Crea sito

Fagioli con le cotiche

In questo brutto periodo di quarantena, ho riscoperto la cucina semplice, quella che si può fare con quello che si trova in dispensa. Allora ho messo a bagno i fagioli secchi, il pomodoro c’è sempre ed in freezer avevo delle cotiche di maiale comprate da Valle Santa (che consegna a casa).
Devo dire che a me non piacciono molto i cannellini e preferisco altri tipi di fagioli, nella mia credenza avevo il Fagiolo Rosso di Lucca, ottimo e presidio Slow Food.

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gFagioli
  • 150 gCotiche di maiale
  • 300 gPassata di pomodoro
  • 1Cipolla
  • 2Spicchi d’aglio
  • Salvia
  • Alloro
  • Pepe

Strumenti

  • 1 Tegame
  • 1 Pentola

Preparazione

  1. Mettere a bagno i fagioli per almeno 12 ore e poi lessarli in acqua fredda con uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino. Il tempo di cottura varia a seconda del fagiolo e da quanto è stato tenuto in acqua.

    Lessare le cotiche per 30 minuti e tagliarle a quadratini di circa 2 cm per lato.

  2. In un tegame soffriggere dolcemente la cipolla tritata e l’aglio. Aggiungere le cotiche e lasciare che cedano un po’ di grasso. Versare il pomodoro, la salvia e l’alloro e cuocere per qualche minuto. Scolare i fagioli e unirli agli altri ingredienti. Proseguire la cottura ancora per qualche minuto per amalgamare i sapori. Aggiustare di sale, pepare e servire ben caldo.

  3. In accompagnamento a questo piatto, ho preparato il Pane Nociato seguendo la ricetta di Giusy Rotelli, sempre con i pochi ingredienti a disposizione: farina, un uovo, pecorino e noci. Ottimo e molto soddisfacente!

Note aggiuntive

Che vino ci abbiniamo? Sicuramente un rosso corposo e strutturato che accompagni la pastosità dei fagioli e sorregga il grasso delle cotiche. Ce ne sono tanti che mi piacciono ma in questo tempo di clausura mi sono stappata un Frasi di Capitoni, un Orcia Doc , Sangiovese per la maggior parte, un po’ di Canaiolo e pochissimo Colorino.

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.