Crea sito
I pasticci di casa mia

Insalata patate fagiolini e uova di quaglia

Insalata patate fagiolini e uova di quaglia. Come promesso ieri eccomi con la ricetta che mi è frullata per la mente quando ho preparato patate e fagiolini in vasocottura. Sabato doveva essere giornata depurativa, invece ecco cosa ho mangiato io. Non sono pentita, alla fine era un piatto equilibrato e ipocalorico, bello da vedere e quindi invitante.  Stare a dieta alla fine non è difficile, basta prepararsi piatti leggeri poco calorici, ma colorati, invitanti ma sopratutto per la vista abbondanti, questo da già senso di sazietà. Ditemi se questo piatto non vi invita a mangiare? Eppure non contiene molte calorie. Io qui vi propongo la versione in vasocottura, ma voi potete lessare patate e fagiolini con la cottura tradizionale. Le uova di quaglia potete sostituirle con un uovo di gallina, io ce le avevo perchè Fabio ha realizzato un’altra ricetta delle sue, che sicuramente vi proporrò domani. Voi seguitemi sempre, ogni giorno sarà scandito da una ricetta nuova.

Insalata patate fagiolini e uova di quaglia
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni1
  • Metodo di cotturaMicroonde
  • CucinaItaliana

Ingredienti dell’insalata patate fagiolini e uova di quaglia

  • 200 gpatata (peso a crudo)
  • 80 gfagiolini (peso a crudo)
  • 3uova di quaglia (oppure un uovo di gallina)
  • 5olive nere (denocciolate)
  • 5olive verdi (denocciolate)
  • 3pomodorini
  • 3 filettialici sott’olio
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale

Strumenti

Io qui vi metterò gli stumenti da me usati, ovviamente se optate per la cottura tradizionale il vasetto non vi servirà, ma utilizzerete una pentola.
  • 1 Vasetto Weck da 500 ml
  • 1 Pentolino
  • 1 Pelapatate
  • 1 Coltello
  • 1 Cucchiaio

Preparazione

  1. Per la cottura di patate e fagiolini in vasocottura leggete qui, altrimenti potete lessarli separatamente in acqua bollente salata, tenendo i fagiolini piuttosto al dente, scolateli.

    Lessate le uova di quaglia ponendole in acqua fredda, portatele a bollore e fatele cuocere per due minuti, poi passatele subito sotto l’acqua fredda, sgusciatele.

    In una ciotola unite le patate, i fagiolini, le olive, i pomodorini, precedentemente lavati e tagliati a spicchi, i filetti di alici e le uova di quaglia che potrete tagliare a metà, oppure l’uovo di gallina tagliato a spicchi.

    Condite il tutto con olio evo e un pizzico di sale.

Eventuali riferimenti

Se la vasocottura vi incuriosisce, ho contagiato la mia vicina di casa che ne è rimasta entusiasta, date un’occhiata nella categoria vasocottura

Domani vi svelerò cosa ha realizzato Fabio con le uova di quaglia.

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

Ciao e alla prossima ricetta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »