Cantina Capitoni in Val D’Orcia

14292232_10208890853060160_7565007517748355185_n

Legàmi

… le nostre mani si muovono attente tra le foglie verdi per sistemare i tralci.
Le nostre braccia sembra che si uniscano ad altre braccia: i tralci della vite.
E, sempre con il naso all’insù, a vedere se piove o se fa bello
si pena tanto nelle cattive annate, ma forse altrettanto nelle buone,
perché allora dipende solo da noi… 

(Marco Capitoni)

In una tiepida giornata di settembre Sabrina Rinaldi ed io siamo andate a visitare la Cantina Capitoni di Pienza.

Una natura che è pura poesia. Dolci colline dorate che si susseguono a perdita d’occhio rigate elegantemente dai classici cipressi, gli alberi blu. Vi ricordate la scena de Il Gladiatore in cui Massimo Decimo Meridio (Russell Crowe) in un meraviglioso paesaggio agreste immagina di rincontrare il figlioletto e la moglie? Ridley Scott scelse proprio la dolcezza della Val D’Orcia come sfondo di una dimensione paradisiaca senza spazio e senza tempo.

the-gladiator-russel-crowe-val-dorcia
“Li rincontrerai un giorno, ma non ancora…non ancora”

In questo contesto serafico si trova il Podere Sedime di Marco Capitoni, dal latino  “Luogo dove tutto si ferma, si placa e riposa” registrato come proprietà fondiaria della famiglia Gherardi nel 1692. La tenuta è di circa 50 ettari di cui la maggior parte a seminativi, boschi ed ulivi. Il vigneto è di 5 ettari e verso la fine degli anni 90 si è deciso di imbottigliare ed iniziare a produrre qualità.
Ci siamo addentrati nei vigneti e il terreno è punteggiato da conchiglie del Pliocene. Basta chinarsi per trovarne una bella manciata in pochi metri quadrati. Il casale è stato tutto ristrutturato e nelle stalle dove prima c’erano belle mucche chianine, ora troneggiano rotondeggianti barriques.
14222178_10208697753615586_7058078090290903915_n 14233269_10208697754495608_5373335719020682285_n 14329943_10208697754295603_8089285028398680420_n 14237475_10208890857500271_3284653231207532994_n 14231152_10208697615572135_4882464316391696313_o

Marco ci parla del suo lavoro rapito dall’amore che ha per la sua terra. Gli occhi gli brillano quando prende un grappolo di Sangiovese. Ci spiega che tutto viene fatto a mano, nel massimo rispetto della natura, facendo arrivare nella bottiglia un vino più che biologico, anche se non ha chiesto la certificazione per meri motivi burocratici.
Ad aiutarlo nei vigneti c’è anche il su’ babbo che, pedalando lentamente, risale il viale e viene verso di noi. Splendido personaggio di altri tempi con il viso segnato dal tempo e dal sole, ma ancora inarrestabile. Ha compreso e sostenuto il cambiamento che il figlio ha voluto portare all’azienda e collabora con lui con la saggezza propria della sua età. Uno spettacolo!

14264983_10208890860220339_5842443555964036577_n 14292455_10208697754095598_1143736332991235547_n

Come simbolo dell’azienda, è stata scelta la cariatide della Pieve di Corsignano (sec. VIII), antico nome di Pienza. La campana della Pieve da secoli scandisce il lavoro nei campi dei contadini. Si recavano alle funzioni lì perché era più vicina alle loro case ed inoltre si sentivano più a loro agio, visto che potevano essere sporchi e avere l’odore del loro duro lavoro. Sopra alla porta principale, c’è la bifora sostenuta dalla cariatide, simbolo austero di prosperità e fecondità. logo-capitoni

14225515_10208697737095173_6143063191594430243_nIl vigneto più vecchio è del 1973 ed è di un ettaro, per lo più Sangiovese, un po’ di Canaiolo e pochissimo Colorino è destinato alla produzione del Frasi , Orcia D.O.C.: un vino romantico di cui Marco Capitoni è particolarmente orgoglioso. Non ci sono tutte le annate del Frasi perché viene imbottigliato solo se raggiunge determinati canoni stabiliti dall’enologo e da Marco in fase di lavorazione.
Per ogni annata, Marco sceglie per l’etichetta una frase (da cui deriva appunto il nome), metafore che raccontano la filosofia produttiva o talvolta il carattere di una vendemmia e gli stati d’animo di un anno di vita.

