Maruzzelle o Lumachine di Mare in umido

Ma che è ‘sta Maruzzella? Innanzitutto una meravigliosa canzone, interpretata poi da Lina Sastri . . . , gustiamocela:

Ora, dopo aver nutrito animo e occhi, passiamo alla pancia. Le Maruzzelle, come è chiaro dal titolo sono le lumachine di mare e si cucinano quasi alla stessa maniera delle terrestri, almeno per noi.

_DSC9864fLa preparazione delle Maruzzelle richiede una fase anteriore alla cottura vera e propria. Per prima cosa occorre lavarle in acqua salata. e poi le mettiamo in una pentola con acqua salata e fredda e le portiamo lentamente ad ebollizione, ve le lasciamo per due o tre minuti, il tempo necessario ad una precottura ma sopratutto a farle fuoriuscire dal guscio. Dopo questo potremmo anche conservarle per qualche giorno in frigo. Avrà richiesto una oretta almeno. Questo è un preliminare comune a tutte le nostre preparazioni, per questa volta abbiamo scelto di fare Maruzzelle o Lumachine di Mare in umido e come è meglio, subito, allora, nel frattempo, si sarà messo a cuocere l’intingolo per la ripassata finale, per tutto questo basterà una mezzora tra preparazione e cottura. Volendo preparare le maruzzelle come secondo piatto a quattro commensali occorrerà:

  • un chilo almeno di Maruzzelle
  • una decina di Pomodori Appesi o, in mancanza, in bottiglia
  • tre o quattro cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva
  • un mazzetto di Origano
  • due o tre spicchi di Aglio
  • due Peperoncini secchi
  • quanto basta di Sale grosso e fino

Sinteticamente i passaggi della preparazione sono:

  1. Bollitura, partendo da acqua fredda e salata
  2. soffrittura dell’Aglio a fettine in Olio fino a coloritura
  3. aggiunta dei Pomodorini tagliati in due o quattro, con Origano e Peperoncini
  4. Portare a cottura i pomodori ed aggiungere le lumachine rigirandole e lasciandole insaporire per una decina di minuti, dipende dalle loro dimensioni e dalla precottura

Approfondiamo la preparazione, entriamo nei particolari

Diciamo che è una ricetta piuttosto facile, per una buona riuscita ha bisogno di assaggi, nella prima fase bisogna contenersi molto con il sale, meglio usarne poco fino all’intingolo, il momento per la aggiustatina finale. E’ bene che il sughetto sia piuttosto piccante e lungo, è il classico piatto per mangiare tanto buon pane, facendo “scarpetta”, è quello che si definisce con un termine desueto, companatico, il pane va infatti considerato un componente fondamentale del piatto, di lumachine, per quante ne vuoi mettere in bocca, non ne farai mai un boccone soddisfacente se non accompagnato.
Nella ricetta parliamo di Pomodori Appesi o in Bottiglia e Peperoncino secco, tutto conservato, quindi, se però fossimo in estate, non il loro periodo migliore per le maruzzelle però, ovvio che andremmo di prodotti freschi.
Abbondando con il condimento, in particolare con olio e pomodori, diciamo il doppio, si può ottenere una ottima salsa per saltarci due spaghetti o due linguine. Oggi offerta speciale “due ricette al prezzo di una”.

DSC_1174p

TROVATE ALTRE RICETTE CON E DI FRUTTI DI MARE CLICCANDO QUI

Sud Italia in Cucina all’EXPO 2015

Seguiteci anche su Facebook, cliccando qui andrete alla nostra pagina, se vi pare lasciate un “Mi Piace”

In Facebook  un nostro gruppo molto seguito
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià

Siamo anche su Twitter e in Google+

INDICE FOTOGRAFICO di tutti gli articoli pubblicati

Precedente Funghi sotto olio Successivo Ricci i Pasticcini di Mandorle