Budino di riso con il latte

Il budino di riso con il latte è un dolce tradizionale che le nonne preparavano per i nipoti, e che passa di generazione in generazione.

Denso e cremoso è ottimo come dessert, ma anche per la colazione o la merenda dei più piccoli. Facile  e veloce da preparare, in soli 20 minuti, con pochi e semplici ingredienti.

Il budino viene servito cosparso di cannella in polvere.

Budino di riso con il latte

Budino di riso con il latte

Ingredienti per 6 persone

  • 1 kg di latte
  • 200 g di riso
  • 160 g di zucchero
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 2 tuorli
  • 2 vanilline
  • 440 g di acqua
  • cannella in polvere

Procedimento

Mettete l’acqua in una pentola, portate ad ebollizione e versate il riso. Appena comincia a bollire versate il latte, dopo averne tenuto un po’ da parte, e mescolate bene. Fate cuocere a fuoco basso e, quando comincia ad addensarsi, aggiungete lo zucchero.

Sciogliete l’amido di mais nel latte, meglio se a temperatura ambiente, che avete tenuto da parte, sbattendo bene con una frusta.

Sbattete i tuorli con le vanilline e aggiungete, poco alla volta, il latte nel quale avete sciolto l’amido di mais, continuando a sbattere con la frusta per amalgamare bene il tutto.

Versate il composto nella pentola con il riso, mescolando continuamente. Fate cuocere, a fuoco basso, fino a quando il budino si sarà rassodato e il riso sarà cotto.

Versate il budino di riso con il latte nelle coppette e servite caldo o freddo, dopo aver cosparso la superficie di cannella, secondo la ricetta tradizionale, oppure, se preferite, di cacao.

Consiglio

Spolverizzate il budino con la cannella o il cacao usando un setaccio, in modo che cada soffice e in maniera omogenea.

Conservazione

Se non consumate subito il budino di riso, conservate in frigorifero.

Puoi seguirmi anche sulla pagina facebook  SaporiGreci per vedere le nuove ricette pubblicate dal blog!

2 Risposte a “Budino di riso con il latte”

  1. oltre ad essere delizioso, è anche nutriente e vista l’epidemia influenzale di questo periodo, lo trovo adatto anche ai convalescenti 🙂
    Grazie per la ricetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.