Risotto alla zucca e castagne

Anche questa ricetta che vi propongo è molto autunnale. Il risotto alla zucca e castagne ha tra i suoi ingredienti due tra i più tipici prodotti di questa stagione.

La zucca e le castagne con i loro sapori e colori ben rappresentano l’autunno ed io ho cercato di coniugarli in questo risotto dal gusto dolce e morbido.

Anche stavolta ho utilizzato la zucca butternut che trovo molto più saporita della classica zucca gialla e ne ho usato una discreta quantità così che questo risotto risultasse molto cremoso e ricco di verdure.

Ho deciso inoltre di cucinare questo risotto senza vino per lasciare inalterato il suo gusto delicato.

Ecco come preparare il risotto alla zucca e castagne.

Risotto alla zucca e castagne
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gZucca butternut già pulita
  • 200 gCastagne
  • 260 gRiso per risotti
  • 40 gGrana Padano
  • 20 gBurro
  • Mezza cipolla
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe
  • Salvia
  • Rosmarino
  • Brodo vegetale

Preparazione

  1. Incidere la buccia delle castagne e farle lessare in acqua bollente e leggermente salata per venti minuti.

    Farle raffreddare e sbucciarle togliendo anche la pellicina marrone al loro interno.

    Sbucciare la cipolla e tritarla molto finemente.

    Fare un trito molto fine anche con le foglie di salvia e con gli aghi del rosmarino.

    In una pentola rosolare la cipolla con due cucchiai di olio extravergine di oliva, aggiungere il trito di salvia e rosmarino e fare insaporire due minuti.

    Aggiungere la zucca tagliata a pezzetti e fare stufare a fiamma moderata aggiungendo un po’ di brodo vegetale.

    Tostare il riso in una padella con un cucchiaio di olio per pochi minuti poi aggiungerlo nella pentola con la zucca.

    Farlo insaporire mescolando con un cucchiaio di legno poi aggiungere un mestolo di brodo vegetale bollente già salato, chiudere il coperchio e cuocere a fiamma molto bassa.

    Continuare ad aggiungere brodo quando il risotto assorbe il liquido messo in precedenza e mescolare spesso.

    Quando il riso è quasi cotto aggiungere le castagne tagliate a pezzi grossolani.

    Aggiustare di sale e portare a cottura.

    Allontanare la pentola dal fuoco ed unire il burro e il Grana Padano grattugiato per mantecare bene.

    Servire il risotto nei piatti individuali con una spolverata di pepe ed altro Grana Padano grattugiato.

Qualche consiglio

Per rendere il risotto alla zucca è castagne più saporito potete mantecarlo con un formaggio dal sapore più deciso del Grana Padano come ad esempio del taleggio o del gorgonzola.

Potrebbero piacerti anche queste ricette:

SFORMATO DI ZUCCA E RICOTTA

LASAGNE DI ZUCCA E SALSICCIA

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Risotto alla zucca e castagne”

  1. Ciao, ho trovato questa ricetta perché questa domenica vorrei preparare un risotto zucca, castagne e whiskey.
    Stavo pensando di usare il parmigiano invece del grana, per dare più corpo, e dare comunque la sfumata di vino, mentre per sostenere le note calde dello scotch stavo valutando della noce moscata e forse del pimento in luogo delle erbe aromatiche. Sulla zucca in caso la trovi userei la delica, altrimenti butternut o violina.
    La mia domanda è: usando i marroni invece delle castagne rischio che il sapore sia troppo dolciastro (nota, in entrambi i casi le farei al forno invece che lessate)? Ho paura di non trovare castagne e non so se in caso basterebbe ridurre un minimo la dose e usare un parmigiano più saporito tipo il 30 mesi.
    Grazie comunque per l’aiuto 🙂

    1. Tutte le modifiche che hai proposto sono senz’altro molto valide.
      Già usando le castagne il sapore di questo risotto è un po’ dolciastro, non ti so dire con i marroni quanto venga più dolce ancora, ma comunque dipende tutto dai gusti. Non ti rimane che provare. Magari in fase di assaggio finale compensa il dolce con un pizzico di sale in più o come dici tu con un Parmigiano più stagionato.
      Fammi sapere 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.