LA RICETTA (RI)TROVATA ” letteraria”

LA  RICETTA  (RI)TROVATA  ” letteraria “

Torta Gressoney ai frutti di bosco è il nome che ho dato al dolce con cui ho partecipato al Contest di Pasticceria , grazie all’invito fattomi dalla cara amica Maria Antonietta Grassi per la categoria Foodblogger
edizione 1/2016 del Premio Nazionale di Cucina letteraria ” LA RICETTA (RI)TROVATA “letteraria” bandito dal Comune di Gressoney Saint Jean e Città del Gusto Torino di Gambero Rosso partendo da un estratto del libro di Natalia Ginburg ,Lessico familiare, edizioni Einaudi Torino. dove narra momenti  della sua vita  , trascorsi in vacanza a Gressoney , frazione di Perletoa.
a pag 117 ” Quando veniva il tempo della villeggiatura, mio padre prendeva in affitto una casa, sempre la stessa; oramai, da anni, non voleva più cambiar posto. Era una grande casa di pietre grigie, che guadava su un prato: ed era a Gressoney , nella frazione di Perletoa. e a pag. 41 ” Gli unici dolci che si mangiavano, però sempre a tavola, erano certe frittelle chiamate ” Gli Smarren” che aveva insegnato non so che cuoca tedesca ; sembra fossero economiche e se ne mangiava così spesso, che non le potevamo più soffrire”…
Poi c’era un dolce che sapeva fare la Natalina,e che si chiamava ” il dolce di Gressoney “; forse perché la Natalina aveva imparato a farlo quand’eravamo in montagna , a Gressoney”

Il suo racconto è autobiografico e si svolge nel periodo tra la 1° e 2° guerra mondiale .. periodo difficile , duro ; immagino le donne di allora, in cucina a preparare piatti poveri e semplici.
Non essendo una gran pasticcera , ho preparato una torta semplice , semplice, la classica torta di “Nonna Papera”  e pensando al periodo descritto credo di essermi avvicinata alla ” ricetta ( ri)trovata” . E’ una torta da colazione, da pucciare nel latte o gustare a merenda al naturale o  con una salsa di frutti  ..morbida e leggermente umida. Ho utilizzato mascarpone, frutti di bosco e frutta secca : avevo preparato le nocciole… ..poi ci ho ripensato: Natalia era nata Palermo così ho preferito utilizzare le mandorle ( forse Natalina potrebbe aver personalizzato la” ricetta (ri)trovata” aggiungendo un prodotto del luogo dove vivevano durante l’anno ) e abbinandola  ai frutti di bosco penso di aver fatto la scelta giusta: la mandorla ha un sapore delicato., lascia intatta la bontà di quei preziosi frutti  : se volete cimentarvi nella sua preparazione

Cliccando QUI.. trovate la ricetta con tutti i passaggi fotografici

 Torta Gressoney ai frutti di bosco .

Il giorno tanto atteso è arrivato :
Partecipano alcuni ragazzi delle scuole alberghiere e 5 per la categoria Blogger: Fernanda Demuru, Monica Benedetto , Paola Uberti  , Patrizia Romani ,Rita Mighela noi
Giunte a destinazione ha inizio la nostra avventura . Ad attenderci Il Sindaco di Gressoney Luigi Chiavenuto , Alessandra Monda, lo Chef Davide Damiano di Gambero Rosso,lAssessore Paola Thedy, i titolari della Residenza del Sole -Olsen Ristorante Gressoney cucina inizioLA RICETTA RITROVATA IN CUCINA 1Dopo le presentazioni ed un caloroso benvenuto, la gara ha inizio ma tra  noi blogger non c’è competizione, né invidia.. ne’ voglia di prevalere una sull’altra , ma collaborazione e sostegno a vicenda . . Alle 19,30 la gara termina .L’emozione è tanta , sembra di essere tornati al tempo della scuola : le torte e dolci preparati si portano davanti alla giuria e il giorno dopo si conoscerà il vincitore.LA RICETTA (RI)TROVATA

A cena siamo ospiti della Sig.a Silvia Titolare dell’Hotel Gran Baita Ristorante, molto cortese e simpatica . il locale è accogliente ..il ristorante elegante e intimo.. I piatti preparati dallo chef Jacopo sono sublimi .   Tra una portata e l’altra ci raccontiamo aneddoti e quant’altro, di quanto siamo innamorate della ” nostra professione di Blogger” e ci rendiamo conto che .. “non siamo tanto  normali ”   tanto da ridere a crepapelle  per tutta la sera .HOTEL BAITA

E’ giunta l’ora di andare a dormire,domani ci aspetta un’altra  giornata emozionante .  Ci avviamo verso B&B DresalWoald in località Dresal  400 m a Nord dal centro del Paese .. I titolari sono gentilissimi e premurosi , La stanza da letto  è accogliente, rassicurante , trasmette un senso di pace . . il tempo di rilassarmi un attimo che è già mattina .MATTINA ALL'ALBERGO

Scendo le scale ed il profumo di brioche calda è irresistibile. La colazione è a buffet, e l’allegria della sera trascorsa , si sente ancora nell’aria. Ci avviamo verso il Comune di Gressoney .comune gressoney--1

Visitiamo le stanze, fino a raggiungere la stanza fatidica …Si percepisce l’emozione a mano a mano che si viene chiamati per ritirare l’attestato di partecipazione .Siamo tutte felici per aver partecipato a questo bellissimo eventoCOMUNE GRESSONEY SABATO

Il Premio Nazionale di Cucina letteraria per l’anno 1/ 2016 lo vince Paola Uberti autrice della torta : “Torta caccia al tesoro”   e tutte intorno alla nostra Paola facciamo la foto ricordo .la ricetta ritrovata gressoneysiamo diplomate
La gara è finita , per fortuna però possiamo godere ancora di qualche ora per stare insieme e visitare il paese ..L’indomani si torna  a casa
E’ stato un onore e gioia partecipare a questo prestigioso contest e la fortuna di averlo vissuto in compagnia di persone speciali , grandi professioniste : le mie amiche Monica, Paola, Patrizia , Rita .

Un consiglio?… se ancora non avete visitato Gressoney Saint Jean, : posti meravigliosi , cucina sublime , ospitalità eccellente , vi aspettano .. vi rimarrà nel cuore !

 

 

 

2 commenti su “LA RICETTA (RI)TROVATA ” letteraria”

Lascia un commento

*