Crea sito

Siciliainbocca a cena con la cantina Miceli

10933785_10204588803574403_6696899343691737545_nLa Sicilia è una terra che amo particolarmente ma non posso andarci quanto vorrei. Per fortuna a Roma c’è un posto che lenisce un pochino la mia nostalgia, è il ristorante Siciliainbocca in Prati. Appena si varca la soglia si fa un tuffo in Trinacria. Colori caldi, antiche ceramiche sicule, profumi mediterranei ti avvolgono e ti portano a sud. Ci sono tre donne fantastiche dietro la gestione di questo locale: la signora Paola e le figlie Azzurra e Vanessa. La convivialità e l’accoglienza sono sicuramente un loro punto di forza. La scelta delle materie prime è accurata, il pesce sempre freschissimo, tutto ciò che si mangia è siciliano doc. Meravigliosamente siciliano.

Quando ho letto l’evento del 28 gennaio 2015 di questa cena su FB, ho pensato subito che fosse da non perdere. Un menù sfizioso accompagnato dai sontuosi vini della cantina Miceli, fondata da Ignazio Miceli, è una tra le aziende più rappresentative nella produzione di vini siciliani. La sua produzione si sviluppa su 40 ettari di vigneti di proprietà, una cantina a Sciacca ed un’altra cantina dotata di foresteria nell’isola minore di Pantelleria. Nella cantina di Sciacca vengono prodotti i vini IGT Sicilia e DOC prodotti sia con uve autoctone siciliane quali Nero d’Avola, Grillo, Inzolia, Grecanico, ma anche vini con vitigni alloctoni quali Syrah, Cabernet, Viognier e Merlot. Nella prestigiosa cantina di Pantelleria, invece, vengono prodotti soltanto vini a base di Moscato o Zibibbo come viene chiamato in dialetto siciliano, con il quale viene realizzato uno dei più particolari vini da pesce ed alcuni moscati e passiti naturali e liquorosi.

Ecco il menù ideato dallo  Chef Vito Marino sapientemente consigliato da Giovanni Tartaglia, proprietario dell’Azienda Vinicola MICELI, eccellenza dell’isola del sole:

Aperitivo di benvenuto:
– Polpettine di melanzane condite alla siciliana, servite fritte calde
vino in abbinamento: VERVER – Grillo Chardonnay Petillant 2013

Antipasti:
– Salmone fresco, marinato ventiquattro ore sotto il sale di Sicilia, servito con mostarda alle tre senapi
– Involtino ghiotto di Tonno Rosso affumicato, ripieno di pistacchio di Bronte, accompagnato da ananas zuccherina
– Insalata di polpo alla eoliana con pomodoro secco, patate, Cappero di Salina e origano di montagna
– Crespella di baccalà fritte con passolina
vino in abbinamento: YRNM – Zibibbo Secco 2013

Produzione esclusiva della cantina Miceli, lo YRNM, l’antico nome che indicava appunto l’isola di Pantelleria, è uno tra i vini più premiati e apprezzati della produzione pantesca dell’Azienda Miceli. L’eccellenza del suo gusto dolce e suadente, fa si che questa qualità di zibibbo venga ricordato come uno tra i migliori mai prodotti. E’ uno splendido vino dall’aroma suadente, vivo, fragrante, che sviluppa una naturale ed immediata piacevolezza, morbido ed avvolgente, intenso …La mia amica Roberta Campanelli ne va pazza! E’ il suo vino preferito in assoluto!

Primo piatto:
– Risotto con fiori di zucca, zafferano e crostacei profumato al prezzemolo
vino in abbinamento: SHAHR ADONAY – Chardonnay 2012

Vino importate di grande struttura di segmento superiore, di 13 gradi, fruttato e profumato con note di acidità elegante. Caldo e strutturato, morbido e fresco.

