Coniglio ripieno con asparagi

Dopo aver seguito la lezione di Roberto Liberati, il guru dei macellai di Roma, su come disossare un coniglio, mi è venuta tanta voglia di fare il coniglio ripieno per Pasqua. Ci vuole un po’ di pazienza ma poi avrete tanta soddisfazione. Ad ogni modo, potete anche farlo disossare dal vostro macellaio. Su questo link trovate la lezione pubblicata da Agrodolce.

Ingredienti

  • Un coniglio disossato

per il ripieno:

  • carne macinata di vitella gr 100
  • due salsicce
  • 3 o 4 filetti di alici
  • un cucchiaio di capperi dissalati
  • un cucchiaio di olive disossate (ho usato il Leccino di Frutto d’Italia)
  • un cucchiaio di pecorino romano
  • uno spicchio d’aglio
  • un uovo
  • mezzo bicchiere di vino secco (ho usato un Inzolia)
  • un litro di latte
  • olio evo
  • qualche rametto di rosmarino
  • qualche foglia di salvia

Preparazione

Sicuramente lo scoglio più grande è preparare il coniglio ma fatto questo, il resto è facilissimo. Dopo averlo disossato, l’ho lasciato a marinare con un litro di latte per un paio d’ore, così mi sono riposata anche io. In una ciotola, ho messo la carne macinata, le salsicce, lo spicchio d’aglio schiacciato in crema e gli altri ingredienti mescolandoli bene.

Ho steso su un tagliere il coniglio e ho messo sopra l’impasto e quindi l’ho ricomposto formando un cilindro. Con lo spago da cucina ho chiuso il coniglio (tutorial), se questa operazione vi sembra difficile, potete farvi dare un po’ di rete per arrosti dal vostro macellaio. A questo punto non resta che infornare. Prendete una pirofila e adagiate della carta di alluminio, ungetela con un po’ di olio e appoggiate il coniglio. Salatelo leggermente e mettete la salvia ed il rosmarino vicino al coniglio, chiudete poi con la carta di alluminio. Mettete la pirofila in forno già caldo a 110° per una cottura dolce e non aggressiva.

Poi l’ho aperto e ho versato circa mezzo bicchiere di vino, ho infornato di nuovo e ho completato la cottura. Viene meglio se tagliato da freddo e poi si scalda prima di portare in tavola versando sopra il sughetto che si è formato in forno.

Gli asparagi sono semplicemente puliti e lessati, con un filo d’olio e di limone. Una violetta edibile rende tutto più primaverile.

Farete felici tutti. Buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!

Related posts:

Precedente Baccalà con la caponata siciliana Successivo Pasta Legù con zucchine, menta e ricotta