MANTOVANE PANE a pasta dura IN SOLE 3 ORE

MANTOVANE PANE a pasta dura IN SOLE 3 ORE, un morbido e profumato pane originario di Mantova, dalla forma inconfondibile e realizzabile in sole 3 ore.
Questo pane che con questa forma mi ha sempre incuriosito, mi dava la sensazione di croccante fuori e morbido dentro, così leggendo decine di ricette, un pomeriggio ho deciso di provarci, oltretutto con la consapevolezza che avrei avuto del buon pane fresco per l’ora di cena.
Se hai voglia di provare diversi tipi di pane ti lascio curiosare anche questa ricetta di pane di semola di grano duro QUI, mentre QUI troverete le classiche Mafalde palermitane.
Per tante altre ricette seguitemi sulla mia pagina Facebook mettendo un MI PIACE QUI, o sulla mia pagina Instangram QUI.

Mantovane pane a pasta dura in sole 3 ore
  • DifficoltàMedia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni8/12 panini
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 kgFarina 0 (Oppure Manitoba, oppure Semola, oppure 00.)
  • 550 gAcqua
  • 20 gSale
  • 40 gOlio di oliva (oppure di semi se volete un odore meno forte)
  • 15 gLievito di birra fresco (oppure 7 g di quello secco, oppure 150 g di lievito madre)

Preparazione

  1. Mantovane pane a pasta dura in sole 3 ore

    Per la realizzazione delle vostre mantovane pane a pasta dura in sole 3 ore, metti un in recipiente o nella tua planetaria, la farina setacciata. Sciogli il lievito di birra nell’acqua tiepida e aggiungilo alla farina.

    Se utilizzi lievito di birra secco, aggiungilo direttamente nella farina ma aggiungi anche un cucchiaino di zucchero o miele.

    Se usi pasta madre, aggiungi la pasta madre appena rinfrescata e in forza a pezzettini nell’impasto.

    Impastate energicamente.

  2. mantovane pane a pasta dura in sole 3 ore

    Quando avrete ottenuto un bel panetto omogeneo, aggiungete il sale e per ultimo pian piano anche l’olio. Quando tutti gli ingredienti risultano ben amalgamati, otterrete un panetto di pane ben compatto che non si appiccica nelle mani.

    Formate una palla, mettetela in una ciotola, coprite con coperchio o pellicola e lasciatela riposare mezz’ora.

  3. Quando il vostro panetto ha riposato. Dividete il vostro pane in 8 pezzi da 200 g circa.

    Con questa pezzatura otterrete dei panini piuttosto grandi, se volete una pezzatura leggermente più piccola ricavate 12 pezzi di circa 135 g ciascuno.

    Con questi pezzi fate delle palline e mettetele da parte coperte da un canovaccio da cucina.

    Prendete una pallina e stendetela con il mattarello creando una lingua di pasta stretta e lunga, come nell’immagine.

    Tenete con una mano la parte bassa e tirando pian piano arrotolate. Ogni volta che fate un giro, stirate tirando il rotolino che avete in mano verso l’alto come per allungare ancora la pasta.

  4. mantovane pane a pasta dura in sole 3 ore

    Ottenuto il rotolino, giratelo per il lungo, come vedete nella terza immagine.

    A questo punto, stendete il rotolino con il mattarello e ricreate nuovamente un’altra lingua di pasta che andrà nuovamente arrotolata con lo stesso meccanismo di prima.

    Il vostro panino è pronto.

    Mettetelo in una teglia coperta da carta forno a lievitare.

    Procedete così per tutti i panini, considerate che vi serviranno due teglie grandi quando una leccarda del forno, i panini devono essere ben distanziati tra loro perché aprendosi e lievitando prenderanno almeno il triplo della loro attuale dimensione.

    Lasciate lievitare i panini coperti con un canovaccio 2 ore.

  5. Dopo due ore, accendete il forno e lasciate riscaldare a 200° C. Quando sarà arrivato a temperatura, incidete il pane al centro con un coltello affilato o con un lametta come ho fatto io. Incidete da chiocciolina a chiocciolina incidendo più volte arrivano fino al centro del pane. Da solo pian piano vedrete che si apre.

    Infornatelo subito, senza fargli prendere troppa aria.

    Lasciate cuocere 10 minuti con forno statico, poi abbassate a 180 ° C per altri 20 minuti.

    Quando il vostro pane sarà ben dorato e cotto, lasciatelo raffreddare possibilmente in una posizione dritta, magari appoggiato a qualcosa.

    Sarà un pane profumato, bello pieno, croccante fuori e morbido dentro!

    Alla prossima da Sapore di Arianna!

4,9 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Torta Girella con crema pasticcera nell'impasto Successivo Crespelle ai Carciofi e prosciutto cotto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.