Taste of Roma 2014

immagini-19-settembre-045Grandissimo successo per Taste of Roma 2014: oltre 20.000 persone hanno invaso i giardini pensili dell’Auditorium Parco della Musica, rendendo la manifestazione punto di riferimento dell’enogastronomia di qualità, dei vini più eleganti e della cucina “sostenibile”.

L’evento è risultato uno dei più spettacolari della capitale in ambito food, sia per la qualità della cornice che per la varietà e il valore dei contenuti proposti, vero momento di attrazione anche per turisti italiani e stranieri. Ho avuto il piacere di partecipare come stampa quindi ho potuto accedere prima del pubblico e godermi con tranquillità la mia passeggiata tra gli stands.

Per chi ama il cibo, il vino e tutto quanto ruota intorno, è stato un vero festival. Ben 4 giorni per assistere a cooking show, frequentare mini corsi di cucina, assaporare piatti di chef stellati, assaggiare vini pregiati ed unici, imparare nuove tecniche, usare attrezzature e materiali innovativi, imparare cos’è un menù sostenibile, vedere all’opera migliori pasticceri, panettieri, pizzaioli che hanno svelato i segreti per un impasto a regola d’arte e ricette perfette.Tante aziende hanno presentato i loro prodotti di altissima qualità e ho potuto avere l’ennesima conferma che abbiamo un territorio meraviglioso, tanti imprenditori e artigiani che andrebbero sostenuti nel loro lavoro.

Sono stata molto felice di poter partecipare al cooking show/laboratorio dello chef Angelo Troiani del ristorante “Il Convivio” e direttore di Coquis, l’Ateneo Italiano della cucina. Con lui abbiamo impastato il suo leggendario spagolino, un po’ spaghetto e un po’ tagliolino, una grande idea per rinnovare la classica pasta all’uovo del quale viene usato solo l’albume. Fantastico il suo “Spagolino con porcini trifolati, more e parmigiano di uovo di quaglia al pino silvestre” (vedi ricetta allegata)

E’ stato emozionante ritrovare Francesco Apreda del quale già avevo avuto modo di apprezzare la cucina all’Imago dell’Hassler. Ho chiesto gli autografi come un’adolescente! Devo ammetterlo! E poi i miei amati personaggi televisivi come Chef Rubio (Unti e bisunti) e Chef Hirohiko Shoda (Ciao, sono Hiro).

Che dire poi della gioia di incontrare dei personaggi mitici come Heinz Beck che serviva lui stesso i piatti con molta soddisfazione nel vedere i nostri visi compiaciuti, gioviale e disponibile alle nostre domande, paziente quando gli abbiamo chiesto di fare delle foto. Un grande! Il menù presentato da La pergola dell’Hilton era spettacolare tanto che ho preso due volte la “Ricciola marinata allo yuzu e lemongrass su guacamole”.

Dopo aver mangiato il “Paninetto ai broccoletti con scaloppa di Fois, cipolle di tropea caramellate, maionese di fichi e zenzero, tartufo estivo” del ristorante Giuda Ballerino…ho chiesto l’autografo anche allo chef Andrea Fusco!

Con ogni piatto l’enoteca Trimani ha suggerito un calice di vino in abbinamento e ho potuto apprezzare delle vere rarità. Quello che mi è rimasto più in mente è stato uno champagne che mi ha offerto la mia tutor sommelier Federica Christine Marzoli, un Jean Plener Fils, gran cru, un rosè di Pinot Nero. Veramente strepitoso!

Non mancherò certo il prossimo appuntamento!

__________

Spagolino de ‘Il convivio’ con porcini trifolati, more e parmigiano di uovo di quaglia al pino silvestre

 Pasta per spagolino ( 1 kg di pasta)

Gr 600 farina 00 biologica Molino Marino

Gr 400 farina di semola biologica Bongiovanni

80 gr olio extravergine di oliva

20 gr acqua

Mettere gli ingredienti nella planetaria e lasciar riposare l’impasto in frigo per 2 ore, coperto con la pellicola.  Fare una sfoglia di 2 mm e tagliare gli spagolini.

 Ingredienti per il condimento ( per 4 pax)

Pasta gr 400

Porcini gr 160

More gr 20

Uovo di quaglia 4 tuorli sodi da grattugiare

Essenza di pino silvestre (1 goccia)

 Procedimento

tagliare finemente i porcini e saltarli in una padella con aglio e olio, aggiustare di sale e pepe.

Cuocere la pasta in abbondante acqua saltata e scolare al dente, completare la cottura insieme ai porcini aggiungendo l’essenza di pino silvestre.

Frullare le more con un minipimer, passare al setaccio e tenere da parte la salsa.

 Impiattamento

Con un pennello da cucina mettere la salsa di more sul piatto, sistemare la pasta al centro e completare grattugiando il tuorlo.

 In alternativa, guarnire la pasta con i porcini crudi tagliati a julienne.

rose

Impastando lo Spagolino
Impastando lo Spagolino
Francesco Apreda
Francesco Apreda
Merluzzo carbonaro strinato al sakè calamaretti al curry in campo viola
Merluzzo carbonaro strinato al sakè calamaretti al curry in campo viola
Heinz Beck
Heinz Beck
Gnocchetti di zita al grana padano con patate affumicate su sifonata di piselli e calamari marinati al lime
Gnocchetti di zita al grana padano con patate affumicate su sifonata di piselli e calamari marinati al lime

10616378_10203701672956692_8792845234378775724_n 10435871_10203701670956642_2040571461582913925_n 10358709_10203701659956367_7077942418676212787_n

 10013496_10152655317460275_7951098365694828268_n

 

"ARAI" di branzino e pompelmo rosso, vinaigrette di succo di pompelmo e lavanda
“ARAI” di branzino e pompelmo rosso, vinaigrette di succo di pompelmo e lavanda
1614582_10204664436761495_980740834124977437_o
Hirohiko Shoda

 

P1050443

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Torta di compleanno Successivo Orvieto e l'Orvieto - 5 novembre 2014