“La soddisfazione della fatica,le speranze ed i risultati…Orgoglio”

Annata 2007

La raccolta delle uve è manuale in ceste. Dopo la diraspatura, avviene la fermentazione in acciaio. La trasformazione degli zuccheri in alcol avviene naturalmente, senza aggiunta di lieviti, enzimi o altro, al fine di valorizzare caratteristiche e particolarità proprie delle uve. Il mosto rimane a contatto con le bucce per circa 20 giorni. Durante tale periodo ad intervalli di 6 ore sono alternati rimontaggi e follature manuali.

14222131_10208697617492183_8972150913932541220_n 14222358_10208697734735114_727014762570487507_nDopo la svinatura, viene fatta ancora una sosta di 2 settimane in acciaio per agevolare la sedimentazione delle fecce grossolane. Poi il vino viene travasato nella botte di legno, in rovere provenienza Allier, capacità 33 hl: lì rimane per 24 mesi.

Quindi si versa nel calice, si lascia respirare un attimo, anche più di uno. Si ammira il bel colore rubino, si annusa il profumo intenso e mutevole: subito frutta rossa, prugna, ciliegia e poi caffé tostato, tabacco.
Ecco, si lascia parlare il Sangiovese ricco e generoso. Il primo sorso conferma quello che ci aveva promesso il naso: una morbidezza avvolgente di un vino fatto da chi ama la sua terra e che lo firma con frasi autentiche e genuine come l’uva selezionata per arrivare al calice che tieni tra le dita.14232437_10208890853260165_6600920554199050474_n 14322304_10208890858980308_5498018740454389536_n 14333123_10208890853500171_15185484060837026_n 14231900_10208697616252152_4142899815078198910_o 14212661_10208697735615136_3878573987614966953_n

Negli altri 4 ettari di vigneto viene prodotto il  Capitoni, Orcia DOC, Sangiovese 80% e Merlot 20% che vengono vinificati separatamente per poi essere uniti in cantina. La raccolta è sempre manuale e i chicchi vengono selezionati a mano.
Dopo la diraspatura, gli acini vengono leggermente pressati con la pressa pneumatica in cui una membrana viene gonfiata con aria compressa schiacciando così gli acini senza stressarli troppo. Quindi si passa ad una fermentazione in acciaio a temperatura controllata per 18 giorni e poi in affinamento in barriques per 12 mesi. 

Lo versiamo nel calice e ammiriamo il  frutto del lavoro in vigna ed in cantina. La luce attraversa il vino rubino dai riflessi granati.
Come suo fratello, anche Capitoni ha sentori di frutta rossa ed anche qualche spezia colpisce l’olfatto. Tannini morbidi, affatto aggressivi, molto piacevoli. Un calice gradevolissimo, con vivida freschezza ed un corpo robusto che accompagna facilmente tante pietanze succulente.

14237738_10208697616892168_8838311447436857133_n 14330103_10208890899941332_5131649305793933669_n 14225419_10208890921301866_2107229977334936121_n 14292516_10208697687773940_1587883545350565612_n 14238301_10208697735295128_2795784861029065021_n

Arriviamo al terzo vino che ho trovato molto divertente ed intrigante, come il suo nome TroccoloneIn dialetto veniva chiamato così il commerciante che si spostava da un podere all’altro vendendo furbescamente un po’ di tutto, piccoli utensili, articoli di merceria barattandoli con polli, conigli ed altri prodotti. Era utile ma anche scaltro affarista ed anche un po’ marpione con le belle donne che trovava magari sole nei poderi. Un piacione simpatico.

