Spiedini di Melone e Gamberoni al Brandy

Spiedini di Melone e Gamberoni al brandy
Eroige
 
Il terrore aveva preso possesso di Eroige e la sua famiglia, come pure su tutti i contadini della zona, i vichinghi erano arrivati, erano tantissimi e pronti a saccheggiare tutto, a nulla erano valse le parole di Bjorn per calmarla, erano spacciati.
 
Le voci si facevano sempre più insistenti e vicine, proprio poco prima di veder buttare giù la propria porta d’ingresso, Bjorn uscì gridando di fermarsi subito o almeno, questo è quello che riuscì a comprendere la ragazza in quei momenti concitati.
 
Le voci si attenuarono sino a scomparire, un silenzio sinistro si era impadronito delle campagne, sembrava che tutti fossero spariti. Eroige mise la testa fuori dal suo nascondiglio, doveva vedere con i suoi occhi cosa stava accadendo -forse Bjorn aveva bisogno di aiuto- pensò la giovane.
 
Rassicurati e protetti, i suoi genitori spaventati, s’incamminò in silenzio verso l’uscio senza farsi sentire, quello che vide la lasciò senza fiato, una folla immensa di Norreni era accampata lì fuori, uomini e donne in tenuta da guerra, armati sino ai denti, dagli sguardi feroci.
Davanti a tutti loro Bjorn stava parlando e solo uno di loro osava rispondere a tono.
 
“Io sono vivo come potete vedere, questa famiglia mi ha curato e tra poco sarei stato pronto a tornare … “ Le parole dell’uomo continuarono a lungo, Eroige non riusciva a capire tutto da poco, infatti, aveva imparato qualche parola della sua lingua. –Quindi voleva andarsene- Pensò tristemente la ragazza.
 
 Dopo che si furono tutti calmati e accampati Bjorn, tornò da Eroige e cercò di spiegarle la situazione, non era facile dire ciò che doveva ma non aveva altre possibilità: “Loro calmi adesso, noi mangia ed io spiega cosa fare dopo”. La ragazza annuì poco convinta cercando di intuire i pensieri dell’uomo ma era impossibile, sembrava blindato in se stesso.
 
In quei giorni caldi, avevano raccolto molti meloni dalla campagna, Eroige ne prese diversi e ne annusò la buccia per capire quali fossero i più buoni e profumati, ne scelse tre, li tagliò servendoli sul piatto con del pesce essiccato, aveva, infatti, da poco scoperto che il dolcissimo melone si accoppiava perfettamente al salato pesce essiccato e sapeva che lui avrebbe molto apprezzato.

Il tempo era giunto, l’imbrunire era vicino e Bjorn doveva proseguire per la sua strada: “Mia donna io deve andare via, mia gente non aspetta io Re ho dovere di andare”. Calde lacrime coprirono il volto di Eroige, sapeva di questa eventualità ma faceva comunque male.
Lui le accarezzò il volto e asciugando le sue lacrime disse: “Non piangere Eroige, tu vieni con me, mia regina ek elska pik”.

Le aveva detto di amarla per la prima volta, lo abbracciò di slancio e lo baciò.
Un bacio caldo e avvolgente, dolce e salato, si separarono con il fiato corto e le parole pronunciate dalla ragazza spezzarono l’incantesimo: “Non posso Bjorn, qui c’è bisogno di me, non posso abbandonare i miei genitori”.  

Dall’uscio della sua modesta casetta lo vide andar via con la sua gente, avrebbe sempre portato dentro di se quell’amore immenso e gustando il melone con pesce essiccato, avrebbe sempre ricordato quel bacio fantastico che gli aveva rubato.

Cosa aspettiamo? Accendiamo i fuochi, si parte!

Guarda anche: Cavallucci biscotti, Eroige parte 1, Spaghettoni al pesto, Eroige parte 2, Caramello salato, Eroige parte 3

Spiedini di Melone e Gamberoni al Brandy
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura2 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • Mezzomelone (Piccolo circa 170 gr. pulito)
  • 8gamberoni (Argentini circa 140 gr. puliti)
  • 1/2 bicchierinobrandy
  • 12 fogliebasilico (Piccole)
  • 1 pizzicopeperoncino secco
  • q.b.sale
  • 2 cucchiaiolio extravergine d’oliva

Procedimento

  1. Per iniziare la ricetta degli Spiedini di Melone e Gamberoni al Brandy, staccare la testa del gamberone (decongelato o fresco) avendo cura di tirare via anche il budello, senza sgusciarlo.

  2. Versare in una padella un cucchiaio d’olio d’oliva, adagiare le code dei gamberoni, portare sul fuoco a fiamma alta e cuocere per 1 minuto per lato, sfumare con mezzo bicchierino di brandy dopodiché, spegnere la fiamma e lasciarli raffreddare.

  3. Spiedini di Melone e Gamberoni al Brandy

    Sgusciare i gamberoni ormai freddi, metterli in un piatto con olio, sale e peperoncino. Lasciar marinare qualche minuto.

  4. Spiedini di Melone e Gamberoni al Brandy

    Pulire e tagliare a pezzi il melone iniziando a comporre lo spedino alternandolo con una foglia di basilico e mezza coda di gamberone.

    Conservare in frigo per un’ora prima di servire.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.