Stecche ai pomodorini e timo

Oggi vi racconto una variante intrigante di una ricetta che conoscete già, ma che, vista la bontà del risultato ed anche la stagione, non potevo non condividere con voi: le stecche con pomodorini e timo.

La ricetta di base era già ottima, tanto che qui alla Lifferia è diventata un tormentone: una delle ultime volte che siamo stati invitati a casa dei genitori del Socio Liffo, me le hanno espressamente chieste e ne ho sfornate ben dodici. Durante il tragitto in auto, c’era un profumo di panetteria inebriante e, giunti a destinazione, era tutto un fremito di mani che tagliavano un pezzo dopo l’altro.

Eppure, preparare le stecche con pomodorini e timo è una sciocchezza: basta una forchetta ed una ciotola, trenta secondi per amalgamare quei pochi ingredienti… et voilà, il gioco è fatto. Andiamo verso la bella stagione e l’idea di spendere poco tempo a sudare chini su un impasto sicuramente è allettante. Se poi il risultato è la fine del mondo, beh, non resta che correre in cucina a preparare.

Oltre ad essere una piacevole merenda, le stecche con pomodorini e timo sono perfette anche per un pic nic o, in generale, da portare con sè fuori casa: basterà avvolgerle nella carta paglia, oppure in un sacchetto di carta per il pane. La povertà di strumenti necessaria a prepararle, inoltre, rende possibile la loro realizzazione anche in vacanza. Non avete scuse, quindi, per non provare le stecche con pomodorini e timo! :-)

Stecche ai pomodorini e timo

•••••

stecche con pomodorini e timo

ingredienti | 4 pezzi

400 g di farina 0
350 g di acqua
60 g di olio extravergine d’oliva
15 pomodorini tipo datterino
2 spicchi d’aglio
4 g di sale fino
3 g di lievito di birra fresco
3 g di miele
3 g circa di sale grosso
un mazzetto di timo

semola rimacinata di grano duro
farina 0 per la spianatoia

procedimento

In una ciotola capiente, mescolare la farina con il sale fino. In una caraffa, disciogliere il lievito ed il miele nell’acqua, quindi versare il tutto nella ciotola, amalgamando gli ingredienti con una forchetta (o una spatola) fino a completo assorbimento della farina. L’impasto risulterà molto idratato e appiccicoso, ma dovrà proprio essere così. Coprire con pellicola trasparente e riporre a lievitare a temperatura ambiente dalle 12 alle 18 ore.

Trascorso questo tempo, rovesciare l’impasto sulla spianatoia infarinata, quindi piegare prima un lembo verso il centro, poi ripetere l’operazione con il lembo opposto. Ripetere per un paio di volte, quindi pennellare la superficie con un poco d’olio e distribuirvi un pizzico di sale grosso, che si dissolverà.

Infarinare abbondantemente un panno di cotone ben pulito con la semola rimacinata di grano duro e trasferirvi l’impasto con la giunzione delle pieghe rivolta verso il basso; se l’impasto dovesse risultare ancora molto appiccicoso, infarinare con la semola per impedire che si attacchi al tessuto. Ripiegare delicatamente i lembi del panno e far riposare da un’ora e mezza a due ore, o comunque fino al raddoppio: premendo l’impasto con un dito dovrebbe rimanere un’impronta di circa mezzo centimetro. Qualora questo non si verificasse, l’impasto necessita di ulteriore riposo.

Nel frattempo, preparare il condimento delle stecche con pomodorini e timo. Lavare e mondare i pomodori, tagliarli a rondelle e trasferirli in una ciotola insieme a poco olio, un pizzico di sale fino, i rametti di timo lavati ed asciugati e gli spicchi d’aglio tagliati a fettine sottili. Chiudere con la pellicola trasparente e lasciare insaporire.

Trascorso il tempo di riposo dell’impasto, foderare una leccarda con carta da forno ed ungerla con un pennello. Trasferire l’impasto sulla spianatoia infarinata e dividerlo in 4 parti. Stirare ciascuna porzione di impasto fino a raggiungere la lunghezza della leccarda ed adagiare ciascuna stecca, una accanto all’altra, leggermente distanziate, sulla carta da forno.

Distribuire i pomodorini, l’aglio e il timo sulla superficie delle stecche, praticando una leggera pressione con il pennello per attaccarli alla superficie. Spennellare con l’olio e distribuire il sale grosso rimasto.

Cuocere le stecche con pomodorini e timo in forno elettrico ventilato preriscaldato a 250°C dai 15 ai 25 minuti, o comunque fino a doratura, tenendo presente che il tempo di cottura potrebbe variare in base alle caratteristiche del proprio forno. A cottura ultimata, sfornare le stecche ai pomodorini e timo e farle riposare su una griglia fino a raffreddamento completo per disperdere l’umidità in eccesso.

•••••

Stecche ai pomodorini e timo

Se ti è piaciuta questa ricetta e vuoi rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità della Lifferia,
seguimi sulla pagina Facebook e diventa fan! :-)
Lifferia è anche su TwitterGoogle+ e Pinterest!

Torna alla HOME PAGE oppure naviga tra le RICETTE
…e non dimenticare di iscriverti alla NEWSLETTER GRATUITA di Lifferia.

3 Commenti su Stecche con pomodorini e timo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.