Cucinare nella slow cooker

Cucinare nella slow cooker

Cucinare nella slow cooker: è arrivata nella mia cucina la slow cooker, una pentola elettrica che ha la caratteristica di cuocere i cibi lentamente e dolcemente. Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di cucinare nella slow cooker? Vediamo…

cucinare nella slow cooker

I modelli presenti sul mercato sono tanti: tonde, ovali, piccole e grandi, automatiche o manuali, con coperchio in vetro trasparente o in ceramica, con mescolatore o senza. Le aziende che la producono sono diverse così come variano i prezzi in base alla marca e al modello. La slow cooker si compone di una base riscaldante, una pentola in litoceramica (almeno così è scritto sul libretto di istruzioni della mia) e un coperchio in vetro. Io ho scelto la Crock-pot prodotta da un’azienda americana: la mia slow cooker è ovale, ha una capienza di 5,7 litri e cucina per sei persone, il coperchio è in vetro trasparente (trovo molto utile il coperchio in vetro perché permette di controllare ciò che avviene all’interno della pentola nonostante la visuale non sia perfetta a motivo della formazione della condensa. E’ importante questa caratteristica perché durante la cottura il coperchio non va mai sollevato per evitare la dispersione di calore). Ha due impostazioni di cottura: Low e High che non stanno ad indicare due temperature diverse ma entrambe raggiungono 96/98°. La differenza sta nel tempo in cui la temperatura viene raggiunta, più lentamente su low e più rapidamente su high. La scelta dipende sia dall’alimento che dal tempo che si ha disposizione. Se con la cottura tradizionale un alimento impiega per esempio da una a tre ore per cuocere, nella slow cooker impiegherà otto/dieci ore su funzione low e 4/6 ore su funzione high ma troverete tutti i tempi riferiti alle varie pietanze nelle relative ricette. C’è inoltre la funzione warm che mantiene in caldo i cibi per sei ore dopo il termine della cottura.

Quali sono i vantaggi?

1. Praticità d’uso: la si può posizionare in cucina, collegarla alla presa di corrente e lasciarla funzionare durante la notte o quando si è fuori. La si può programmare e trascorso il tempo previsto smette di cuocere continuando a tenere in caldo la pietanza. Grazie alla cottura lenta i cibi non attaccano e non bruciano.

2. Consuma pochissimo: più o meno quanto una lampadina.

3. Il cibo è più saporito: la base si riscalda e rilascia calore trasmettendolo ai cibi in modo lento e costante. Il coperchio trattiene i vapori e tutti gli aromi restano all’interno. E’ l’ideale per cuocere perfettamente sughi, bolliti, brasati, spezzatini, stracotti, brodo, zuppe, minestroni e legumi. Le verdure e i legumi si cuociono perfettamente ma non si sfanno. Si possono utilizzare anche tagli di carne meno pregiati perché la lunga cottura li rende morbidi, succosi e molto gustosi. Ottimi risultati si ottengono anche con polpo, seppie e zuppe di pesce.

4. La pentola in ceramica e il coperchio si lavano comodamente in lavastoviglie.

Quali sono gli svantaggi? Nulla che non si possa evitare imparando ad utilizzarla.

1. Nel caso della carne la rosolatura va eseguita prima sul fornello (a meno che non sia specificato nelle istruzioni che la pentola in ceramica può essere utilizzata sul fuoco) e poi si può trasferire tutto nella slow cooker.

2. I legumi, anche quelli che di solito non lo necessitano, vanno sempre ammollati. I cibi surgelati vanno fatti scongelare prima di essere inseriti all’interno della slow cooker. E non si può utilizzare per scaldare alimenti appena tolti dal frigorifero. Se si vogliono cucinare insieme carne e verdure o carne e patate bisogna disporre le verdure o le patate sul fondo e la carne al di sopra.

3. I sughi restano un pochino liquidi: bisogna dosare bene le quantità di liquidi che si aggiungono riducendone la quantità rispetto a quelli che si utilizzano per la cottura tradizionale perché nella slow cooker non c’è evaporazione.

Queste sono le mie prime impressioni dopo averla utilizzata qualche volta. Ora sta a voi valutare se è un acquisto che può fare al caso vostro e iniziate a sperimentare con me…

Disclaimer: tutti i prodotti mostrati e recensiti in questo blog riflettono la mia personale e trasparente opinione. Non sono stata ricompensata in alcuna maniera dalla casa produttrice. Ho liberamente acquistato questo prodotto online e potete trovarlo QUI.

In questo contenuto sono presenti uno o più link di affiliazione.

Vi aspetto sulla pagina FACEBOOK!

 

6 Risposte a “Cucinare nella slow cooker”

  1. Ciao!
    Sono molto interessata a questo tipo di pentola, e sto’ pensando di comprarne una. Ho pero’ un dubbio sulla capienza. Temo che sia troppo grande per 4 persone, sapendo che non ho l’abitudine di congelare gli avanzi, perche’ ho un congelatore piccolo, riempito generalmente di verdure. Mi puoi dare il tuo parere? Grazie!!

