Crea sito

Castagnaccio

Il castagnaccio è un dolce della tradizione italiana contadina, fatto con pochi e semplici ingredienti. E’ una ricetta antica, semplice, ed ha il gusto delle cose di una volta, che riporta alla mente ricordi e immagini del passato.
Non ti resta che scorrere per scoprire la ricetta!

castagnaccio
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • PorzioniPer 8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per il castagnaccio

  • 500 gFarina di castagne
  • q.b.Acqua
  • 60 gZucchero
  • 40 gPinoli
  • 50 gMix mandorle, noci e nocciole
  • 2 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 1 pizzicoSale
  • 1Scorza grattugiata di un’aracia
  • q.b.Rosmarino

Per la superficie

  • 1 cucchiaioOlio extravergine d’oliva
  • q.b.Rosmarino
  • q.b.Zucchero

Strumenti

  • Pirofila da 6 porzioni

Preparazione

Preparazione dell’impasto

  1. Per preparare il castagnaccio per prima cosa versa la farina di castagne in una ciotola capiente, aggiungi l’olio extravergine d’oliva, lo zucchero, la scorza di arancia, il rosmarino, un pizzico di sale e comincia ad impastare.

  2. Aggiungi l’acqua a filo (puoi usare anche con la planetaria, con la frusta, a velocità medio-bassa) fino ad ottenere un impasto liquido ma non molto, come una crema dura che però cola.

  3. Aggiugi poi i pinoli (lascia da parte un po’ per la superficie) e il mix di frutta secca.

Cottura e decorazione

  1. Ungi per bene una pirofila da 6 porzioni, versa al suo interno l’impasto, livellalo.

  2. Sulla superficie metti gli aghi di rosmarino, i pinoli, un filo di olio extravergine d’oliva e un po’ di zucchero.

  3. Cuoci in forno preriscaldato, funzione statica, a 160°C per 40-50 minuti. Quando la superficie risulterà ben spaccata, il tuo castagnaccio sarà pronto.

    Buon appetito!

Conservazione

  1. Il castagnaccio si conserva a temperatura ambiente per 2-3 giorni, poi tende a seccarsi.

Consigli

  1. E’ importante utilizzare la farina di castagne pura, non tagliata, e di buona qualità. Presta attenzione alla data di confezionamento, deve essere recente, in caso contrario potrebbe dare un retrogusto rancido al tuo castagnaccio.

  2. La quantità di acqua da utilizzare dipende dalla farina, per questo consiglio di aggiungere l’acqua a filo, e non tutta insieme, così da potersi regolare.

  3. Tradizionalmente il castagnaccio viene consumato assieme alla ricotta o alla panna montata.

  4. Puoi pensare anche di aggiungere sulla superficie del cioccolato fuso.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.