Pastiera

La pastiera è il mio dolce preferito per Pasqua. Considerando che non amo la colomba, questo dolce è entrato prepotentemente nella mia cucina e si è pure fermata. Fino a una decina di anni fa non la conoscevo neppure, infatti essendo lombarda a Pasqua era di rigore la colomba che a me non piace gran che. Poi con l’avvento dei blog culinari mi si è aperto un mondo nuovo in cucina e sulla mia tavola sono comparse varie ricette tipiche delle nostra bell’Italia pastiera compresa. La vidi per la prima volta da Imma de i Dolci a gogo e subito decisi di farla per la Pasqua del lontano 2009. Credetemi da allora sono 10 anni che puntualmente ogni giovedì santo la preparo per la Pasqua.

  • Difficoltà:
    Alta
  • Preparazione:
    2 ore
  • Cottura:
    2 ore
  • Porzioni:
    12 persone persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 350 g di grano precotto
  • 280 ml di latte
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 500 g di ricotta di pecora
  • 200 g di zucchero
  • 5 uova
  • 50 g di fiori d’arancio
  • 150 g di candito misti
  • 150 g di zucchero a velo

Per la frolla

  • 500 g di farina 00
  • 200 g di burro
  • 3 uova
  • 200 g di zucchero
  • 1 limone (buccia gratuggiata)

Preparazione

  1. Preparare la pasta frolla (meglio se il giorno prima) e lasciarla riposare fino al momento dell’uso.

    Mettere a cuocere, a fuoco lento, il grano con il latte, il burro e il cucchiaio di zucchero.

    Fare cuocere fino a che il composto non avrà assunto un aspetto cremoso.

    Lasciare raffreddare completamente.

    Mettere quindi la ricotta in una ciotola abbastanza capiente e lavorarla con un cucchiaio di legno in modo da renderla ben cremosa.

    Aggiungere poi i 200 gr di zucchero e lavorare ancora.

    Aggiungere quindi i cinque tuorli e tre albumi montati a neve ben ferma (oppure 5 uova intere), la scorza grattugiata dei limoni, l’acqua di millefiori e i canditi tagliuzzati. Unire quindi la crema di grano e mescolare ulteriormente.

    Stendere quindi la pasta frolla portandola ad uno spessore di tre millimetri e foderarvi una teglia bassa, unta e infarinata. Riempire con il ripieno e con la pasta rimanente formare delle strisce e disporle a griglia sul ripieno.

    Mettere in forno, in posizione piuttosto bassa, a circa 150 gradi per un paio di ore. Una volta cotta, farla raffreddare in forno caldo e aperto e spolverare di zucchero a velo.(oppure a 170 ventilato per 60 minuti)

Note

Preparatela il giovedì santo perché più riposa più è buona.

Precedente Agnello dolce di Pasqua Successivo Spaghetti alla puttanesca per Quanti Modi di Fare e Rifare

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.