    1. Ciao Silvia. Noi a casa siamo in due ma ho scelto volutamente una slow cooker con maggiore capienza perché in questo modo posso cucinare utilizzando gli ingredienti sufficienti per due persone ma posso anche cucinare per otto/dieci persone dato che a casa mia capita spesso che gli amici si fermino a cena. Perciò dipende un po’ dalle esigenze della famiglia… se cerchi troverai la stessa pentola con una capienza inferiore ma la considerazione da fare è se la utilizzi solo ed esclusivamente per quattro o se ci sono occasioni in cui potresti aver bisogno di una capienza maggiore. Nella grande puoi cucinare per pochi e per tanti, nella piccola puoi cucinare solo per pochi. E ti assicuro che quando ci sono ospiti a cena la slow cooker fa molto comodo perché mentre lei cuoce una pietanza tu puoi pensare al resto. Spero di esserti stata utile e in ogni caso mi trovi qui a disposizione. A presto.

  2. ciao, l’ho acquistata da poco e ho provato due ricette, polpette al sugo e spezzatino. ho messo su low, i piatti erano buoni, ma il problema che ho riscontrato è che mettendo pochissima acqua, la carne è praticamente “scoperta” in cottura e quindi , soprattutto lo spezzatino, diventa nero , alla lunga. dove sbaglio?

    1. Salve Ale non avendo un’esperienza diretta in merito ho provato a fare qualche ricerca riguardo al problema che menzioni ma non sono riuscita a trovare nulla. Se dai un’occhiata alle mie foto puoi sicuramente notare che anche da me la carne è abbastanza scura. L’idea che mi sono fatta è che scurisce se la si lascia a lungo in funzione warm quindi mantenimento in caldo. Perciò prova a calcolare il tempo di cottura in modo da tenerla in caldo meno possibile. In ogni caso non consiglio di aggiungere acqua e per quanto ho letto anche con la cottura classica la carne dovrebbe comunque cuocere scoperta, i liquidi vanno aggiunti poco alla volta e lasciando sobbollire a fuoco basso altrimenti paradossalmente cuocendola in molta acqua si ottiene una carne asciutta invece che morbida.

  3. Buonasera, ho comprato da pochissimo questa pentola perché attratta dai commenti favorevoli e per cucinare in una maniera più sana.
    Premetto che non cucino molta carne, ma mi interessava per i legumi , verdure o sughi.
    Ho letto alcune ricette e sono rimasta molto perplessa, in tutte c’è aggiunta di acqua, anche in quelle dove di solito nella cottura tradizionale non ce ne vuole, per esempio: le polpette con la passata, o la caponata.
    Mi chiedevo se l’aggiunta di acqua fosse obbligatoria per questo tipo di cottura oppure si può omettere?
    La mia impressione è che con l’aggiunta di acqua possa uscire fuori una pietanza slavata, non legata bene.
    Un altro dubbio, nelle ricette molte volte gli alimenti si devono prima fare soffriggere, appassire o addirittura fare cuocere per un poco ( vedi legumi) fuori dalla pentola, ma così facendo si perde tanto tempo, non si azzera il vantaggio dei tempi?
    Sono molto dubbiosa se restituirla…
    Ringrazio se potreste darmi qualche chiarimento.

    1. Buonasera Lia vediamo se riesco a chiarire alcuni dei suoi dubbi. Per quanto riguarda l’aggiunta di acqua, pur essendo necessaria in alcuni casi, ne occorre davvero pochissima perché nella slow cooker non c’è evaporazione e i liquidi vengono trattenuti dal coperchio. Alcuni cibi come le verdure per esempio, la rilasciano da sé mentre cuociono piano piano. Per le zuppe un pochino di acqua in più ci vuole così come per i sughi se la polpa o la passata di pomodoro è molto densa. Io per esempio ne utilizzo una che fa fatica a venir giù dalla bottiglia ma se già di suo la passata è liquida non occorre aggiungere altra acqua. Bisogna un po’ imparare a regolarsi provando e riprovando. All’inizio non sarà facile capire il dosaggio perfetto ma poi man mano si trova il metro giusto. Nelle mie ricette sicuramente trova l’aggiunta di acqua perché per me in quei casi era necessaria ma non è detto che sia così per tutti. Il mio consiglio è sempre quello del “poco per volta” perché ad aggiungere si fa sempre in tempo a togliere a volte può essere un problema. Per i legumi è assolutamente importante una bollitura prima di inserirli nella slow cooker perché come certamente sa, la slow cooker cuoce a basse temperature per cui non riesce ad eliminare le tossine presenti nei fagioli o nei legumi in generale. Perciò in questo caso una bollitura di almeno quindici minuti (i legumi in acqua fredda e poi quindici minuti a partire dal bollore) ci vuole. La rosolatura delle carni nella slow cooker non è possibile a meno che non sia di quelle la cui pentola in ceramica può andare sul fuoco. Inserendola direttamente in slow cooker la carne sarà semplicemente lessa e non rosolata e sigillata come avviene in padella. Ma quello della rosolatura è un passaggio veloce: occorrono pochi minuti per rosolare uno spezzatino o un arrosto e poi lo si passa nella slow cooker. Quindi in realtà non c’è una grossa perdita di tempo. Io uso la slow cooker soprattutto quando ho ospiti e mentre lei cuoce un secondo posso dedicarmi al resto del menù, o durante la stagione invernale per le zuppe e i minestroni che cuociono mentre sono fuori e li trovo caldi e pronti al mio rientro ma anche per la polenta che cuoce tranquillamente senza bisogno di essere continuamente mescolata. Per me è sicuramente un aiuto ma naturalmente tutto dipende dalle proprie esigenze. Spero di essere riuscita ad aiutarla e in ogni caso per eventuali altre domande sono qua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.