Crea sito

Donuts – Ciambelle americane con la glassa

Finalmente sul mio blog anche la ricetta dei Donuts, le Ciambelle americane con la glassa colorata che vediamo nei film ed in particolare ne i SIMPSON. Sono attratta da questi dolci da una vita ma ho sempre desistito dal prepararli, ma ora che ho un bambino per il quale potrei arrivare a piedi al POLO NORD, se lui chiede le ciambelle colorate di HOMER io gliele devo preparare subito.
Questa ricetta ha la particolarità della noce moscata nell’impasto, voi siete liberi di ometterla naturalmente ma vi garantisco che regala un gusto davvero speciale a queste mitiche ciambelline.
Se avete voglia di friggere ancora e amate le ciambelle provate anche la versione più Italiana e semplice delle ciambelle classiche o graffe senza patata con lo zucchero a velo.
Sandra

Donuts – Ciambelle americane
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo10 Ore
  • Tempo di cottura3 Minuti
  • Porzioni16 pezzi
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaAmericana

Ingredienti per circa 16 Donuts – Ciambelle Americane

Per l’impasto

  • 150 gfarina 0
  • 200 gfarina Manitoba
  • 5 glievito di birra fresco (oppure 15 g di lievito di birra secco)
  • 80 gzucchero
  • 150 glatte
  • 60 gburro
  • 2uova
  • 1/2 baccavaniglia (oppure una bustina di vanillina)
  • q.b.noce moscata (la punta di un cucchiaino in polvere)
  • 2 gsale

Per le glasse colorate

  • 350 gzucchero a velo (circa)
  • q.b.cacao amaro in polvere (circa)
  • acqua (pochissima)
  • qualchecoloranti alimentari (1 o 2 gocce per colore se di buona qualità )
  • confettini colorati (vari e colorati come piacciono a voi)

Strumenti utili

  • 2 Coppapasta uno grande e uno piccolino

Preparazione dei Donuts – Ciambelle americane

  1. Inserite nel boccale o nella ciotola della planetaria il latte, lo zucchero  e il lievito spezzettato, mescolate per un minuto per far sciogliere bene il lievito.

    Aggiungete la farina, i semi della mezza bacca di vaniglia, la puntina di cucchiaino di noce moscata (l’uso della noce moscata è opzionale ma assicura un gusto davvero unico e tutto speciale) e le uova tenendo da parte invece il burro e il sale e cominciate ad impastare per circa 4/5 minuti o comunque fino ad ottenere una buona incordatura, unite il burro a piccoli pezzetti per volta e lasciate incorporare bene, infine aggiungete il sale e lasciate impastare ancora per farlo assorbire completamente.

  2. Ribaltate l’impasto sul piano di lavoro e fate una bella palla. Lasciate lievitare al calduccio in una ciotola e coperta con pellicola fino al raddoppio.

  3. Stendete l’impasto sulla spianatoia infarinata ma senza schiacciare troppo, deve rimanere uno spessore di circa 1 cm o poco più.

  4. Ritagliate i dischi con un coppapasta e con uno più piccolo fate il buco al centro, sistemate le ciambelle su pezzi di carta forno e metteteli su una teglia.

  5. Con i ritagli di pasta avanzati fate una palla ma senza reimpastarla e lavorarla troppo, dovete chiuderla dolcemente pirlando come vedete in questo breve video cliccando qui, lasciate riposare coperta con una ciotola a campana per almeno 30 minuti, così si rilasserà nuovamente e potrete ristenderla e formare le altre ciambelle.

  6. Con “i buchi” delle ciambelle potete fare dei mini bomboloni o donut holes piccolini sfiziosissimi.

    Attendete il riposo dell’impasto rimasto e formate le altre ciambelle, poi lasciatele lievitare fino ad un visibile aumento di volume.

  7. Friggete in olio di semi di arachidi a circa 170°, io utilizzo un termometro alimentare per tenere sotto controllo la temperatura dell’olio, immergete le ciambelle con il foglio di carta forno ancora attaccato, lo sfilerete via facilmente quando andrete a rigirarle dopo un minuto circa, friggete ogni lato fino ad ottenere la calda doratura.

  8. In 3 minuti circa ogni ciambella dovrebbe essere cotta alla perfezione. Controllate la prima per verificare che sia perfetta anche dentro per regolarvi meglio con la temperatura dell’olio e dei tempi di immersione di ogni ciambella.

  9. E’ molto importante che l’olio non sia troppo freddo per non avere ciambelle unte di olio, e che non sia troppo caldo per non avere ciambelle troppo scure e crude dentro.

    Appena fuori dall’olio appoggiatele pochi istanti su carta assorbente.

  10. Mentre attendete che le ciambelle diventino ben fredde preparate le varie glasse colorate.

    Io utilizzo sempre i coloranti della Decora in gel oppure WILTON per essere sicura di ottenere risultati eccellenti.

  11. Io ho preparato 5 ciotole, di cui in 4 ho messo 2 cucchiai colmi di zucchero a velo, ed in una sola ho messo 1 cucchiaio colmo di zucchero a velo ed uno di cacao amaro in polvere per fare la glassa al cioccolato.

    Con la quantità ottenuta da ogni ciotolina ho guarnito due ciambelle.

  12. In ogni ciotolina versate 1 cucchiaino scarso di acqua e 1 sola goccia di colorante, mescolate bene e valutate se vi piace la gradazione, eventualmente aggiungete ancora una goccia di colore.

  13. La consistenza della glassa deve essere abbastanza sostenuta da non colare via subito ma neanche troppo densa da non riuscire a distribuirsi, aggiungete eventualmente dello zucchero a velo poco per volta fino a che non sarà denso come necessario.

    Con il cucchiaino aiutate la glassa ad assestarsi in maniera uniforme e sistemate le ciambelle su una gratella in modo da raccogliere lo zucchero che cola su un foglio di carta forno che metterete sotto.

  14. Donuts – Ciambelle americane

    Mettete quasi subito anche i confettini colorati perché se la glassa inizia ad asciugare poi non aderiranno più.

    Io ho utilizzato anche la granella di nocciole.

    Ho ottenuto una splendida ciambella rainbow utilizzando la glassa colorata rimasta in ogni ciotola.

  15. Donuts – Ciambelle americane

    Una volta ben asciutte le glasse dei vostri DONUTS si conservano bene per due giorni chiusi in un barattolo a chiusura ermetica.

5.0 / 5
Grazie per aver votato!

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.