Secondo piatto:
– Succulenti involtini di pesce spada “a’ghiotta” con pisellini primavera, cucinati secondo l’antica ricetta della Nonna Maria Certo
vino in abbinamento: PRIMOQUARTO – Nero d’Avola/Syrah 2011
Ho apprezzato molto questo abbinamento moderno di un rosso servito fresco con il pesce spada. Tra l’altro gli involtini di Nonna Maria erano veramente stratosferici! Primo Quarto si ottiene dall’unione di due grandi vitigni quali il Nero d’Avola e il Sangiovese, vino rosso rubino, dal profumo intenso di frutta matura e sapore fruttato, leggermente tannico.

Desserts:
– 7 veli al cioccolato
– Mini cannoli al pistacchio (strepitosi!)
vino in abbinamento: YANIR – Passito 2012

YANIR, misteriosa divinità punica, racchiude il fascino e le contraddizioni della terra da cui nasce: Pantelleria. Così come il suo mare, ricco, profondo, ammaliante, piacevole e complesso allo stesso tempo. E’ un ottimo vino da meditazione.

Il signor Giovanni Tartaglia molto generosamente, ci ha deliziato con una chicca fuori programma: Entelechia, puro nettare della natura, non descrivibile. E’ un’emozione pura, avvolgente ed inattesa, che cattura i sensi e stimola la mente. Il termine entelechia (entelechìa, dal greco ἐντελέχεια) è stato coniato da Aristotele È composto dai vocaboli en + telos, che in greco significano “dentro” e “scopo”, a significare una sorta di “finalità interiore”.. Noi crediamo che questo vino esprima, appunto, tutta la potenza dell’uva Zibibbo di Pantelleria. Le uve subiscono una maturazione inoltrata sulla pianta. In seguito, le sole uve sane sono raccolte a mano e sistemate in cassetta. Lunga macerazione delle uve del mosto, pigiatura e fermentazione molto lenta. Invecchiato 10 anni, sapore intenso e armonico, sfumature di albicocca, sentori di limone. Grandissima ricchezza e concentrazione, sapore pieno e vellutato, con sentori di miele di acacia.

Ogni volta che torno in questo locale ho un’esperienza memorabile e ne beneficia il corpo ma soprattutto la mia anima.  Al prossimo viaggio!

10390435_10153036388719347_8307912730911309409_n 10384839_10204588812094616_2683268221930830872_n 1526445_10204588812774633_5990474470347756719_n 10408670_10204588821134842_9166947806809129758_n

10533323_10153036387979347_290612118013510841_n 10425887_10204588804694431_2437052749572558152_n 10422402_10153036388544347_8261360103127599519_n 10418518_10204588805974463_1097781517738642391_n 10417772_10204588803934412_6075200229190592641_n 10945520_10204588807814509_4477500816549906884_n 10943842_10153036390219347_2213186591768205884_n 10942427_10204588810774583_7939430245461546976_n 10933867_10204588804334422_7925478444373733547_n 10933770_10204588810494576_7477289965689488922_n 10929987_10204588808174518_5653186441297665724_n 10685512_10204588811174593_8246232697771959585_n 10671307_10204588807014489_4516515294562877885_n 10563008_10204588807254495_5261680169433039777_n 10411149_10204588810014564_8059581587271289676_n 10410741_10153036388339347_4405100651034332219_n 10406358_10153036388439347_1715276344963651901_n 10409624_10204588809534552_4483307914550482383_n 10410565_10204588821534852_6414958564371023622_n

La toilette delle Fimmini
La toilette delle Fimmini
1485077_10204588819374798_8311705141802510995_n
La toilette dei masculi

15924_10204588820454825_4702210355628640614_n 1888478_10204588814214669_6782624001346286327_n 1779842_10204588820214819_2262617094528885961_n 1907549_10204588812414624_7848440273042932109_n 1978843_10153036389539347_2849159393112311368_n 10341659_10153036389494347_7869988806187828869_n 10320519_10204588808454525_8037355422811182756_n

 

10953967_10204588808814534_1071145202070542277_n 10931528_10204588809094541_2505548147238005611_n 10246594_10153036389024347_4887246669189804640_n 1450949_10153036388464347_4383253591834318659_n 20707_10204588811574603_5701608042109686263_n 15688_10153036436504347_5802015360495917593_n

Print Friendly, PDF & Email