Marco ci racconta che, avendo notato che le uve di una particolare porzione di vigneto avevano delle caratteristiche peculiari, ha avuto l’idea di valorizzarle e vinificarle separatamente.
Terra di Etruschi quindi di terrecotte, arriva l’idea di provare ad utilizzare le anfore di Impruneta realizzate “a colombino”, senza nessuna vetrificazione o smaltatura. L’anfora consente un’ossigenazione inferiore a quella di una barrique ed essendo un materiale inerte, non modifica il gusto dell’uva che mantiene inalterati tannini ed aromi. La terracotta inoltre offre un ottimo isolamento termico. Il colore del vino è differente, quasi con dei riflessi aranciati, ambrati. Bellissimo, con un fascino veramente particolare. Un Troccolone, insomma. Ma al palato è una vera sopresa!
Profondo e speziato, avvolgente e dal sorso leggero gustosissimo. Innamorata! La produzione ancora è di pochissime bottiglie, solo 1300, ma spero che Marco l’aumenti.

14316838_10208697738215201_7169532308756966171_n14232395_10208697752215551_6766232574046680891_n 14263993_10208697751815541_6871475961148045673_n

Dopo la degustazione in cantina, abbiamo potuto apprezzare i vini a pranzo accompagnandoli agli ottimi piatti del ristorante La Porta di Monticchiello. Un pranzo perfetto con sapori armonici in pieno equilibrio. La guanciola di manzo stufata con il Frasi del 2008 è stata una vera goduria.14225470_10208697692134049_7642173450878424356_n 14322420_10208697661893293_1059692187047708440_n14222101_10208697656133149_7809514937362885652_n

La giornata si è conclusa con una bella passeggiata a Pienza e la visita alla Pieve di Corsignano.

Il vino ti porta a conoscere anche posti e persone meravigliose come Marco Capitoni, signore di altri tempi, con un piede nella tradizione e l’altro nella modernità che ti parla della storia della famiglia ma anche di marketing, packaging e consulenze enologiche. Genuino ed autentico romantico che ama la sua vigna e ne parla come di un figlio.

Se avete in programma una gita in Toscana, mettete nel vostro itinerario una tappa in questa cantina dove Marco Capitoni e sua moglie Antonella vi accoglieranno nel loro podere. Sarà un’esperienza che ricorderete.

Capitoni Marco Azienda Agraria
Podere Sedime 63,
53026 – Pienza (SI)
cell. 338.8981597
email: info@capitoni.eu

Un-tuffo-nell-Orcia-da-Marco-Capitoni-1-Capitoni_article_detail
La famiglia Capitoni nel 1930

14231900_10208697616252152_4142899815078198910_o 14237738_10208697616892168_8838311447436857133_n 14225363_10208697633852592_2966288099210745255_n 14225538_10208697652653062_5893871212433128958_n 14316895_10208697653013071_2082386896406991531_n 14212738_10208697653973095_4980234802559991273_n 14232998_10208697654413106_4354679701219613437_n 14322486_10208697654613111_7564895797342768534_n 14212690_10208697641612786_5571883743160775362_n 14322644_10208890923141912_8705557952307421489_n 14329917_10208697729894993_1634302429376652201_n 14322178_10208697730575010_4251018519678548561_n 14316768_10208697735895143_7190279699773577372_n 14292498_10208697736335154_1937147836202588398_n 14316823_10208697737455182_3355962946330330542_n 14142078_10208697737895193_6879139958050703029_n 14316838_10208697738215201_7169532308756966171_n 14322448_10208697738455207_6688097150692756314_n 14264896_10208697739095223_2651734696277296818_n 14316769_10208697740135249_3119352802102434359_n 14264040_10208697740295253_2195969173590517833_n 14333025_10208697740575260_4040984976554373990_n 14333690_10208697741495283_1097568870993163523_n 14333751_10208697743375330_6921816583231042407_n 14322580_10208697742935319_7005696198248441114_n 14322574_10208697742615311_9209954735169708904_n 14322611_10208697741775290_6779385372725621129_n 14233083_10208697743615336_7889967358426315493_n 14316873_10208697744095348_1190646819603381188_n 14316824_10208697744575360_1857599670594438544_n 14316783_10208697745495383_7420061324008899204_n 14237682_10208697749695488_8341511293292475714_n 14333564_10208697750135499_1936480347756501671_n 14291925_10208697750455507_492986261260783053_n 14322487_10208697750855517_5564052780185682474_n 14233249_10208697751295528_7685390625908236199_n 14322687_10208697751535534_7705513542928153622_n

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Precedente Il piccolo buco di Luca Issa a Fontana di Trevi Successivo Shochu in Cucina al Ristorante Galbi di Roma