Taralli al finocchio, ricetta regionale della Puglia con doppia cottura

I taralli al finocchio, sono i classici taralli pugliesi con l’aggiunta dei semi di finocchio che conferiscono un gusto particolare ai taralli.
I taralli al finocchio sono particolarmente graditi come uno spuntino di metà mattina o al pomeriggio, ma noi diciamo sempre che ogni occasione è buona per mangiarli.
I taralli con il finocchio hanno una doppia cottura, prima vengono lessati e poi passati in forno, in questo modo rimangono croccanti ed asciutti.

taralli al finocchio1
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno 6 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni40 pezzi circa
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gfarina 0
  • 125 mlolio extravergine d’oliva
  • 10 gsale fino
  • 200 mlvino bianco secco
  • 2 cucchiaisemi di finocchio

Preparazione

  1. Su una spianatoia di legno mettete la farina setacciata, aggiungete al centro l’olio extravergine d’oliva, il sale e i semi di finocchio.

    Iniziate ad amalgamare gli ingredienti e poco per volta aggiungete il vino bianco secco, lavorate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

    Formate una palla e fatela riposare per 30 minuti avvolta da pellicola trasparente.

  2. Trascorso il tempo prendete un pezzo di impasto e fate dei cordoncini larghi come il dito mignolo e lunghi circa 20 centimetri e unirli schiacciando una sopra l’altra le due estremità (classica forma dei taralli).

     

  3. Mettere a bollire dell’acqua leggermente salata in una  pentola bassa e larga , quando raggiunge il bollore mettete dentro i taralli, pochi per volta non si devono attaccare. Quando vengono a galla, con un mestolo forato prenderli e metterli a scolare su un canovaccio, fare lo stesso procedimento con gli altri taralli.

    Metterli in una teglia ricoperta di carta forno e infornarli a forno ventilato già caldo a 200° per 25/30 minuti circa, devono essere dorati.

  4. Fate raffreddare i taralli al finocchio prima di consumarli.

    Potete conservare per parecchi giorni i taralli (cosa assai difficile data la loro bontà) dentro ad un contenitore a chiusura ermetica.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Taralli al finocchio, ricetta regionale della Puglia con doppia cottura”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.