmi velocemente l’impasto sul retro di un piatto, e staccare immediatamente la panella, e c’è la versione per la casalinga che non ci riesce perchè dovrebbe essere velocissima e rischia di far asciugare tutto prima della terza panella….. una a caso io…  in questo caso versate tutto in un contenitore rettangolare (o quadrato, fate voi, ai tempi delle lattine dell’olio quelle cilindriche, si usavano quelle, poi si faceva scivolare il panellone e si tagliava a fette tonde, era comodissimo).

Fate raffreddare, sformate e tagliate a metà e poi a fette spesse mezzo centimetro circa e friggete in olio profondo bollente.

Passatele su carta assobente e condite i panini. Salate e…. godete! :D

coltello Pedrini

POTREBBERO INTERESSARTI:

Vota questa ricetta:
Pane e panelle (con videoricetta)
  • 3.00 / 55

10 pensieri su “Pane e panelle (con videoricetta)

  1. @Ros
    Non sai che ti perdi, provalo! :)

    @mariabianca
    E’ vero ho dimenticato di suggerirlo, anche noi lo amiamo col limone spremuto!!! :D

    @Eleme
    Se le provi, fammi sapere…. devi provarle!!! :)

  2. mai assaggiate …ma com’è invitante quel panino!!! da noi si dice Mazza e panella fanno ‘e figlie belle, panella senza mazza fanno ‘e figlie pazze hahaha panella sta per pane..la mazza per bastonate hihihihi ciaoo buona domenica

  3. Ho provato a farle propio la settimana scorsa, qui in uk la farina di ceci si chiama gram flour. non so se sia identica a quella che si trova in Italia, ma nonostante io le mie le abbia messe in forno, sono uscite deliziose! in settimana le rifaccio e questa volta, mando a ca@are la dieta e le friggo!!! grazie per la ricetta!!!!

  4. ciao , mi piacciono tanto le panelle, ma nn le ho mai fatte. ho il kenwood couking chef, sapresti dirmi come potrei farle con questa macchina visto che io per mescolare nn ho tanta forza.ciao!

    • Ciao, non ho il cooking chef e non so come funziona… se c’è una funzione per mescolare usa quella fino ad avere la giusta consistenza (deve anche sobbollire).
      Fammi sapere eh! :D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>