Cuculi calabresi : Dolce tipico di Pasqua

I cuculi calabresi sono dolci tipici di Pasqua vengono chiamate anche “cuzzupe“, “cuddure” o “cuddhuraci” a secondo dei paesi di origine.

Qualsiasi sia il nome, accomuna un unico dolce tradizionale calabrese, di forma circolare o intrecciata e tutti sono caratterizzati dall’uovo adagiato nell’impasto prima di infornarlo, simbolo bene augurale. Io a dire il vero, evito di metterlo perchè non mangiandolo nessuno, andrebbe poi sprecato.

I cuculi clabresi vengono realizzati con diverse ricette, dal biscotto tradizionale alla soffice brioche.

Io li ho sempre fatti a biscotto, mettendo lo strutto per renderlo più mobido dentro e friabile all’esterno, ma si può usare il burro tranquillamente, per chi non ama lo strutto.

Per i miei cuculi calabresi ho utilizzato i seguenti ingredienti:

  • 1 kg di farina “00”
  • 350 gr di zucchero
  • 5 uova
  • 1 tuorlo
  • 200 gr di strutto o burro
  • 1 bicchiere di liquore anice
  • 1 bicchiere di latte
  • scorza di limone
  • 1 e 1/2 di bustina di lievito per dolci

Procedimento:

Su una spianatoia ho versato la farina setacciata e miscelata col lievito per dolci, formando uno spazio al centro dove ho versato le uova e lo zucchero lavorandole con una forchetta.

Ho aggiunto poi, lo strutto leggermente ammorbidito nel microonde e continuando a lavorare con le mani, ho proseguito aggiungendo latte e liquore anice impastando con la farina.

Ho lavorato l’impasto per un pò di minuti, ottendendo un impasto morbido e liscio.

mde

L’impasto l’ho diviso con una spatola in tante porzioni per poter iniziare a dare la forma desiderata.

Dopo aver dato la forma desiderata, li ho riposti sulla leccarda ricoperta con carta da forno, ed ho spennellato sopra un tuorlo decorandoli con dei mini smarties che mi trovavo in dispensa.

Si possono decorare con degli zuccherini colorati o lasciarli semplicemente al naturale.

Ho infornato a 180° per circa 30/35 minuti.

Tenete d’occhio la cottura sottostante, se vi accorgete che sono cotti, posizionateli più alti per farli cuocere e dorare nella parte superiore.

I cuculi calabresi avvolti nella pellicola si mantengono per giorni morbidi, ma sicuramente non dureranno a lungo perchè son troppo buooniiiii! :- P

Donateli ai vostri amici e parenti, in occasione della Santa Pasqua, saranno sicuramente graditi!

Se hai gradito la mia ricetta, dai un occhiata alla mia pagina del blog cliccando qui, potresti trovare qualche altra ricetta interessante! 😉 Se vuoi essere aggiornato sulle mie ricette, puoi seguire la mia pagina facebook .