Malloreddus risottati con salsiccia e pecorino

Malloreddus risottati con salsiccia e pecorino, aromatizzati allo zafferano, pochi semplici ingredienti dal profumo di Sardegna, un piatto che ricorda le tradizioni sarde ma preparato in modo più innovativo.
Anche se… nella cucina sarda c’è qualcosa che ricorda questo metodo, i malloreddus con brodo di pecora che si usa preparare nell’oristanese hanno lo stesso tipo di cottura, mentre i classici al ragù o con salsiccia sono solitamente preparati come la pasta tradizionale.
Preparare questo piatto è molto semplice, i tempi sono giusto quelli di cottura della pasta e qualche istante per rosolare la salsiccia.
Un primo piatto perfetto in qualunque occasione, un semplice pranzo in famiglia in settimana o il pranzo della domenica, facile e gustoso, provatelo anche voi.
Malloreddus risottati con salsiccia e pecorino

 

Malloreddus risottati con salsiccia e pecorino

Ingredienti

Per due persone

200 grammi di malloreddus
100 grammi di salsiccia fresca sarda
350/400 millilitri di acqua circa
olio extravergine d’oliva
mezza bustina di zafferano

Per realizzare questo piatto potete utilizzare acqua e ggiungere il sale, oppure brodo o dado vegetale se preparato in casa.

Procedimento per i malloreddus risottati

Sbriciolate la salsiccia e versatela in una pentola con un filo d’olio, fatela rosolare fino a risultare leggermente dorata.

Aggiungete la pasta e versate una parte dell’acqua e lo zafferano, mescolate bene e fate cuocere a fiamma moderata tenendola sempre controllata.

Aggiungete man mano l’acqua necessaria, la pasta deve cuocere come un risotto quindi con pochi liquidi alla volta, salate ma senza eccedere o utilizzate del dado vegetale (se lo preparate in casa) o del brodo.

La pasta deve risultare cremosa e al dente, una volta terminata la cottura, spegnete la fiamma e ultimate il tutto con abbondante pecorino.

Servite la vostra pasta calda e ben mantecata.

Mi trovate anche su Facebook

 

 
Precedente Burger buns al carbone vegetale Successivo Cotolette alla palermitana

Lascia un commento