Frolla napoletana

frolla napoletana

Frolla napoletana.

Come recita l’insegna e l’incarto di una delle più antiche e famosi pasticcerie napoletane in vicolo della ferrovia dove si sfornano sfogliatelle ricce e frolle calde in ogni momento ” Napule tre cose tene belle: ò mare, ò Vesuvio e  è sfugliatelle ”  ed è vero a Napoli le sfogliatelle sono un’arte, le trovate ovunque ed il loro odore avvolge tutte le strade e vicoli .

La storia racconta che nel 600 in un convento di clausura a Santa Rosa tra Amalfi e Furore una suora addetta alla cucina per puro caso con della semola avanzata cotta nel latte, a cui aggiunse zucchero, frutta secca e liquore al limone, ricoperta poi con una pasta fatta con farina, strutto, zucchero e vino inventò la prima sfogliatella chiamata Santarosa, 200 anni dopo un certo oste Pasquale Pintauro di Napoli entrò in possesso della ricetta,trasformò l’osteria in laboratorio di pasticceria, eliminò la crema e l’amarena, cambiò un pò la forma e le trasformò nelle sfogliatelle che tutti oggi conosciamo… la riccia e la frolla…

Oggi vi mostro come fare un’ottima frolla napoletana a casa, buona come quella della pasticceria 😀

La frolla napoletana è buonissima..un impasto morbido e friabile racchiude un delizioso ripieno di semola e ricotta, il suo aroma e sapore è inconfondibile e l’ha fatta conoscere in tutto il mondo… 

Dai tutti a pasticciare… Oggi prepariamo la frolla napoletana 😀

frolla napoletana
frolla napoletana
frolla napoletana

Ingredienti pasta frolla:

500 gr farina

250 gr zucchero

220 gr strutto

1 vanillina

buccia grattugiata di un limone non trattato

1 pizzico di sale

1 uovo e 2 tuorli

Ripieno:

375 ml acqua

110 gr semolino

220 g ricotta

190 g zucchero

1 uovo medio

cannella

150 gr canditi misti a dadini

1 vanillina

1 fialetta fior d’arancio

un pizzico di sale

Finitura:

1 tuorlo sbattuto con qualche cucchiaio d’acqua

zucchero a velo

Procedimento:

Iniziamo a preparare la base per il ripieno: Mettere sul fuoco l’acqua con un pizzico di sale, appena raggiunge il bollore unire il semolino a pioggia poco alla volta girando continuamente ed evitando di formare grumi, appena è incorporato, abbassare la fiamma e continuando a girare continuamente cuocere 5 minuti.

Trasferire il composto in una ciotola, unire lo zucchero, mescolare e lasciare asciugare 2 ore.

Nel frattempo prepariamo la frolla: Impastare velocemente tutti gli ingredienti, finchè non diventa un composto omogeneo, mettere nella pellicola per alimenti e conservare in frigo

Passato il tempo trasferire il semolino cotto in un frullatore, unire la ricotta, l’uovo e gli aromi, frullare il tutto per qualche minuto.

Trasferire il composto in una ciotola e unire con l’aiuto di un cucchiaio o una spatola i canditi.

Prendere la pasta frolla, lavorarla leggermente.

Stendere un pezzo di frolla su una spianatoia infarinata in una sfoglia rettangolare alta meno di mezzo centimetro, mettere un cucchiaio e mezzo di ripieno al centro del rettangolo formando dei mucchietti distanziati tra di loro,chiudere piegando in due il rettangolo e pressando con le mani attorno al ripieno con un coppapasta o una tazza da thè ritagliare le folle, devono essere tipo una  forma di cavallo, mettete i ritagli di pasta da parte e disporre le frolle ottenute su una teglia ricoperta di carta da forno, leggermente distanziate tra di loro.

Stendere l’altro impasto e continuare allo steso modo finchè non finiscono gli ingredienti inclusi i ritagli che impasterete tra di loro.

Spennellare le frolle con tuorlo d’uovo sbattuto con qualche cucchiaio d’acqua.

Infornare in forno caldo a 200° per circa 18 -25 minuti (dipende dal forno, devono dorare). 

Far intiepidire e spolverizzare di zucchero a velo

La frolla napoletana è pronta per essere gustata, buon appetito..

P.s. La frolla è buona da gustare sia tiepida che fredda 😉

Per essere sempre aggiornati sulle mie ricette diventa fan della mia pagina Facebook clicca mi piace QUA

2 Risposte a “Frolla napoletana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.