PIZZA RICRESCIUTA ROMANA

Da brava romana oggi vi lascio la ricetta per il dolce romano pasquale per eccellenza, la PIZZA RICRESCIUTA ROMANA, come la chiamiamo noi romani, se no PIZZA CRESCIUTA DI PASQUA. Questa è la ricetta di famiglia per la pizza ricresciuta, quella tramandata dalla bisnonna, inutile dirvi che non delude mai! Un lievitato dolce dai sapori e profumi antichi, una ricetta della tradizione dall’intramontabile bontà!

Una ricetta pasquale antichissima, da piccola ricordo mia madre che la iniziava a preparare nel giorno del giovedi santo per poi cuocerla la sera del venerdi santo. Era sempre una festa, nei giorni di festa la casa si riempiva di profumi magnifici! La pizza ricresciuta è tradizione mangiarla a Pasqua durante la tipica colazione pasquale. Non levateci a noi romani la colazione pasquale, la tavola si arricchisce di formaggi, salumi come la corallina (il tipico salame romano), frittate, uova sode, la torta pasqualina e dolci come la colomba e uova di Pasqua. Insomma, un pranzo più che una colazione!

Alla tradizione non si può dire di no, quindi la pizza ricresciuta va assolutamente fatta e gustata! Un profumo magnifico e un sapore che non si scorda! Una volta fatta e lasciata freddare si mantiene nel sacchetto di plastica per alimenti, si conserva per tre giorni morbida, poi basterà scaldarla un poco o semplicemente gustarla nel inzuppata nel latte. Ora seguimi, che vediamo insieme come preparare la pizza dolce ricresciuta romana.

********************************************************
SE VUOI RICEVERE LE MIE RICETTE ANCHE SU MESSANGER CLICCA QUI!
********************************************************

PIZZA RICRESCIUTA ROMANA

pizza ricresciuta romana
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    40 minuti
  • Cottura:
    30-40 minuti
  • Porzioni:
    1 pizza da 1 kg
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Farina 00 300 g
  • Farina Manitoba 200 g
  • Acqua 100 ml
  • Zucchero 180 g
  • Lievito di birra fresco 15 g
  • Uova 4
  • Strutto 80 g
  • Scorza d’arancia (grattugiata) 1
  • Scorza di limone (grattugiata) 1
  • Semi di anice 2 cucchiaini
  • Cannella in polvere 2 cucchiaini

Preparazione

  1. Per preparare la pizza ricresciuta romana di Pasqua, inizia la sera nel preparare l’impasto, da tradizione la sera del giovedì santo.

    Scalda l’acqua per portarla a temperatura ambiente, scioglici dentro il lievito con un cucchiaino di zucchero.

  2. In una ciotola metti 100 g della farina manitoba, versa l’acqua con il lievito sciolto e inizia ad impastare fino ad avere un impasto morbido ed omogeneo.

  3. Metti l’impasto in una ciotola, copri con pellicola e lascia lievitare due ore.

  4. Passate le due ore metti l’impasto in frigo per tutta la nottata.

  5. La mattina tira fuori l’impasto, lascialo riposare fuori dal frigo per un’ora.

  6. In un piatto metti le uova, con una forchetta sbattile per bene, metti dentro metà dello zucchero e gira il tutto per bene.

  7. Riprendi il primo impasto, inizia nel lavorarlo di nuovo aggiungendo poco per volte le uova, le due farine mescolate, poi il restante zucchero e per ultimo lo strutto.

  8. Se hai l’impastatrice, inizia nel lavorare l’impasto con il gancio piatto, poi metti quello per impasti lievitati.

  9. Aggiungi gli aromi, quindi l’anice, la cannella e le scorze di arancia e limone.

  10. Continua nel lavorare l’impasto, se usi l’impastatrice mandala avanti a bassa velocità per circa 20 minuti, o fino a quando l’impasto non incorda per bene.

  11. Prendi lo stampo, imburra ed infarina il fondo, metti l’impasto che deve riempire metà di questo.

  12. Metti a lievitare per 8-10 ore. Deve raddoppiare.

    Passate le ore di lievitazione, inforna in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti, poi a 160° per altri 25 minuti, anche 30. A metà cottura metti una pirofila da forno con due dita di acqua, sul fondo del forno, apri dopo 5 minuti per far uscire il vapore, poi richiudi.

  13. Una volta cotta la pizza ricresciuta, lasciala freddare nel suo stampo, volendo puoi usare stampa di carta, come quello che si usa per il panettone, in questo caso non lo devi imburrare ed infarinare dentro.

  14. pizza ricresciuta romana di pasqua

    Non perdere LE NUOVE RICETTE  e CONSIGLI FAI DA TE metti LIKE e seguimi anche su

… i consigli di Vane

La pizza si conserva per tre giorni chiusa in sacchetto di plastica per alimenti.

Puoi fare due pizze piccole utilizzando stampi da mezzo kg.

Puoi velocizzare la lievitazione a 6 ore mettendo l’impasto a lievitare in forno con luce accesa.

La pizza ricresciuta la puoi anche preparare e regalarla.

Precedente SFORMATO DI PATATE ASPARAGI E RICOTTA Successivo RICETTE PER LA COLAZIONE PASQUALE

2 commenti su “PIZZA RICRESCIUTA ROMANA

  1. Paolo il said:

    E’ venuta perfetta! i miei parenti hanno detto che è la migliore che abbiano mai mangiato.
    L’impasto era molto denso e temevo che non lievitasse bene. invece è cresciuta quasi il triplo.
    Grazie ancora e buona Pasqua

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.