Capra alla Neretese

Capra alla Neretese
 
Nereto, Teramo 1990.
“Marì, guarda che ti so portat!” Gigi, tutto contento era appena tornato a casa e chiamava a gran voce la moglie Maria. “Gigì, ma che è sà roba che porti sopra lì spalle?” disse la moglie, lo conosceva bene e sapeva che si faceva prendere dall’entusiasmo facile.
 
Lo aveva visto, infatti, già dalla finestra della cucina mentre percorreva a piedi il vialetto verso casa, con un fagotto grande tra le braccia “M’ha chiamato Maurizio e quando so arrivato là alla casa, teneva stù fagotto sopra lu tavolì, pensa tu, c’ha dato la capra a un prezzo veramente da amico!”.
 
Appunto, cosa aveva pensato Maria? –Madonna mì, fa che non mi riporta n’altra cosa strana- ed eccolo qui, “Va bon Gigì, posala ess dopo vedo quello che devo fare.” E dopo aver selezionato tutti i tagli e averli riposti in congelatore si dedicò alla cottura della coscia.
 
La tagliò in pezzi non troppo piccoli e dopo aver fatto un soffritto veloce di cipolla e chiodi di garofano la fece rosolare, sfumò con il vino, aggiunse acqua, pomodori, peperoncino e sale. Dopo 2 ore il profumo che arrivava dalla cucina metteva davvero l’acquolina in bocca.
 
Maria e i suoi piatti ineguagliabili era la cuoca più conosciuta in tutto il paese, aveva una grande fantasia e infatti, non contenta aggiunse alla capra in cottura, anche un bel peperone rosso fritto.
La sera, quando il marito assaggiò quel nuovo piatto disse: “Moglie mia, ma quant’è Bona!” e lei rispose: “Chi, io o la Capra alla Neretese?”.
 
Tra grandi risate e ottime mangiate, il Capra alla Neretese è divenuta il piatto per eccellenza dell’omonimo paese e di tutta la provincia di Teramo … una bontà da gustare in tutte le occasioni!
 
Cosa aspettiamo? Accendiamo i fuochi, si parte!
 
Guarda anche: Timballo alla teramana e Mostaccioli abruzzesi
 
Seguitemi per restare sempre aggiornati su Facebook e Instagram!

Capra alla Neretese
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura2 Ore 10 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti

  • 500 gcapretto (oppure la Capra a vostra scelta)
  • Mezzacipolla dorata
  • 4chiodi di garofano
  • 100 golio extravergine d’oliva
  • 1peperone rosso
  • Mezzo bicchierevino bianco
  • 400 gacqua
  • 300 gpomodori pelati (oppure pomodorini freschi)
  • 1/2peperoncino fresco (facoltativo)
  • q.b.sale

Procedimento

  1. Capretto alla Neretese

    Per iniziare la ricetta del Capra alla Neretese, tagliare in pezzi non troppo piccoli la carne (oppure farsela tagliare dal proprio macellaio di fiducia), soffriggere in un tegame abbondante olio d’oliva, la cipolla tritata e i chiodi di garofano per qualche minuto, aggiungere la carne e lasciar rosolare a fiamma vivace per 10 minuti.

  2. Sfumare con il vino bianco e quando l’alcol sarà evaporato aggiungere l’acqua, il sale e il peperoncino tritato. Coprire con un coperchio e lasciar cuocere a fiamma bassa per 1 ora e 30.

  3. Lavare, pulire e tagliare a striscioline il peperone rosso (facendo attenzione che sia ben asciutto), e friggerlo in abbondante olio d’oliva scolandolo poi su carta assorbente (in alternativa arrostire il peperone togliendo poi la buccia e i semi).

  4. Capretto alla Neretese

    Spezzettare grossolanamente i pelati e aggiungerli alla carne e lasciar cuocere ancora 40 minuti.

    Ultimo ma non meno importante, aggiungere i peperoni e lasciar insaporire il tutto per 10 minuti circa.

    Servire in tavola accompagnando una buona bruschetta di pane!

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.