Crea sito

Carciofi a barchetta

I carciofi a barchetta sono una ricetta semplice e sfiziosa ideale in questo periodo primaverile siccome abbiamo usato i carciofi bianchi di Pertosa, la cui raccolta si effettua da metà Aprile a tutto Maggio inoltrato. Questi carciofi sono stati a rischio estinzione e negli anni ’80, per evitare questo rischio, un gruppo di agricoltori della zona di Pertosa ha iniziato a coltivare questi carciofi su un terreno di circa un ettaro. Ad oggi questi carciofi vengono coltivati solo lì e nei paesi limitrofi, ma noi siamo riuscite a trovarli al mercatino locale della frutta.
Il carciofo bianco di Pertosa è particolare, oltre per il suo colore molto chiaro, verde tenue, per la sua grandezza poiché è una specie priva di spine ed è molto grande. Si caratterizza anche per la sua dolcezza e la straordinaria delicatezza delle brattee interne, e quindi abbiamo pensato di realizzare questa ricetta tagliandoli a metà e dandogli una forma a barchetta, anche se non sono stati scavati internamente.

carciofi a barchetta
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo15 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni10 pezzi
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 5carciofi bianchi di Pertosa
  • 200 gpatate
  • 40 gpecorino
  • 1uovo
  • 80 golio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • un quartocipolla
  • 1 spicchioaglio
  • 1 ciuffoprezzemolo
  • q.b.pane grattugiato

Preparazione

  1. carciofi di Pertosa

    Ecco i carciofi bianchi di Pertosa.

  2. Prima di procedere alla pulizia dei carciofi, mettere a cuocere la patate, dopo averle accuratamente lavate per eliminare residui di terriccio, in una pentola con abbondante acqua salata. Far cuocere per circa mezz’ oretta, il tempo di cottura varia a seconda delle patate, quindi per controllare la cottura si possono infilzare con una forchetta, se entra facilmente sono cotte. Farle raffreddare un pò prima di sbucciarle e poi schiacciarle.

  3. carciofi di Pertosa

    Ora si passa alla preparazione dei carciofi, per prima cosa togliere le foglie esterne che sono le più dure e tagliare con un coltello le punte del carciofo, poi pulire la parte laterale dei gambi, tagliarli e tenerli da parte.

  4. carciofi di Pertosa

    Tagliare a metà i carciofi e immergerli, insieme ai gambi, in una ciotola con l’ acqua per lavarli bene; farli scolare e

  5. versare in una padella l’olio extra vergine di oliva, aggiungere la cipolla tagliata a fette sottili, l’ aglio, il prezzemolo e i carciofi con i gambi. Far rosolare rigirandoli per circa 5 minuti poi aggiungere un bicchiere d’ acqua e il sale e farli cuocere circa venti minuti.

  6. Intanto per preparare il ripieno, in una ciotola mettere le patate schiacciate e aggiungere l’ uovo, il formaggio e il prezzemolo sminuzzato.

  7. Aggiungere anche i gambi dei carciofi schiacciati e amalgamare il tutto per rendere il composto omogeneo.

  8. carciofi a barchetta

    Trasferire i carciofi, insieme al loro olio, in una pirofila

  9. carciofi a barchetta

    e spalmare il composto di patate sopra.

  10. carciofi a barchetta

    Spolverarli di pane grattugiato e irrorarli con un filo di olio extravergine di oliva; aggiungere sul fondo della pirofila mezzo bicchiere di acqua.

    Coprirli con carta di alluminio e infornare a 200° forno statico per 15 minuti, poi togliere la carta di alluminio e far continuare la cottura altri 15 minuti

  11. carciofi a barchetta

    o fino a doratura.

  12. carciofi a barchetta

    Servire caldi…anche se sono buoni anche a temperatura ambiente!

    Infatti sono ottimi come finger food oppure si possono preparare il giorno prima e cuocerli all’ occorrenza.

    Potete seguirci anche su Instagram cliccando qui, e su Facebook cliccando qui.

/ 5
Grazie per aver votato!