Pulire gli asparagi

Pulire gli asparagi

Finalmente è stagione di asparagi! Per poterli utilizzare dobbiamo imparare a pulire gli asparagi! Prima però conosciamo meglio questo ortaggio primaverile. Gli asparagi appartengono alla famiglia delle Liliacee. Ne esistono diverse varietà. Una prima distinzione va fatta tra gli asparagi coltivati e quelli selvatici (asparagina) che è possibile trovare nei boschi o in campagna. La pianta è composta da rizomi che crescono sotto terra dai quali si diramano i turioni: la parte commestibile. Una seconda distinzione è data dal loro colore. La varietà più comune è quella verde ma ci sono anche gli asparagi bianchi, quelli rosa e quelli viola. La stagione degli asparagi va da marzo a giugno. Sono ricchi di acido folico, vitamine e sali minerali ma hanno poche calorie. Quando li acquistiamo è bene controllare i germogli che devono essere freschi, sodi, senza ammaccature e ben dritti con un gambo poco legnoso. Gli asparagi sono davvero versatili in cucina: ottimi per realizzare un’infinita varietà di ricette. Allora vediamo come pulire gli asparagi!

Pulire gli asparagi Cucina vista mare

Per prima cosa bisogna liberare gli asparagi dagli elastici e lavarli sotto l’acqua corrente per rimuovere eventuali residui di terriccio. Poi vanno asciugati con carta assorbente. Con un coltello bisogna eliminare la parte finale del gambo, quella più chiara e dura.

Pulire gli asparagi Cucina vista mare

Con un pelapatate, pelare il gambo per renderlo liscio. Non occorre farlo su tutta la superficie: è sufficiente restare alla distanza di circa cinque o sei centimetri dalle punte.

Pulire gli asparagi Cucina vista mare

Gli asparagi sono pronti per essere utilizzati.

Pulire gli asparagi Cucina vista mare

Si possono lessare: vanno legati a mazzetto con lo spago da cucina e fatti bollire in una pentola alta e stretta (l’asparagera). Se non ce l’avete potete utilizzare una normale pentola che sia abbastanza larga da contenerli e in questo caso non vanno legati. Cotti interi sono un perfetto contorno. Oppure si possono semplicemente tagliare a pezzetti e rosolarli in padella con un filo d’olio e utilizzarli per pasta, risotto o frittata.

Se vi piacciono le mie ricette seguite la pagina FACEBOOK con un “mi piace” e per non perdere i miei post attivate le notifiche.

Curiosità

Originario della Mesopotamia, dove cresceva spontaneo, conosciuto in Egitto e usato per le sue proprietà terapeutiche, si diffuse nel Mediterraneo e si iniziò a utilizzarlo in cucina: presso i romani era uno dei piatti più ricercati. Il suo nome viene dal greco aspharagos cioè germoglio.

 

Precedente Pancakes Successivo Pasta asparagi e pancetta

2 commenti su “Pulire gli asparagi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.