storia della pizza

Storia della pizza

Innanzitutto la parola “pizza” è stata detta per la prima volta nel 997 dC a Gaeta (regione Campania) Italia, e successivamente in diverse parti del Centro e Sud Italia.

Inizialmente la pizza era probabilmente la focaccia, un pane piatto noto ai romani come “panis focacius” in latino, per il quale sono stati poi aggiunti condimenti per creare vari tipi di pizza.

Origini

Alimenti simili alla pizza sono stati trovati incredibilmente fin dall’età neolitica.
In Sardegna, archeologi francesi e italiani hanno trovato pane cotto oltre 7.000 anni fa. Secondo il professor Philippe Marinval,Gli antichi sardi hanno lievitato questo pane.
Mentre gli antichi greci avevano una focaccia chiamata plakous (Plakountos), che è stato impastato con ingredienti come erbe, cipolla e aglio.

Tracce dal mondo

Altri esempi di focacce che esistono ancora oggi nel mediterraneo antico sono la focaccia (che potrebbe risalire fino all’antica Etruschi), Coca (che ha varietà dolci e salati) dalla Catalogna, Valencia e le Isole Baleari, la Pita greco , lepinja nei Balcani e la Piadina nella parte Romagna della Regione Emilia-Romagna in Italia.

Gli alimenti simili a focacce in altre parti del mondo sono il Paratha indiano (in cui il grasso è incorporato), il Centro e Sud dell’Asia Naan (lievitato) e Roti (azzimo), il sardo Carasau, Spianata, Guttiau, pistoccu e il finlandese Rieska.

Nel 16 ° secolo a Napoli, per la prima volta una focaccia qualsiasi di quel periodo venne chiamata” pizza “. Conosciuto come il piatto dei poveri allora. La pizza venne venduta per strada ma ancora non era considerata una vera e propria ricetta di cucina per un lungo periodo. Infatti è stata apportata una modifica alla classica focaccia, grazie all’aggiunta di olio e pomodori (dopo gli europei sono entrati in contatto con le Americhe). Nel 1843, Alexandre Dumas, père, ha descritto la diversità dei condimenti della pizza. Una storia spesso raccontata sostiene che l’11 giugno 1889, per onorare la consorte regina d’Italia, Margherita di Savoia, il napoletano pizzaiolo Raffaele Esposito creò la più famosa delle pizze : La “Pizza Margherita “, una pizza guarnita con pomodoro, mozzarella e basilico, per rappresentare i colori nazionali dell’ Italia, presenti sulla bandiera italiana.

La pizza è in questo periodo un tipo di pane e pomodoro piatto, spesso servita con formaggio. Tuttavia, fino alla fine del XIX o all’inizio del XX secolo, il piatto era dolce, non salato, e le versioni precedenti che erano più salate assomigliavano alle moderne schiacciatine.

Storia antica e contemporanea della pizza

Pizza contemporanea

Ora la pizza contiene moltissime varietà di gusti tra dolce e salato è diventata una vera e propria arte gourmet che è il sinonimo di qualità.
Eccovi alcuni tipi di pizze da preparare a casa tra le classiche alle più sfiziose:

Pizza napoli
pizza margherita
Pizza rossa
Pizza napoletana
Pizza marinara
Come fare la pizza vegana a casa

Come preparare la pizza con insalata di pollo

Altrimenti guarda il video divertente della storia della pizza napoletana>>

Vi ricordo che potete seguire Ricetta Gourmet ed il nostro staff anche su Facebook e google+ e condividere se ti è stato utile sui sopraelencati social.
Grazie di cuore a tutti

Precedente insalata di riso Successivo Ricetta pizza con mozzarella di bufala e pachino