Cotolette alla palermitana

Cotolette alla palermitana, un secondo piatto gustoso di tradizione sicula, perchè io come sempre devo andare a scovare le ricette di tutta Italia e devo dire che mi sto appassionando in modo particolare anche a questa cucina, che fra l’altro trovo molto simile a quella della mia regione.
Nelle cotolette alla palermitana si utilizza l’olio e non l’uovo e l’impanatura viene insaporita con formaggio e aromi, come ad esempio aglio e prezzemolo, che poi possono variare da famiglia a famiglia.
Per preparare questa ricetta ho utilizzato delle cotolette di vitellone sottili e molto tenere e il risultato è stato un gran  successo.
Vorrei soffermarmi a questo proposito per dirvi due parole su questa carne, ho utilizzato carne Bovì, per chi non ne avesse ancora sentito parlare, Bovì offre un servizio che permette di acquistare carne a filiera corta direttamente da allevatori della propria zona, si può ordinare online e arriva direttamente a casa.
Oltre all’ottimo servizio, si differenzia perchè seleziona solo aziende a conduzione familiare, in questo modo si ha sempre più qualità.

Cotolette alla palermitana

Cotolette alla palermitana

Ingredienti

4 cotolette di vitellone bovì
50 grammi di pane grattugiato
15 grammi di pecorino grattugiato
aglio granulare
prezzemolo disidratato
olio extravergine d’oliva

Preferisco utilizzare aglio e prezzemolo disidratati in questo tipo di preparazioni perchè aderiscono meglio e insaporiscono comunque.

Procedimento per le cotolette alla palermitana 

Prendete un piatto capiente, versate il pane grattugiato, il formaggio grattugiato, un po’ di aglio e prezzemolo disidratati e mescolateli fra loro.

Spennellate le cotolette con un filo d’olio d’oliva, poi passatele nel mix di pane, formaggio e aromi, premete bene in modo da far aderire l’impanatura.

Prendete una padella antiaderente, versate il quantitativo di olio per ricoprire il fondo, scaldate leggermente, poi mettete a cuocere le cotolette, salatele leggermente e fatele dorare da entrambe le parti.

Una volta dorate scolatele bene e adagiatele su carta assorbente in modo da perdere l’eventuale olio in eccesso.

Servitele calde con contorno di verdure fresche.

Mi trovate anche su Faebook

Precedente Malloreddus risottati con salsiccia e pecorino Successivo Uova con mousse di mortadella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.